Giappone delle meraviglie: a Hokkaido la spiaggia che produce gioielli di ghiaccio

Categorie


NATURA

Giappone delle meraviglie: a Hokkaido la spiaggia che produce gioielli di ghiaccio

11/01/2018

di redazione | @travelglobemag

L’inverno è in grado di creare gioielli unici, fatti di ghiaccio e semplicità. Opere che solo la Natura è capace di realizzare. Ci sono luoghi, poi, dove ogni anno si ripete la medesima magia grazie a condizioni climatiche uniche; è il caso della spiaggia alla foce del fiume Tokachi, sull’isola di Hokkaido, in Giappone, dove anche quest’anno si è aperta la corsa a chi fotografa il cristallo più bello e puro.

La spiaggia di ghiaccio a Hokkaido

Un post condiviso da Takamasa Ichikawa (@icchy37) in data:


Le condizioni climatiche uniche di questa spiaggia rendono possibile la creazione di splendidi gioielli di ghiaccio, che si formano solo qui e in questo periodo. Tanto belli e scintillanti da sembrare diamanti, attirano ogni anno gli appassionati di fotografia che vanno per immortalare il cristallo dalla forma più interessante.

Quando le temperature diventano più rigide, le acque alla foce del fiume Tokachi si congelano e le onde del mare spaccano il ghiaccio in frammenti, che vengono trascinati sulla battigia dove i cristalli restano a brillare illuminati dal sole.

Un post condiviso da Takamasa Ichikawa (@icchy37) in data:

Il ghiaccio risulta così trasparente perché non contiene tracce di sale e perché l’acqua passa dallo stato liquido a quello solito molto lentamente; in questo modo impurità e bolle d’aria hanno modo di essere naturalmente eliminate. Il movimento delle onde, infine, leviga perfettamente i cristalli rendendoli particolarmente lisci e perfetti, simili a pietre preziose.

Un fisico dell’Università di Cambridge ha detto di aver visto una lucentezza simile a quella del ghiaccio sulla spiaggia di Hokkaido solo nei fiordi cileni insenature dell’altopiano dell’Alaska, ma nessuno di quelli ha la medesima composizione molecolare.

Si tratta, quindi, si opere uniche al mondo che vale la pena andare a vedere di persona, sfidando l’inverno giapponese.

© TravelGlobe RIPRODUZIONE RISERVATA