Mare d’amare: le spiagge della Calabria che ci piacciono di più

DatA

Mare d’amare: le spiagge della Calabria che ci piacciono di più

di Redazione | @travelglobemag

Scenografiche insenature, falesie a strapiombo sul mare, baie isolate e lingue di sabbia bianca finissima dove concedersi pigre ore al sole estivo. Le spiagge della Calabria sono moltissime e non è semplice decidere quali siano le più belle: quasi 800 chilometri di costa selvaggia bagnata da Ionio e Tirreno offrono una vasta scelta. Abbiamo pensato di segnalarti le imperdibili, quelle più segrete dovrai andare a cercarle di persona.

Spiagge della Calabria che dovresti vedere

Mar Tirreno

Spiaggia dell’Arco Magno: Nel Golfo di Policastro, raggiungibile a piedi da Praja a Mare, c’è questa piccola lingua di sabbia fine e ciottoli che si raggiunge attraverso i sentieri scavati nella roccia. La spiaggia deve il nome a uno stretto arco naturale dal quale l’acqua del Tirreno si insinua fino ad allargarsi in una piccola laguna a forma di mezzaluna. Al tramonto, si può ammirare il sole infuocato attraverso l’arcata.

Grotticelle: Graniti e macchia mediterranea incorniciano il mare limpido del Tirreno. Le tre baie di Grotticelle culminano con il promontorio di Capo Vaticano e ti conquisteranno anche per i profumi della vegetazione che, fondendosi con quello del mare, offrono una vera terapia aromaterapica.

Diamante: Omen nomen per questa spiaggia bianca bagnata da mare luccicante come la più preziosa delle pietre. Affacciata sulla Riviera dei Cedri, è famosa soprattutto per lo snorkeling: l’isolotto di Cirella, raggiungibile in barca offre molte interessanti grotte ricche di flora e fauna.

Tropea: Un antico borgo scavato nella roccia che si tuffa nel mare di smeraldo. Tropea non non ha bisogno di presentazioni e, anche se molto famosa, merita di essere ammirata e vissuta.

Mar Ionio

Soverato: Nella zona sud del Golfo di Squillace, è frequentata a tutte le ore. La presenza dei tanti locali e ristoranti non ne fa la spiaggia più tranquilla della Calabria ma siamo certi che non vorrai privarti di un tuffo nelle sue acque che sono state dichiarate Parco Marino Regionale, per la presenza di numerose colonie di Hippocampus, sempre più rari nei nostri mari.

Cirò Marina: Splendido borgo medioevale ricco di storia, si affaccia su una costa di ciottoli multicolore che si trasforma in fine sabbia nella spiaggia di Punta Alice. Le folte pinete e le acque pure offrono ombra naturale e refrigerio.

Caminia: Un piccolo tratto di morbida sabbia bianca che si trasforma in ciottoli verso il mare, che diventa subito profondo. Tra le tante meraviglie ci sono la Grotta di San Gregoriano e l’omonima spiaggetta, un tempo raggiungibile anche a piedi, ora solo via mare da esperti nuotatori.

© TravelGlobe RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli
Correlati

SEI PRONTO AD ANDARE OLTRE?

Abbonati a TravelglobeOLTRE e accedi ai nostri contenuti speciali: contest fotografici, monografie, interviste e approfondimenti.