Viaggio nei sotterranei di Ho Chi Minh: i tunnel aperti al turismo

di Federica Giuliani | @traveltotaste

Il [b]Vietnam[/b] è un Paese sempre più visitato per la sua storia e per la natura rigogliosa, ma custodisce dei segreti che vale la pena scoprire.

I [b]tunnel di Cu Chi[/b], ad esempio, costituiscono una rete sotterranea che fu usata negli anni Quaranta dai guerriglieri Viet Minh, durante la lotta contro le forze francesi, e negli anni Sessanta e Settanta dai Viet Cong, mentre combattevano contro il Vietnam del Sud e gli Stati Uniti, durante Guerra del Vietnam.
Un intreccio complesso che si estende fino al confine con la Cambogia, continuando anche oltre, che è stato utilizzato per vari traffici e infiltrazioni sia di persone che di materiali.

Addentrarsi nei tunnel, larghi quanto le spalle di una persona, è come entrare in un mondo alternativo, che evoca storie misteriose. [url”Un po’ come fosse Narnia.”]http://travelglobe.it/Detail_News_Display?ID=80522&typeb=0&narni-Sotterranea-un-tour-che-non-risparmia-brivido-e-suggestione[/url].
Un totale di 220 chilometri di gallerie divisi su tre livelli di circa sei metri e profondi dieci, dove sono transitate più di diecimila persone.
I tunnel furono scoperti da un soldato americano che pensò di essere stato punto da uno scorpione, mentre si era seduto su una delle trappole installate all’ingresso di una galleria.

[b]VISITARE I TUNNEL DI CU CHI[/b]

L’ingresso ai tunnel visitabili si trova a trenta chilometri da Ho Chi Minh e prevede un biglietto pari a circa tre euro. Trattandosi di gallerie molto strette e buie, la visita è sconsigliata a chi soffre di claustrofobia. Chi vorrà entrare, invece, scoprirà un mondo parallelo, quasi fuori dalla realtà, dove tante persone hanno vissuto per anni. Durante il percorso si possono vedere le trappole utilizzate per fermare il nemico e la complicata distribuzione delle gallerie, che prevedeva un sistema di evacuazione fumo e di fornitura idrica molto ingegnoso.

Un tuffo nella storia, per quanto dolorosa, è sempre utile per non dimenticare gli orrori del passato.

[b]Info[/b]: [url”Cu Chi Tunnel Tour”]http://www.cuchitunnelstours.com/ [/url]

© TravelGlobe RIPRODUZIONE RISERVATA

POTREBBE INTERESSARTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *