Macarons, ricetta di un dolce di successo

DatA

Macarons, ricetta di un dolce di successo

macarons

di Federica Giuliani | @traveltotaste

Soffici ma al tempo stesso croccanti. Dolci, ma delicati. Profumati e colorati. Sono così i macarons che conosciamo tutti, le loro origini però risalgono a tempi lontani e pare addirittura che non siano nati in Francia.

Leggende sui macarons

Come ogni buona ricetta che si rispetti, non esiste una sola teoria sulla sua nascita. Si dice che i macarons siano nati a Venezia nel XVI secolo e che solo successivamente siano stati esportati in Francia per opera di Caterina de’ Medici in occasione del suo matrimonio con il duca d’Orlèans. Altri sostengono, invece, che risalgano al XVIII secolo come creazione delle estrose suore del monastero delle Dames du Saint-Sacrement di Nancy.

In ogni caso, nel tempo i macarons si modificarono, migliorandosi e cambiando forma fino ad arrivare alla versione che conosciamo oggi voluta nel 1930 da Pierre Desfontaines, nipote di Louis-Ernest Ladurée, la nota Maison di cui vale la pena assaggiarne la produzione. I primi macarons, infatti, erano biscotti semplici, fatti di farina di mandorle, zucchero e albume d’uovo.

Nei secoli nobildonne, regine e borghesi hanno fatto follie per poter godere di anche un sol boccone di queste piccole delizie. La caratteristica più apprezzata dagli aristocratici era che i macarons non venivano preparati in casa, ma solo dalle più rinomate pasticcerie: questo li rendeva speciali.

Dove assaggiarli a Parigi

Ancora oggi si dice che questi piccoli e soffici dolcetti siano il peccato di gola dei veri parigini e se vi trovate nella Ville Lumière e volete assaggiare qualche pezzo di Paradiso, dovete sicuramente andare da Pierre Hermé e ovviamente da Ladurée. Se volete carpire qualche segreto di produzione, guardate il video.

© TravelGlobe RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli
Correlati