Cerca
Close this search box.
Québec City: le meraviglie di una città verde e carica di cultura

DatA

Québec City: le meraviglie di una città verde e carica di cultura

IMG_3033

di Francesca Spanò | @francynefertiti

Svegliarsi a Québec City, scostare le tende e accorgersi che il cielo è ancora indeciso sui colori da indossare, blu intenso o grigio chiaro. Un’ emozione di viaggio, questa, che non si dimentica, così come i panorami che riserva già ad un primo sguardo. Perché è un tratto di Canada francese in grado di regalare pace e silenzi, ma anche paesaggi cromaticamente interessanti e geometrie di luce differenti ad ogni ora del giorno. Salvo poi indispettire con piogge improvvise che, soprattutto in primavera, sono quasi il pegno da pagare per le temperature via via meno frizzanti. Da queste parti è il fiume san Lorenzo a farla da padrone e anche una certa atmosfera parigina. del resto, qui, si parla quasi esclusivamente il francese e tra le sue stradine cariche di negozi e bistrot, ci si può davvero perdere.

Dal 1985, Québec City è diventata Patrimonio dell’Umanità delle Nazioni Unite, per l’architettura, l’importanza storica e le sue ambientazioni, ma è la vicinanza di fitte aree verdi e aspre scogliere, che rende la zona tra le più belle del Paese.

Passeggiando per Québec

La sua storia è affascinante. Scoperta quando ancora era un villaggio irochese dall’esploratore francese Jacques Cartier, divenne città nel 1608 ed è famosa soprattutto per la sua parte antica o Basse- Ville. Restaurata negli Anni Settanta, è ricca di suggestioni pittoresche.

Un itinerario in zona può iniziare dal Musée du Fort, dove rivive la storia militare locale. Tra luci e suoni, si viene proiettati tra battaglie e assedi. La Basilique Notre-Dame-de-Québec è la cattedrale dal 1647. Ha un interno ricco e ospita i quadri di maestri molto antichi. Chateau Frontenac è il simbolo del Québec e domina la città dal 1683 con le sue 618 stanze per gli ospiti. Se è interessante la Cattedrale anglicana di Holy Trinity con la sua bella facciata neoclassica del 1804, spettacolare è soprattutto Place Royale. Racconta la storia canadese al primo sguardo, insieme alle vicine strade. Interessanti sono gli edifici del XVIII e XIX secolo, restaurate come un tempo. Non meno incredibile è Maison Chevalier, con il vicino Musée de la Civilitation (che racconta la storia dell’uomo nei secoli). La casa è stata costruita per un mercante del XVIII secolo e rappresenta un notevole esempio di arti decorative con mobili tipici e la celebre argenteria locale.

Québec che si può visitare a piedi, è divisa in Lower Town, , Haute-Ville con la città fortificata e Upper Town. Qui si trovano le cattedrali cattolica e protestante, le Chateau Frontenac e la sede del parlamento provinciale del Québec. C’è poi la Citadele, che doveva proteggere il luogo da un attacco americano che, però, non arrivò mai.

Come arrivare da queste parti?

Si può giungere a Montreal (e poi noleggiare un’auto o un pullman privato) con Air Transat. Ha i suoi voli non-stop da Roma, Venezia e Lamezia per Montréal e Toronto e da quest’anno anche alla volta di Vancouver, volo in esclusiva per l’Italia da Roma Fiumicino, Air Transat propone le sue offerte speciali, le più competitive attualmente sul mercato italiano per volare in Canada. Per la città di Québec, vola pur da Parigi in inverno.

© TravelGlobe RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli
Correlati