Nel cuore della Louisiana: dal jazz al tour in air boat

di Francesca Spanò | @francynefertiti

L’uragano Katrina che, nell’agosto 2005, ha devastato anima e passato della Louisiana , non è riuscito a cancellare le tradizioni e la fierezza di un popolo con un iconico patrimonio culturale. A cominciare dal Dixieland, un particolar modo di suonare lo stile jazz all’inizio del ventesimo secolo.Proprio da queste parti ha avuto origine e oggi il suo ricordo riprende a vivere a suo modo nei caffè del “Vieux Carré” di New Orleans. Accanto a questa forma di spettacolo, continuano a essere affollati anche i locali di strip-tease, come quello di Bourbon Street noto ben oltre i confini nazionali.

Il mito di una corrente musicale

La vera stagione del jazz ormai è finita, ma il mito non cessa di essere alimentato da eventi a tema. Rimane in piedi dunque la Preservation Hall, fondata nel 1961 per preservare e perpetuare quello che è un simbolo locale sulle sette note. Opera come un locale musicale, una band itinerante, un’etichetta discografica e una organizzazione senza scopo di lucro con una missione sempre molto centrata. Altrettanto vero è, però, il fatto che gli appuntamenti più importanti si registrano ora al di là del Canal Street, nelle sale da concerto dei grandi alberghi. Ancora, ad aprile di ogni anno, va in scena il Jazz and Heritage Festival, preceduto a febbraio da un festoso carnevale.

La storia delle colonizzazioni

Il passato locale è frutto di molte influenze, dovute principalmente alle dominazioni. Da quella francese, a quella spagnola: lingue che ancora si possono ascoltare in alcuni villaggi remoti della zona, come quello di Saint-Martin-Ville, non lontano da Lafayette. Lo stile di vita di queste zone è particolarmente affascinante e colpisce soprattutto il turista che non ama il clamore delle grandi città. Per le strade si può ascoltare musica tradizionale, il sabato sera si può prendere parte a balli folkloristici o, ancora, si può andare a pescare gamberi di fiume e a fine giornata concedersi un bel pasto speziato.

Lungo le vie dell’acqua

Sempre più visitatori si lasciano conquistare dalla possibilità di prendere parte a uno swamp tour su air boat (barche dal fondo piatto). In questo modo si può godere meglio del paesaggio di New Orleans tra profili lontani delle case e tratti di verde in contrasto con il colore dell’acqua. Altra alternativa è quella della canoa lungo i bayous, i bracci morti del Mississippi, perennemente minacciati dall’innalzamento delle acque. Qui lo spettacolo è interessante, perché è possibile vedere gli alligatori (di solito non troppo pericolosi) e, alzando gli occhi, scorgere le aquile che volano fiere.

© TravelGlobe RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

 

POTREBBE INTERESSARTI