Wine trekking in Italia: camminare con gusto

wine trekking

di Federica Giuliani | @traveltotaste

Unire l’attività fisica ai piaceri del palato è ciò che di meglio si possa fare per il proprio benessere psicofisico. Il wine trekking, infatti, abbina la scoperta del territorio a piedi alla degustazione di buon vino ed è un’attività adatta a ogni periodo dell’anno. In Italia, terra votata alla vinificazione, ci sono molte possibilità di fare wine trekking, ma ne ho selezionata qualcuna particolarmente meritevole di una gita.

Wine trekking nelle Marche

Nelle cantine di Fiorenzuola di Focara, splendido borgo nel Parco Regionale del Monte San Bartolo, si può assaggiare un buon Sangiovese. Si raggiungono con una passeggiata non particolarmente impegnativa, che permette di salire fino alle pendici della falesia sul mare, dove la brezza marina aiuta a creare vini armoniosi ma dalla struttura complessa.

Per degustare il Rosso Piceno, invece, bisogna raggiungere Ripatransone, che si distingue per i suoi palazzi nobiliari. Qui si dice che ci sia il vicolo più stretto d’Italia: soli 34 centrimetri di larghezza. Già il poeta latino Plibio parlava del vino in questo territorio. In uno dei suoi racconti, infatti, parla di Annibale che , scendendo verso Roma, fece tappa nella zona Picena e , vedendo i cavalli del suo esercito in difficoltà , decise di farli curare con delle frizioni di vino rosso invecchiato.

Wine trekking in Lombardia

In Franciacorta l’azienda vinicola Al Rocol di Ome, in provincia di Brescia, ha mappato i percorsi di trekking più belli dal punto di vista paesaggistico da alternare a momenti di degustazione.

La passeggiata, che dura circa tre ore, si svolge durante i week end  tra gli angoli più remoti del territorio per raggiungere punti suggestivi e panoramici.

Wine trekking in Umbria

Nella terra del Sagrnatino ci sono molti percorsi da fare per assaggiare i deliziosi vini umbri. Se, però, preferite farvi accompagnare da sommelier competenti potete rivolgervi a Discovering Umbria per scoprire una delle regioni più belle d’Italia. Quattro itinerari, che prendono il nome dai luoghi nei quali il vino ha origine: “Strada del Vino dei Colli del Trasimeno”, vicino al Lago Trasimeno ,”del Cantico”, da Assisi a Todi, “del Sagrantino”, nelle aree di Montefalco e Bevagna, “Etrusco-Romana”, da Orvieto ad Amelia.

Quale itinerario scegli?

© TravelGlobe RIPRODUZIONE RISERVATA

POTREBBE INTERESSARTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *