image_pdfimage_print

Isole Canarie: il paradiso perfetto per la vacanza attiva

Date

Isole Canarie: il paradiso perfetto per la vacanza attiva

 di Francesca Spanò |@francynefertiti

Terre selvagge e, nonostante il turismo, ancora in parte incontaminate. Le Isole Canarie, sono perfette per gli amanti degli sport estremi, per gli avventurieri e per coloro che non riescono a rinunciare alla vacanza attiva. Il primo dei fattori che rende questa destinazione perfetta per le ferie tutto l’anno, è il clima, ideale per gli sport outdoor con scenari mozzafiato sempre diversi, che vanno dalle scogliere, alle foreste, fino ai vulcani.

Allenarsi alle Canarie, ecco cosa provare

Parapendio: in volo sulle vette

Il paesaggio vulcanico di El Hierro, l’isola più occidentale dell’arcipelago, è un tripudio di panorami ricchi di contrasti e scoprirlo in volo su un parapendio rappresenta un’esperienza indimenticabile. Gli alisei che spirano costantemente sull’isola, sono di valido aiuto per planare dall’alto a volo di uccello, tanto che annualmente si tengono competizioni di parapendio con appassionati di tutto il mondo. Un ottimo punto di decollo è la vetta di Dos Hermanas, che permette di lanciarsi da quote diverse di altezza, da 600 metri a 1200, per vari livelli di abilità. In tal modo, si possono ammirare le meraviglie naturali della Valle del Golfo, dalla spiaggia di Arenas Blancas a Roques de Salmor, prima di atterrare a La Frontera.

gran canaria

Arrampicata per toccare il cielo con un dito

Uno dei luoghi principali, legati all’arrampicata sportiva si trova nel Parco Naturale di Tamadaba, nel nord di Gran Canaria e vanta circa 400 vie fino a 40 metri di lunghezza. I percorsi sono attrezzati e ne vengono aggiunti di nuovi, sia per principianti che per esperti, tra foresta di conifere e paesaggi incontaminati. Per i climber, anche Tenerife offre vie imperdibili e, in particolare, quelle più lunghe si trovano nel nord-est, nel Parco Rurale di Anaga. Tra le salite più famose c’è quella al Roque Negro, nell’omonimo piccolo borgo, con versanti ben attrezzati. Tra di essi, c’è il cosiddetto “lato oscuro”, mentre molto amato in estate dagli scalatori esperti. È il massiccio di Las Anima, con percorsi sfidanti. E poi, nel nord di La Gomera, c’è il versante destro di Vallehermoso, con un memorabile percorso di più tiri: il Roque Cano, monumento naturale e simbolo dell’isola, che raggiunge i 250 metri. Scalare questa vetta è un’avventura adatta ai professionisti più esperti, soprattutto la parete occidentale. In cima si trova il libro di vetta, con le firme lasciate negli anni da tutti gli scalatori.

Mountain Bike: tra panorami mozzafiato

Nelle Isole Canarie, si possono osservare molte varietà di terreni e tracciati perfetti per la mountain bike. Gli itinerari si dividono tra strade di montagna, percorsi immersi nelle foreste, passi vulcanici e dislivelli adrenalinici. Il panorama arido unico di Fuerteventura si svela poco a poco sulle piste ciclabili che dal villaggio di Lajares portano al paese di Corralejo, nel nord dell’isola: lungo il percorso, si pedala attraverso maestosi paesaggi vulcanici, dalle caratteristiche quasi lunari, prima di approdare lungo la costa, dove si possono ammirare il faro di Tostón e l’infinita distesa di meravigliose spiagge. A Tenerife, invece, il percorso è tutto salite e discese ed è quello che collega La Esperanza con l’Osservatorio Izaña, dell’Instituto de Astrofísica de Canarias: dopo un breve tratto di strada, si prosegue lungo la pista forestale di Los Ovejeros, iniziando poi la ripida salita fino all’Osservatorio, a 2.300 metri di altitudine. Qui, sembra di essere sul tetto del mondo, con lo sguardo che spazia a 360 gradi sulla valle del Güimar.

bici canarie

Orienteering: una bussola per l’eden

Il fascino è totale di fronte ai panorami delle Canarie. Qui si può correre su rilievi con dislivelli che mettono alla prova gli “orientisti”, immersi in boschi di pini e alloro. Le Canarie offrono una gamma molto varia di percorsi ideali sia per i principianti per gli esperti di orienteering. Le numerose mappe disponibili sul sito dell’ente del turismo mostrano diversi tipi di orografia, alcune sopra i 1500 metri e altre al livello del mare, per allenarsi seguendo tutte le tecniche dello sport; queste carte di orientamento sono registrate presso la Federazione Spagnola di Orienteering e soddisfano le specifiche ISOM 2000, con equidistanza sempre di 5 metri e scale che vanno da 1:5.000 fino a 1:15.000.

canarie

Nuoto tra acque libere e sapore di libertà

Il nuoto di fondo o in acque libere, permette di assaporare il meglio dell’arcipelago con una totale immersione nella natura. Alle Canarie, il punto migliore per nuotare in acque libere è il Mar de las Calmas, a El Hierro: una distesa di acque tranquille incastonata tra il faro di Orchilla e la punta di La Restinga, un piccolo villaggio di pescatori e rinomata località di diving. Le condizioni ideali per praticare questo sport fanno sì che qui ogni anno si tenga un evento sulla distanza di 18 chilometri. E poi, come dimenticare le piscine di fondo, che rendono l’immersione nelle acque cristalline dell’Atlantico davvero unica; grazie alla conformazione naturale di questi spazi chiusi, l’acqua di mare filtra senza alcun intervento umano a parte l’aggiunta di gradini e passerelle. Tra le opzioni locali, tre sono imperdibili, come quelle di La Fajana, nel nord-est de La Palma: queste vasche fanno parte di uno stesso complesso e si può quindi passare dall’una all’altra in pochi secondi, attraversando le passerelle che le delimitano.

TRAVELGLOBE Riproduzione Riservata

Articoli
Correlati