Festival delle Rose: dove andare per cedere alla seduzione dei fiori

Ph David Verlic
Ph David Verlic

di Federica Giuliani | @traveltotaste

Profumate e dalle mille sfumature, le rose sono tra i fiori più amati al mondo. Si regalano a un amore, alla mamma ma vengono usate anche per romantici bouquet da sposa o in cucina. Ce ne sono di tante specie e tutte meritano di essere ammirate e… annusate. In particolare, ci sono due Paesi che ogni anno a maggio organizzano un Festival delle Rose per celebrarne la straordinaria bellezza: la Slovenia e il Marocco.

Festival delle Rose a Nova Gorica

Le rose Bourbon hanno un profumo intenso, sono molto rare e hanno trovato il loro habitat a Nova Gorica, in Slovenia, nell’orto botanico del monastero francescano di Kostanjevica:saranno le protagoniste del Festival delle Rose giunto alla dodicesima edizione. Si svolgerà per tutto il mese di maggio: tra una visita guidata alla collezione Bourbon – in programma tutte le mattine fino al 14 maggio alle 11.00, quando il profumo dei fiori è più intenso – e una passeggiata negli altri roseti della città, la kermesse offre un’occasione per scoprire i molteplici impieghi del prezioso fiore, ottimo alleato in cucina e per trattamenti utili a raggiungere l’eterna giovinezza.

Nei ristoranti degli hotel Lipa e Sabotin, come al Perla Casinò & Hotel e al Park Casinò & Hotel, si potranno assaggiare per tutto il mese menù dedicati a base di rose. Se si preferisce pensare alla bellezza del corpo, invece, ci si può concedere un trattamento a base di olio di rosa, che stimola anche il buonumore. Due appuntamenti in musica allieteranno ulteriormente l’evento: Bianca Atzei si esibirà live al Park Casinò & Hotel il 12 maggio, e i Decibel, storico gruppo punk rock capitanato da Enrico Ruggeri, presenterà l’album di inediti Noblesse Oblige il 19 maggio al Perla Casinò & Hotel.

Festival delle Rose a Kelaa M’Gouna

Vicino alla Valle del Dades, in Marocco, nella piccola provincia di Kelaa M’Gouna ogni anno a maggio si celebra il Festival delle Rose.

Due giorni di danze e musiche berbere mentre i bambini si occuperanno di vendere le ghirlande di rose.

Secondo tradizione, le rose provengono da Damasco portate dai pellegrini che, di ritorno dalla Mecca, hanno portato in zona. Per qualche settimana il rosa acceso dei petali si staglia contro il rosso della terra e il verde della natura che cresce intorno rigogliosa. Le rose di Damasco, capaci di resistere al freddo intenso e ai periodi di siccità, hanno trovano nella valle del Dades l’habitat perfetto.

 

Per garantirne il profumo e la consistenza, i boccioli vanno raccolti nelle prime ore del mattino, appena schiusi, oppure la sera, dopo il tramonto, quando il sole non è troppo intenso. Successivamente avviene la selezione dei petali: una parte viene fatta essiccare per essere utilizzata per il potpourri o per la profumazione della casa, il resto viene utilizzato per la distillazione dalla quale ricavare le essenze. Dalla seconda scelta, si ricava l’acqua di rose, molto comune in Marocco ma anche in Italia.

Nel 2017 il Festival delle Rose a Kelaa M’Gouna si svolgerà il 13 e 14 maggio.

© TravelGlobe RIPRODUZIONE RISERVATA

POTREBBE INTERESSARTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *