Cipro: sulle orme del mito di Afrodite

DatA

Cipro: sulle orme del mito di Afrodite

di Silvana Benedetti

Qualcosa di [b]Cipro[/b] ti induce a ritornare. Non sai bene esattamente cosa sia, se un ricordo o un canto di sirena. Ma questa isola verde, baciata dal sole tutto l’anno, posta in un angolo di Mediterraneo, che ne ha forgiato il carattere, riesce a coinvolgere i sensi. C’è tutto: il profumo inebriante degli eucalipti e del rosmarino, le intense pennellate di colore di una natura rigogliosa e felice, la luce accecante delle scogliere, lo scenario perfetto di spiagge bianche, lambite da un mare turchese dalle infinite sfumature. Ci sono anche i sapori di una cucina ricca e gustosa: i tradizionali mezè ciprioti, esaltati dallo stuzzicante e salato formaggio halloumi, con il tocco finale, dolce e fruttato della Commandaria, l’antico vino caro a Riccardo Cuor di Leone. E infine ci sono i Monti Troodos, una delle attrattive più incantevoli di tutta Cipro, che custodiscono in un paesaggio di foreste e odorosi agrumeti, decine di magnifiche chiese bizantine dichiarate [url”Patrimonio UNESCO”]http://travelglobe.it/CUORE/Siti-UNESCO-in-Italia-10-luoghi-da-vedere-che-forse-non-conoscete[/url].

[b]NEL REGNO DELLA BELLEZZA[/b]

Cipro è la naturale cerniera tra Oriente e Occidente, un’isola in cui convivono testimonianze dei tanti popoli che, in 10.000 anni di storia, si sono incontrati e mescolati numerose volte, lasciando un’eredità archeologica di incalcolabile valore. Ma da che parte si comincia a raccontare di Cipro, se non da lei, da Afrodite, la mitica Dea Olimpica dell’Amore e della Bellezza, protettrice dell’isola, nata, secondo la leggenda, dal mare di Pafos, ed emersa in un trionfo di schiuma, dando vita a un culto sopravvissuto fino ad oggi.

[b]CAPITALE DELLA CULTURA 2017 E PATRIMONIO UNESCO[/b]

Pafos, designata capitale della cultura 2017, è un’incantevole città della costa occidentale dell’isola, con un porticciolo caratteristico, trasformato in un’area semi-pedonale, che alla sera si declina in un’oasi di divertimento. Ma al di là della sua vocazione ludica, l’intera città, capitale ai tempi di Greci e Romani, è patrimonio dell’umanità, protetta dall’Unesco, e racchiude alcuni dei siti archeologici più affascinanti dell’isola, come gli elaborati e variopinti mosaici e le misteriose tombe dei re.

[b]I MOSAICI DI PAFOS[/b]

Nel sito archeologico di Kato Pafos, si è circondati dall’illustre passato dell’isola, tra piante mediterranee e profumi di capperi e finocchietto. I pavimenti a mosaico delle ville patrizie, risalenti ad un periodo compreso tra il III ed il V secolo d.C., sono considerati tra i più raffinati di tutto il Mediterraneo orientale. I mosaici, raffiguranti principalmente scene tratte dalla mitologia greca, furono scoperti per caso nel 1962, da un agricoltore che stava arando il suo campo. I mosaici della Casa di Dioniso ritraggono il dio del vino, mentre la Casa di Teseo prende il nome proprio da un mosaico, che raffigura l’antico eroe greco mentre brandisce un randello contro il Minotauro.

[b]MECCA DEI GOLFISTI[/b]

Pafos è anche considerata la Mecca dei golfisti che, dalla primavera a novembre inoltrato, possono cimentarsi su 4 campi da golf ineccepibili: il Minthis Hills Golf Club, realizzato nel 1994 su disegno di Donald Steel; il Secret Valley Golf Club, l’ Aphrodite Hills Golf Club, progettato dall’americano Cabell Robinson e l’ultimo nato l’Elèa Golf Club.

[b]LA PENISOLA DI AKAMAS[/b]

L’aspro e selvaggio paesaggio intorno al capoluogo è sicuramente il più affascinante di tutta Cipro. Il Parco Naturale di Akamas è una rigogliosa riserva naturale ancora intatta, attraversata da itinerari naturalistici e cicloturistici, che portano alla scoperta di un’interessante flora endemica. La convivenza di diversi microclimi su questa porzione d’isola è all’origine di oltre 500 piante e di una fauna ricca soprattutto di specie ornitologiche. E’ qui, nascosta nella vegetazione, la sorgente dove amava refrigerarsi la Venere, nota come Bagni di Afrodite, il luogo dove, secondo il mito, la dea incontrò Adone il suo bellissimo amante, fermatosi per bere durante una battuta di caccia. Il lato sud-occidentale di questa penisola, a forma di incudine protesa nel mare, è punteggiato di magnifiche calette. Sulla lunga spiaggia di sabbia e ciottoli di Lara , una baia circondata da rocce calcaree e lambita da acque calme e cristalline, si trova una stazione di riproduzione per le tartarughe caretta caretta, una specie fortemente minacciata in tutto il bacino del Mediterraneo.  
Trascorrete qualche giorno nelle alture di Akamas. Quasi tutti i villaggi della zona vantano splendide dimore tradizionali trasformate in agroturismi e offrono prelibati piatti locali, serviti nelle taverne frequentate dalla gente del posto.

[b]VOLARE A CIPRO[/b]

Raggiungere Cipro è comodo, facile ed economico. Oltre ai voli proposti dalle Compagnie low cost di Easy Jet ( da Milano), Ryanair ( da Roma) e Vueling ( da Roma), la Compagnia [url”Aegean Airlines”]http://it.aegeanair.com[/url], fino a fine ottobre ha collegamenti aerei diretti da Milano a Larnaka (a/r)- 2 volte la settimana.

[b]Info[/b]: [url”Ente Turismo Cipro”]www.turismocipro.it [/url] | [url”Visit Cyprus”]www.visitcyprus.com[/url]

© TravelGlobe RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli
Correlati