Liguria: romantico itinerario lungo la Riviera di Levante

di Francesca Spanò | @francynefertiti

Baciata dal sole e scenario ideale di colori brillanti e dimore con vista: la Liguria è certamente una regione amatissima. Per molti, anzi, rappresenta la massima espressione di ambiente mediterraneo tra vigneti, oliveti, moderne città e centri storici di impronta medievale. La Riviera di Levante, in particolare, è il perfetto punto di partenza per un viaggio dal tocco romantico, paesaggistico e culturale che parte da Sarzana e passando da Camogli e le Cinque Terre si conclude a Genova.

Liguria: a spasso tra luoghi da sogno

Sarzana

Ha un centro storico pieno di vita e carico di storia. Qui, nel Medioevo, passava una delle principali vie di commercio e di pellegrinaggio del Belpaese e, grazie alla corsa alla realizzazione della dimora più bella, papi, mercanti e imperatori fecero creare dei veri capolavori architettonici. A cominciare dal Duomo di Santa Maria del XII secolo rivestito in marmo di Carrara, fino alle fortificazioni come la parte legata alla Fortezza di Sarzanello. Traboccanti di bellezza sono poi i palazzi intorno a piazza Matteotti e le ville tra gli oliveti sulle colline, senza dimenticare i tantissimi negozi di antiquariato.

Lerici

Il castello domina su tutto, arroccato su un promontorio roccioso. Al suo interno si trova un museo geopaleontologico con ricostruzioni dei dinosauri. La sua collocazione, inoltre, è strategica, all’estremità orientale di La Spezia, detto anche golfo dei Poeti, da quando, a fine Ottocento, vi si stabilirono proprio degli artisti provenienti dall’Inghilterra. Non ultimo Lord Byron.

La Spezia

Dopo Genova è la città più importante della Liguria a livello economico e, nonostante non sembri a prima vista particolarmente affascinante, ha un centro storico traboccante di edifici in stile liberty. Dal porto non mancano i collegamenti con la Corsica e la Sardegna e tra le sue attrattive culturali non mancano: il Museo Amedeo Lia con notevoli quadri e sculture e il Museo Tecnico Navale.

Porto Venere

Lungo l’itinerario ci si sposta in uno dei gioielli architettonici liguri. A cominciare dalle facciate variopinte delle case, passando dalla chiesa di San Pietro del XIII secolo con la facciata di marmo bianco e nero e dal castello genovese del XII secolo con vista sulla baia.

Le Cinque Terre

Hanno bisogno di poche presentazioni, visto che sono ormai super famose per la loro bellezza. Coste a strapiombo sul mare tra baie e spiagge, terrazzamenti per la coltivazione della vite, sentieri panoramici e borghi medievali si mostrano in perfetto susseguirsi. Inutile sottolineare che si tratta di una delle zone più belle della Riviera di Levante fra cinque borghi circondati da un effetto scenografico che lascia senza fiato. Riomaggiore, Manarola, Corniglia, Vernazza e Monterosso al Mare formano un piccolo presepe colorato, con le facciate cariche di tinte intense che regalano carattere al panorama. Trovandosi in una zona lontana dalle rotte commerciali, non ha un particolare passato ma proprio questo dettaglio ne ha preservato la meraviglia. In tali terre si producono i bianchi Sciacchetrà e Cinque Terre, entrambi Doc. Nel 1997 le Cinque Terre sono state inserite tra il patrimonio mondiale dell’umanità dell’Unesco.

Levanto

Si raggiunge proseguendo verso l’interno e ci si trova davanti una località balneare con una immensa spiaggia sabbiosa. Il lungomare termina col porticciolo, da cui partono le imbarcazioni per Portofino e le Cinque Terre. In zona si trova anche la località di mare nota come Moneglia o si può continuare verso nord-ovest godendo di paesaggi costieri con pendii ricoperti di boschi.

Sestri Levante

La destinazione sorge a ridosso di un promontorio roccioso tra due baie e viene chiamata “isola” perché il collegamento con la terraferma arrivò soltanto nel XV secolo. La Baia di Favole a ovest è molto amata dai turisti, la Baia del Silenzio a est è più tranquilla. La prima deve il suo nome ad Hans Christian Andersen che spesso soggiornò in zona.

Chiavari

Chi cerca relax qui la troverà difficilmente, per via della grande presenza di costruzioni. Altrettanto vero è però che vanta uno dei centri storici più interessanti della regione, con un impianto urbanistico su un reticolo viario ortogonale ben riconoscibile. La sua posizione strategica la rese un attivo centro mercantile sotto i genovesi che vi costruirono la Cittadella per difendersi, di cui si conserva ancora una torre. Le vie del centro sono fiancheggiate da portici e il Palazzo Rocca è circondato da un bel parco.

Rapallo

Famosa località balneare con un vivace porto e un bel castello costruito dai genovesi a metà del secolo XVI come protezione.

Santa Margherita Ligure

La località balneare è molto prestigiosa tra hotel di lusso, belle dimore, boutique esclusive e un lungomare stupendo. Bellissima è poi la Villa Durazzo del XVI secolo con un parco ben curato e aperta al pubblico.

Portofino

L’ingresso del suo porto è uno dei più fotografati del mondo e la vita della zona gravita intorno alla piazza Martiri all’Olivetta lastricata di ciottoli. Lo scenario è completato da case con facciate rosa, arancione e giallo che hanno fatto da sfondo a diversi film.

Camogli

Il borgo è situato su una lingua di terra. Una di queste è costeggiata da una lunga insenatura, mentre l’altra vanta la presenza del porticciolo e di diversi locali tipici.

E si conclude con Genova il capoluogo della Liguria, una metropoli affascinante per storia, architettura e cultura. Nel centro storico gli edifici testimoniano il passato di questa perla del Mediterraneo a lungo in lotta con Pisa e Venezia per il dominio sul mare. Bellissima la cattedrale di San Lorenzo, ma anche la chiesa di San Matteo e poi ci sono i palazzi gentilizi come il Palazzo Ducale e il Palazzo Doria.

© TravelGlobe RIPRODUZIONE RISERVATA

 

POTREBBE INTERESSARTI