Benessere in Germania: 5 centri termali da provare

DatA

Benessere in Germania: 5 centri termali da provare

di Silvana Benedetti Il wellness non è una moda del momento, tantomeno una parola coniata di recente. Infatti, già nel secolo XVII, era in uso nell’inglese del tempo come espressione di salute e benessere. Nella frenesia della vita quotidiana raggiungiamo spesso i nostri limiti di carico. Allora è necessario fermarsi, staccare la spina, per tornare ad apprezzare la vita attraverso tutti i sensi. Per questo motivo, il wellness riveste un significato sempre più crescente anche a livello mentale e spirituale. E quali sono i luoghi ideali dove allentare i ritmi e ritrovare il proprio equilibrio interiore? La risposta è semplice: le terme. La Germania, rinomata per le sue acque termali sin dai tempi dei Romani, si conferma sempre più come meta deputata e ben attrezzata per una vacanza all’insegna della salute, del relax e della forma fisica. Peraltro, i centri termali in Germania sono il più delle volte immersi in contesti di grande bellezza e vicino a importanti città d’arte: un viaggio che coniughi entrambe le esperienze, può essere davvero gratificante per corpo e spirito. Ma come orientarsi tra le numerose ed accattivanti proposte delle località termali? Vi diamo qualche suggerimento.

Bad Ems: le terme imperiali

Bad Ems è un’incantevole cittadina situata all’interno del Parco Naturale di Nassau, nel cuore del triangolo formato dai fiumi Reno, Mosella e Lahn, nella regione Renania-Palatinato. La tradizione termale di Bad Ems risale addirittura al Medioevo. Nel XIX secolo erano soprattutto gli zar russi, imperatori, re, principi, uomini di stato ed artisti a soggiornarvi per curare malattie o ricaricarsi di nuova forza e vitalità. Per questo Bad Ems era a quel tempo meglio conosciuta come Kaiserbad (terme imperiali), un  chiaro riferimento ad uno dei suoi ospiti più famosi: l’Imperatore Guglielmo I, assiduo frequentatore della località, per quasi vent’anni. Le terme di Bad Ems, con la loro dote di 15 sorgenti minerali, rappresentano una struttura  all’avanguardia, formata da  quattro cliniche di riabilitazione,  un  centro Ayurveda e numerosi servizi medici specialistici. Nell’ Emser Thermen, il moderno centro termale, trovano posto sette vasche con diverse temperature, il bagno di vapore alle erbe, le stanze di inalazione con il sale di Ems e differenti tipi di saune. La struttura si contraddistingue anche per il particolare design che abbina funzionalità ed estetica. Il tema dominante è il ciottolo di fiume. Ogni singolo elemento dell’edificio è modellato con una varietà di pietre stratificate che si sovrappongono o si accostano tra di loro, proprio come i ciottoli sulla riva del fiume Lahn.

Bad Dürrheim: l’oro bianco della Foresta Nera

La località di Bad Dürrheim è apprezzata sia come stazione termale di acqua salata, sia come stazione climatica, motivo che la rende doppiamente  attrattiva. Il sale è l’oro bianco di Bad Dürrheim, una ricchezza che si estrae nelle vicine miniere alla profondità di 320 m.  Quelle di Bad Dürrheim   sono, tra l’altro,  le  uniche terme saline della Foresta Nera, note anche oltre i confini del Baden-Württemberg e  vantano una tradizione di oltre 150 anni. Ma quali sono i benefici che si ottengono con i bagni a base di soluzione salina? Un miglioramento della pressione sui muscoli e sulle articolazioni, il rafforzamento del sistema cardiovascolare e respiratorio, la stimolazione e la rigenerazione della pelle. Punta di diamante della stazione termale è l’imponente Solemar Center, che ospita ogni genere di attrazioni: 13 piscine interne ed esterne, con acqua a temperature diverse, saune, bagno turco tematico, e vasche Kneipp.  Nella grotta di sale del Mar Morto vengono utilizzati circa 9500 mattoni di sale. Al suo interno, l’aria pura e ionizzata combinata con suoni dolci ed effetti luminosi,  garantisce un rilassamento perfetto. A Bad Dürrheim i visitatori hanno a disposizione anche un bel parco termale, 100 chilometri di piste ciclabili, sentieri e percorsi di nordic walking.

