Un convento della Noto barocca, diventa un’oasi di charme

DatA

Un convento della Noto barocca, diventa un’oasi di charme

image_pdfimage_print

di Francesca Spanò | @francynefertiti

Un antico convento trasformato in un’oasi di charme per i turisti che vogliono scoprire la bellezza della Noto Barocca. Casa AuriSPA’ è parte di un progetto visionario di riqualificazione urbana, in un territorio particolarmente suggestivo della Sicilia che va protetto e fatto conoscere sempre più.

Curiosità

L’antica struttura si trova nel centro storico cittadino e, Aurispa 143, è stata riportata a nuova vita grazie all’interior designer Samuele Mazza, certo che un’attenta riqualificazione potesse esaltarne lo stile e le atmosfere locali. Nello stesso tempo, può accendere i riflettori sul comune in provincia di Siracusa che nonostante sia molto conosciuto, merita sicuramente maggiore attenzione per le sue peculiarità uniche. Nella dimora la fanno da padrone le maioliche siciliane che rivestono le fontane dei cortili interni, illuminate dal sole e in perfetto contrasto con le sfumature della vegetazione circostante. Agli arredi ci ha pensato l’artista Sergio Fiorentino, icona dell’arte della zona.

Un complesso esclusivo

Ogni appartamento garantisce totale privacy e non manca una piscina con idromassaggio, sala wellness e cortili arabi in esclusiva per gli ospiti. Un soggiorno raffinato di relax e comfort, con vista su un meraviglioso cortile con una  fontana ricoperta di papiri. L’arredo, invece, unisce un design semplice e raffinato a una casa contemporanea. Il bilocale è ideale per 4 persone, ed è composto da un ingresso privato, una zona living con divano letto matrimoniale, tavolo per potersi godere la colazione e cene romantiche, cucina ben attrezzata, 1 camera da letto matrimoniale, 2 bagni di cui 1 in suite, aria condizionata , tv a schermo piatto, wifi. E non manca la piscina, per i momenti di relax.

Alla scoperta del barocco

Nell’area di Noto vale sempre la pena di fare un giro nel centro storico, perdendosi letteralmente nelle viuzze e nei vicoletti della città. La “capitale del barocco”, del resto, è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco nel 2002. Da vedere c’è sicuramente moltissimo, da Palazzo Ducezio, alla Chiesa del S.s Salvatore, fino a Villa d’Ercole. Bella è la Cattedrale di San Nicolò che risale al Settecento e domina l’intero centro storico e il barocco unico di Palazzo Nicolaci e della chiesa di Santa Chiara.  E a pochi chilometri, non mancano le spiagge di Noto Marina, Marzameni, San Lorenzo e Riserva di Vendicari.

© TravelGlobe RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli
Correlati