Repubblica Ceca, arte e shopping: nella Cristal Valley, ecco gli indirizzi da non perdere

DatA

Repubblica Ceca, arte e shopping: nella Cristal Valley, ecco gli indirizzi da non perdere

image_pdfimage_print

di Francesca Spanò | @francynefertiti

La Repubblica Ceca non è, ovviamente, solo la bellissima Praga che ogni italiano ama profondamente. Questa terra non ha esclusivamente una lunga storia, ma vive ancora di profonde tradizioni che passano dalla produzione di birra artigianale e, soprattutto, dalla realizzazione di vere opere d’arte in vetro.

Un salto nella Valle del Cristallo di Boemia

Il cristallo di Boemia, prodotto nell’omonima regione, è famoso in tutto il mondo e le sue fragili trasparenze e il suo delicato tintinnio sono il risultato di un lungo lavoro di fronte a fornaci incandescenti e abili mani che velocemente ne plasmano il materiale ancora fuso. Ecco perché ogni pezzo è unico e ricorda quanto l’amore per il proprio lavoro, possano produrre dei piccoli grandi capolavori che spesso osserviamo distrattamente ignorandone il valore profondo. La Crystal Valley, dunque, è un percorso tra vetrerie, fucine a carattere industriale o familiare e shop annessi. La Boemia, però, è anche terra di terme e centri benessere, di pellegrinaggi religiosi, di boschi verdeggianti e di avventurose passeggiate alla ricerca di cascate dall’acqua fresca e scrosciante. Il viaggio, dunque, può essere personalizzato e declinato a seconda delle proprie esigenze.

A caccia di oggetti unici nella Valle del Cristallo di Boemia, per gli amanti della cultura e dello shopping

Raffinati calici, “magiche” sfere per chiaroveggenti, collane, coppe dall’aspetto antico o oggetti di design. Visitare le vetrerie d’arte è molto divertente nella regione di Liberec, in particolare, e al confine tra la Germania e la Polonia. Oggi la bigiotteria d’artista diventa accessibile a tutti, ma la tradizione artigianale è antica di almeno 7 secoli e sopravvive nelle botteghe tradizionali di vetrai e soffiatori, che si tramanda di padre in figlio. Qualche indirizzo da segnare in agenda? Ecco dove andare:

  • A Kunratice u Cvikova, c’è la fucina del signor Pacinek (Pacinek Glass) e, da quest’anno, c’è tra le novità il Tempio di Cristallo. Durante il lockdown, infatti, il suo staff ha lavorato creando dei piccoli capolavori in vetro che hanno abbellito la vicina chiesa rendendola unica al mondo. Intorno alla fabbrica, inoltre, lo sguardo si perde nel Cristal Garden, un giardino di vetro colorato che riprende elementi della flora e della fauna, in modo magistrale.

  • Nella Cristal Valley il nome di punta è sicuramente la Lasvit Ajeto, a Lindava, del gruppo Lasvit.

  • Il meglio della produzione vetraia, dell’oreficeria e della bigiotteria d’artista nei secoli sono rappresentati all’interno di diverse mostre permanenti all’interno del meraviglio Museo del vetro e della bigiotteria di Jablonec and Nisou, assolutamente imperdibile.

  • Per chi è in cerca del Natale in ogni angolo, invece, l’indirizzo giusto è quello di Ponikla, dove si trova un brand dal grande nome. Si chiama Rautis ed è un marchio conosciuto in tutto il mondo per la produzione di addobbi a tema, anche molto particolari e decorazioni varie. I clienti possono scegliere come assemblarli insieme a delicate perle di vetro soffiato, scoprire come vengono prodotte o prendere parte ai giornalieri corsi aperti al pubblico.

L’arte in giro per la Repubblica Ceca

Nonostante il Covid-19 stia fermando diverse attività, è bene ricordare che di solito nel corso dell’anno, la produzione di perle e vetro diventa anche itinerante. Non mancano feste, sagre e fiere ad hoc tra banchetti, artigianato e shopping. Un esempio su tutti è rappresentato dal Festival del Vetro di Novy Bor che si svolge a giugno, ma c’è anche il Festival del Vetro di Sant’Anna di Jizerka, nei Monti Jizerske, e a settembre la  Fiera dei Vetrai di Jablonec nad Nisou e, ogni tre anni, a Kamenicky Senov si incontrano gli incisori di vetro.

© TravelGlobe RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli
Correlati