Bad Homburg vor der Höhe: aria di champagne

Sorge poco distante dalla vita frenetica di Francoforte sul Meno, vicino ai tranquilli boschi del Taunus. Bad Homburg è una delle località termali e di cura più belle della Germania. Nel dedalo di vicoli tortuosi della città vecchia si trovano belle casette a graticcio, piccoli negozi, graziosi caffè e locali.   Il parco termale, uno dei più grandi d’Europa, fu realizzato tra il 1854 e il 1867 su progetto del famoso architetto di giardini della casa reale prussiana, Peter Joseph Lenné. Lungo i viali del parco si incontrano varie fonti di acque minerali, lo storico stabilimento termale Kaiser Wilhelm Bad, il casinò, il “Siamesische Tempel”, un curioso tempietto orientale e infine le Taunus Therme, con un panorama acquatico di 1400 metri quadrati.  Sei sorgenti saline fredde ricche di anidride carbonica, una sorgente di acqua salina e due sorgenti di acqua ferrosa, sono utilizzate per cure idropiniche e la balneoterapia. Numerose sono le indicazioni terapeutiche: malattie cardio-vascolari e circolatorie, malattie delle ossa e dell’apparato motorio, reumatismi, disfunzioni dell’apparato digerente, malattie della pelle, deperimento fisico e convalescenze. L’imperatore Guglielmo II apprezzava questa località termale per l’atmosfera salubre e l’ambiente esclusivo. Ma anche una famosa contessa inglese nobilitò l’aria del Taunus con un magnifico complimento: “In questo luogo si respira aria di champagne”.

Bad Reichenhall: terme saline nel cuore delle Alpi Bavaresi

Abbracciata dalla bellezza del paesaggio e protetta da un clima scevro dai capricci meteorologici, Bad Reichenhall, definita come la “Perla delle Alpi”, vanta un glorioso passato legato alla produzione e al commercio del sale. Le riserve di sale, che affiorano come sorgenti naturali, venivano sfruttate in maniera assai intensa già nel primo Medioevo. Nel 1890 la città ottenne la nomina regia ufficiale di Bad ( terme) e dal 1899 ospita le terme statali Bavaresi. L’acqua terapeutica AlpenSole di Bad Reichenhall è uno straordinario rimedio naturale, che ha effetto positivo sulla mente e sullo spirito, indipendentemente dalla patologia che si vuole curare. Lo stabilimento termale Rupertus offre piscine interne ed esterne con temperature che variano da 32 a 40°C. Un’area sauna, un centro benessere, un’area terapeutica e un centro fitness. Il giardino termale ben curato e la sala circolare, rappresentano gli ambienti ideali per i concerti della Filarmonica di Bad Reichenhall, un interessante e piacevole completamento dei molteplici programmi culturali della città.

Bad Schandau: trattamenti Kneipp per la vita in movimento

A soli 40 chilometri di distanza da Dresda, si trova il centro di cura più antico della Svizzera Sassone: Bad Schandau. Una cittadina medievale e pittoresca, adagiata nella valle dell’Elba. Già nel 1810, il letterato tedesco Theodor Körner, definì Bad Schandau “il luogo in cui la natura esprime la propria forza e la propria opulenza”. Nel 1920 la località ha ottenuto il riconoscimento ufficiale di luogo termale, che nel corso degli anni si è trasformato in un moderno centro Kneipp, con diverse strutture che offrono trattamenti per la salute. Le terme, i fisioterapisti specializzati, i naturopati e gli istituti benessere, arricchiscono e completano l’offerta di questa rinomata cittadina. Oltre alla terapia completa Kneipp, il centro è specializzato nei disturbi della digestione, del metabolismo e della circolazione. Gli amanti delle vacanze attive possono organizzare un’escursione tra i picchi di arenaria del vicino e bellissimo Parco Nazionale della Svizzera Sassone, percorrere il sentiero dei pittori (Malerweg) oppure pedalare lungo la pista ciclabile dell’Elba. E se al rientro i muscoli saranno doloranti per lo sforzo compiuto, niente paura: un’immersione nella piscina di acqua salata saprà restituire al corpo vitalità e leggerezza. Infowww.germany.travel © TravelGlobe RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividi su facebook
Condividi su twitter

Articoli
Correlati

SEI PRONTO AD ANDARE OLTRE?

Abbonati a TravelglobeOLTRE e accedi ai nostri contenuti speciali: contest fotografici, monografie, interviste e approfondimenti.