Egitto, trovata statua di otto metri di Ramses II

DatA

Egitto, trovata statua di otto metri di Ramses II

image_pdfimage_print

183528921-748ec6bd-4806-45e2-b489-7a39cad2bfee

di Francesca Spanò | @francynefertiti

Sepolta nel fango, eppure pronta a ritornare alla luce in tutto il suo splendore. In Egitto, l’ennesima incredibile scoperta ha fatto esultare gli archeologi. In una baraccopoli nella parte orientale del Cairo, per la precisione nell’antica città di Heliopolis, è stata ritrovata una statua di Ramses II alta otto metri. A notare il prezioso reperto ed a disseppellirlo, sono stati degli studiosi egiziani e tedeschi da un cumulo di acqua e detriti. L’area è quella in cui vive la classe operaia di Matariya.

Un capolavoro che parla di un passato lontano

La zona ha un valore storico particolare, così come il colossale oggetto, perché vi sorgeva la città di Eliopoli, considerata sacra e dedicata al Dio Sole. Il faraone ne aveva voluto perciò la nascita di un maestoso tempio e probabilmente proprio della statua. Realizzata in quarzite rappresenta lo stesso regente che fu a capo di tutto tra il 1279 e il 1213 a.C.

Un ritrovamento sensazionale

Succede spesso nella storia dell’Egitto di parlare di Ramses II, detto il Grande e questo ne è l’ennesimo caso. Veniva ricordato pure col nome di Ozymandias e cambiò i confini del regno fino all’attuale Siria a est e fino alla Nubia (attuale Sudan) a sud. Gli uomini al lavoro nella zona, hanno notato il busto e parte della testa con la corona e continuando a scavare pure l’occhio destro. Subito hanno capito che si trattava di una scoperta tra le più notevoli della storia recente. Non si tratta del resto dell’unica novità in questo senso. Recentemente, infatti, è stato riportato alla luce un altro capolavoro composto da 66 statue in diorite raffiguranti la dea dalla testa leonina Sekhmet e risalenti a 3.300 anni fa. Erano nel tempio del faraone Amenhotep III a Luxor, Karnak, l’antica Tebe.

© TravelGlobe RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Articoli
Correlati