Cerca
Close this search box.
Vacanze in bicicletta in Italia: pedalare in libertà

DatA

Vacanze in bicicletta in Italia: pedalare in libertà

di Redazione

Il progetto promosso da FIAB, Federazione Italiana Amici della Bicicletta, ha l’intento di promuovere la mobilità sostenibile, sia in città che fuori dai centri abitati. La rete nazionale di percorsi, chiamata Bicitalia, prevede esclusivamente collegamenti tra regioni.

L’importanza del progetto è data dall’aspetto turistico, dalla conservazione del territorio e dallo sviluppo delle economie locali. Nonostante in Italia il cicloturismo non sia sviluppato come in altri Paesi, rappresenta il primo produttore di biciclette in Europa.
I benefici risvolti del progetto sono evidenti e un’implementazione della rete aumenterebbe le opportunità turistiche.

Gli itinerari ciclabili in Italia

La rete prevede circa 50 tracciati e qui ve ne segnalo alcuni:

  • Ciclopista del Sole: Dal Brennero a Firenze, passando per Verona e il lago di Garda. Sul percorso principale non ci sono difficoltà tecniche, ma chi volesse mettersi alla prova può prendere la variante Merano che prevede il passaggio lungo i tornanti del passo di Monte Giovo tra Vipiteno e San Leonardo in Passiria, dove il panorama ripaga dalle fatiche.
  • Ciclovia del Po Dalla sorgente al Delta del Po, lungo 1300 chilometri che attraversano città d’arte e riserve naturali. Il percorso si presenta abbastanza vario sia in termini di fondo stradale.
  • Ciclovia Francigena: Da Como a Brindisi. 1800 chilometri di bellezze naturalistiche, storiche e religiose. Su questo itinerario si collegano altri tracciati legati a percorsi “Romei” da nord-ovest, in particolare le direttrice cosiddetta di Sigerico che include Aosta Vercelli Corte Sant’Andrea. Inoltre è importante anche la via che dal Moncenisio attraversa Piemonte e Liguria per unirsi all’itinerario principale a Sarzana/Luni.
  • Ciclovia Adriatica: Da Trieste a Santa Maria di Leuca. 1300 chilometri sulla litoranea per eccellenza. Lungo l’itinerario si incontrano diverse aree naturali: 3 aree marine protette, il Parco Nazionale del Gargano oltre a solcare antichi percorsi di pellegrinaggio, tratturi, itinerari commerciali e culturali.
  • Ciclovia dei Borboni: Da Bari a Napoli in 340 chilometri. A causa dei numerosi saliscendi presenti sulla via e il discreto dislivello è sconsigliato ai neofiti. La Variante Matera è meno tortuosa e trafficata rispetto al tracciato principale.

Inoltre, fanno parte del progetto anche due itinerari tematici molto interessanti:

  • Ciclovie su ex ferrovie: I binari dismessi occupano circa 5000 chilometri su tutto il territorio nazionale e averli trasformati in piste ciclabili ha permesso di preservare un ingente patrimonio.
  • Città d’arte della Pianura Padana: I percorsi previsti sono urbani, extraurbani e intercity e collegano beni artistici e storici attraversando zone di grande pregio paesaggistico.

Per consultare l’elenco completo dei percorsi e le informazioni utili per partire, consultate i siti delle organizzazioni che hanno reso possibile la realizzazione della rete: Bicitalia e FIAB

© TravelGlobe [i]RIPRODUZIONE RISERVATA[/i]

Articoli
Correlati