Istanbul da vedere: Isole dei Principi per una fuga dalla folla

istanbul da vedere isole

di Federica Giuliani | @traveltotaste

Istanbul è una delle città più belle al mondo e, per questo, sempre molto affollata. Per una fuga dalla folla, soprattutto se non è la prima visita, si possono raggiungere le Isole dei Principi nel Mar di Marmara.

Si trovano una accanto all’altra: Sedef Adası, la più piccola, Büyükada, Heybeliada, Burgazada e Kınalıada. Con un tour in traghetto è possibile vederle tutte, anche se le più visitate sono quelle più grandi. Per raggiungere le Prens Adaları esistono collegamenti regolari quotidiani, che partono dai maggiori approdi sul Bosforo.

Istanbul da vedere: le Isole dei Principi

Kınalıada: È forse la più tranquilla delle isole e la meno affollata. Se il vostro maggiore desiderio è rilassarvi al sole e godervi il mare, questa è la fermata per voi.
Burgazada: È la terza in ordine di grandezza e la zona più famosa dell’isola, da cui si gode un bellissimo panorama, è Bandiera Bayrak Tepesi. Negli anni è stata scelta da numerosi uomini di arte e letteratura, come lo scrittore turco Sait Faik Abasıyanık, che qui morì nel 1954 e a cui è dedicato un museo.
Heybeliada: Rispetto alle altre isole presenta molte zone verdi e, per questo motivo, è l’isola preferita da chi ama fare i picnic. Per girarla si può affittare una bicicletta e raggiungere le spiagge o il punto più alto, dove si trova un monastero.
Büyükada: È l’isola più turistica, oltre a essere la più estesa. Già dal traghetto si nota la cupola della struttura sul molo, in stile ottomano così come le vetrate. All’interno dell’edificio numerosi documenti, oggetti e vecchie fotografie riguardanti la marina. Anche qui, per continuare la visita, è necessario affittare una bicicletta perché non esistono mezzi a motore. Le ville di Büyükada sono il suo stesso simbolo: alcune sono hotel, altre casino; le più belle sono lungo la via Nizam Mahallesi. Dove sorge l’Aya Yorgi Kilisesi si trova anche il punto più panoramico e, si dice, che sia necessario raggiungerlo a piedi nudi per poter vedere realizzati i propri desideri. Isola naturalisticamente splendida e tanto romantica da attirare numerosi innamorati, che qui vengono da Istanbul anche solo ad ammirare il tramonto.

© TravelGlobe RIPRODUZIONE RISERVATA

POTREBBE INTERESSARTI

5 thoughts on “Istanbul da vedere: Isole dei Principi per una fuga dalla folla

  1. Avreste potuto citare almeno due righe di storia, soffermandovi sulle origine Greco/Byzantine delle isole e della sua popolazione e almeno citare anche i nomi originali delle isole che sono usate ANCHE dagli “attuali”. E non per esempio “Bayrak tepe” di Burgaz (Antigoni) che e il colle di …Cristo anche per i …locali! 😉

  2. Prima di tutto buongiorno sig. Dimitris. Avremmo potuto è vero fare tante altre cose, tra cui quelle che elenca lei. Abbiamo però un problema: se si eccede il primo scroll oppure una lunghezza di 3.000 – 4000 battute spazi inclusi, nessuno legge più l’articolo. Probabilmente anche a lei sarà capitato di cestinare le cose eccessivamente lunghe. Non ci piace ma è la legge del web cui dobbiamo piegarci. In questo breve spazio occorre fare scelte: noi abbiamo privilegiato il punto di vista turistico alla storia dei luoghi, che gli interessati possono approfondire in loco. Quello che sicuramente non vogliamo fare è addentrarci nelle polemiche distribuendo ragioni e torti: attualmente sono isole turche e con i nomi turchi le abbiamo chiamate. A presto

  3. Buongiorno signor Dimitris. Non si preoccupi: a TravelGlobe non si cancella alcun commento o critica, se espressa in modo urbano come la sua. Non siamo mica ai tempi dei colonnelli! 😉

  4. Grazie per la sua non diversamente aspettata risposta 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *