Quinta da Regaleira, a Sintra visita a un gioiello Patrimonio Unesco

di Francesca Spanò | @francynefertiti

L’[b]Unesco[/b] non poteva certo farsi scappare lo spettacolo di questa struttura che con i suoi spazi esterni, è un gioiello per la vista e non risparmia suggestioni. La [b]Quinta da Regaleira[/b], con il suo curioso nome che del resto non è l’unico, conquista sempre più visitatori. Si trova in quel di [b]Sintra[/b], a nord-ovest di Lisbona e viene detta pure Palácio da Regaleira (dal nome dell’edificio principale), a sua volta chiamato Palácio do Monteiro dos Milhões, dal nome del proprietario. Una immagine che cattura al primo sguardo la sua, al pari di altre meraviglie in giro per il mondo: [url”l’Alhambra”]http://travelglobe.it/Detail_News_Display?ID=81238&typeb=0&Alhambra-tour-informazioni-su-biglietti-e-orario-di-ingresso[/url] in primo luogo.

La tenuta non è del tutto convenzionale e trasporta l’ospite in un microcosmo fatto di grotte e spazi verdi, perfettamente immersa nel centro storico. Così come la vediamo oggi, è stata realizzata tra il 1904 e il 1910 e a progettarla ci ha pensato l’architetto italiano Luigi Manini, anche se ha lavorato su commissione di [i]António Augusto Carvalho Monteiro[/i], a cui apparteneva l’area.

[b]UN NOME PARTICOLARE, PER UN PALAZZO MERAVIGLIOSO[/b]

La scelta dell’appellativo è presto spiegata: si riferisce al nome della [i]figlia di uno dei proprietari precedenti [/i]che era poi diventata pure la baronessa di Regaleira. Per raggiungere questo monumento, basta avvicinarsi al Palazzo di Seteais.

[b]COSA VEDERE[/b]

L’occhio può spaziare parecchio tra statue, laghetti, grotte, labirinti, tempietti e non solo. Il verde la fa intorno da padrone, mentre non mancano i giardini esotici. Quello che colpisce, poi, è il mix di stili architettonici. Di sicuro, spicca il gotico-manuelino, il rinascimentale e il romanico. Altro dettaglio da non sottovalutare, sono i riferimenti chiari alla massoneria, esoterismo e alchimia così come la mitologia classica. Per chi avesse voglia di uno spuntino, ancora, è possibile fermarsi al ristorante. Tra i tanti proprietari, fondamentale è stato il passaggio nelle mani di un ricco mercante di Oporto, chiamato Allen, la cui figlia poi è diventata baronessa di Regaleira, dando il nome al palazzo. Negli ultimi anni, invece, per la precisione nel 1987, è stata acquisita da una impresa giapponese e chiusa al pubblico, divenendo privata. Dal 1987, infine, è in mano al Comune di Sintra e, quindi visitabile.

© TravelGlobe RIPRODUZIONE RISERVATA

POTREBBE INTERESSARTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *