Vanuatu: isole di fuoco e mare con un ufficio postale d'eccezione

Categorie


NATURA

Vanuatu: isole di fuoco e mare con un ufficio postale d’eccezione

14/09/2017

vanuatu-blue-hole-58181-ws

di redazione | @travelglobemag

Remote e dalla natura lussureggiante, le Vanuatu sono un insieme di isole vulcaniche perse nella zona più sud-ovest dell’Oceano Pacifico, in Melanesia. Poco conosciute proprio per la loro lontananza dall’Italia, sono un paradiso fatto di solo fuoco e mare. Uno stato interamente insulare, quindi, le cui isole principali sono Efaté, Espiritu Santu e Tanna.

Nonostante sia un Paese selvaggio, ha molto da offrire, a patto che si amino l’avventura e il mare, attorno a cui ruota la vita dei locali.

Perché scegliere le isole Vanuatu

Un territorio completo, che offre natura incontaminata, con fauna sorprendente, mare cristallino dove fare snorkeling, ma anche folklore, villaggi e montagne. Come il vulcano Yasur, che è ancora oggi uno dei vulcani più attivi del pianeta: chi ne ha il coraggio, può raggiungere la sua caldera.

Efaté: sull’isola principale di Vanuatu si trova anche la capitale, Port Vila. Tra le spiagge, è da segnalare Eton Beach, splendida per i colori e la vegetazione da cui è avvolta. Non si può evitare nemmeno un tuffo nella Blue Lagoon o una passeggiata nel parco Mele Cascades per raggiungere una cascata altra una ventina di metri.

Espiritu Santu: l’isola più grande e la più bella grazie alle sue imponenti montagne, che raggiungono i 2000 metri, e alle misteriose grotte. La spiaggia da vedere è Champagne Beach mentre a Port Orly si possono ammirare i pescatori sulle piroghe; i subacquei apprezzeranno invece i numerosi relitti bellici della II Guerra Mondiale.

Tanna: su questa isola non si viene per le spiagge, ma per il vulcano Yasur, raggiungibile in jeep quasi fino alla cima. L’ora migliore per l’escursione è al tramonto, quando tutto si tinge di arancione rendendo l’ambiente ancora più magico. Al Kuston Village, invece, si possono incontrare gli abitanti che vivono a stretto contatto con la natura, indossando solo gonnellini e astucci pelvici senza minimamente interessarsi al resto del mondo. Più che in altri luoghi del pianeta, qui è importante sapersi comportare e rapportare con i locali: il rispetto deve essere massimo.

L’ufficio postale subacqueo

underwaterpostofficevanuatu_copy (1)

A circa tre metri sotto il livello del mare, a poca distanza dalla costa di Mele Bay, è situato un ufficio postale delle Vanuatu Post. Vi si possono spedire solo cartoline appositamente plastificate, a cui viene attaccato uno speciale francobollo. Naturalmente anche il timbro necessario alla spedizione non viene apposto con l’inchiostro ma impresso tramite un particolare dispositivo metallico. La posta viene raccolta ogni giorno entro le ore 15. Pronti a tuffarvi per spedire le cartoline ad amici e parenti?

Curiosità

ngol

Sapevate che il bunjee jumping ha le sue origini proprio alle Vanuatu? Pare infatti che derivi dal Gol, uno sport praticato sulle isole da molto tempo: si tratta di legarsi ai piedi delle lunghe liane e buttarsi da una torre appositamente costruita. Le liane devono essere lunghe esattamente come l’altezza della torre di lancio, in modo che chi si tuffa arrivi ad avere un lieve impatto con la terra (se tutto va bene).

Una leggenda narra, inoltre, che la nascita di questo rito di iniziazione derivi dalla storia di due amanti. Una donna perennemente inseguita da un corteggiatore decise di arrampicarsi su una albero di banano e gettarsi, ma solo dopo essersi assicurata tramite liane. Non ebbe la medesima accortezza l’uomo, che si lanciò in volo libero, morendo nell’impatto.

Come si raggiungono le Vanuatu?

Dall’Italia bisogna raggiungere l’Australia o la Nuova Zelanda e poi, con circa 4 ore di volo, arrivare all’arcipelago. Le sole compagnie che volano su Vanuatu sono Qantas e Air Vanuatu.

© TravelGlobe RIPRODUZIONE RISERVATA