©Edward Burtynsky. Salinas #2, Cadiz, Spain, 2013
©Edward Burtynsky. Salinas #2, Cadiz, Spain, 2013

WATER, TUTTE LE FORME DELL'ACQUA

Testi e foto di Edward Burtynsky

“Mentre cerchiamo di soddisfare le crescenti esigenze di una civiltà in espansione e molto assetata, stiamo rimodellando la Terra in modi colossali. In questo nuovo e potente ruolo sul pianeta, siamo anche in grado di progettare la nostra stessa fine. Dobbiamo imparare a pensare più a lungo termine alle conseguenze di ciò che stiamo facendo, mentre lo stiamo facendo. La mia speranza è che queste immagini stimolino un processo di riflessione su qualcosa di essenziale per la nostra sopravvivenza; qualcosa che spesso diamo per scontato, fino a quando non scompare.

Edward Burtynsky

©Edward Burtynsky. Rice Terraces à2, Western Yunnan Province, China, 2012
©Edward Burtynsky. Rice Terraces à2, Western Yunnan Province, China, 2012
©Edward Burtynsky. Colorado River Delta #2, Near San Filipe, Baja, Mexico, 2011
©Edward Burtynsky. Colorado River Delta #2, Near San Filipe, Baja, Mexico, 2011

“Volevo capire l’acqua: cos’è e cosa lascia alle spalle quando non ci siamo più. Volevo capire il nostro uso e uso improprio di essa. Volevo tracciare le prove della sete globale e delle fonti minacciate. L’acqua fa parte di uno schema che ho visto svilupparsi nel corso della mia carriera. Documento paesaggi che, sia che li consideri belli o mostruosi, sia come una loro strana combinazione, chiaramente non sono panorami di un mondo inesauribile e sostenibile”

Edward Burtynsky (Tricheco, ottobre 2013)

©Edward Burtynsky. Cerro Prieto Geothermal Power Station, Baja, Mexico, 2012
©Edward Burtynsky. Cerro Prieto Geothermal Power Station, Baja, Mexico, 2012

“Il progetto ci porta su paesaggi scavati, regioni delta modellate come frattali, forme biomorfe dai colori minacciosi, pozzi a gradini rigidi e rettilinei, enormi appezzamenti di irrigazione a perno circolare, acquacoltura e raduni sociali, culturali e rituali. L’acqua viene introdotta a intermittenza come vittima, partner, protagonista, richiamo, fonte, fine, minaccia e piacere. Nelle immagini è spesso anche completamente assente l’acqua. Burtynsky si concentra invece sugli effetti visivi e fisici della mancanza d’acqua, conferendo alla sua assenza un effetto ancora più potente presenza.”

Russell Lord, curatore delle fotografie, NOMA

©Edward Burtynsky. Cape Coral #1, Lee County, Florida, USA, 2012
©Edward Burtynsky. Cape Coral #1, Lee County, Florida, USA, 2012
©Edward Burtynsky. Benidorm #1, Spain, 2010
©Edward Burtynsky. Benidorm #1, Spain, 2010

Golfo del Messico
Quando il pozzo Deepwater Horizon di BP ha iniziato a versare milioni di barili di petrolio nel Golfo del Messico nel maggio 2010, Edward Burtynsky si è recato sul sito per catturare l’evento. Sebbene tipicamente spettacolari ed espressamente un’evoluzione del più recente metodo di ripresa aerea del fotografo, le immagini rappresentano una sorta di allontanamento per Burtynsky, che ha detto del suo lavoro “Capisco che abbia un aspetto editoriale, ma niente che fotografo è tipicamente un evento giornalistico. Non mi piace tanto inseguire i disastri, quanto guardare grandi danni industriali al paesaggio o, in questo caso, al paesaggio marino”.
Queste immagini della fuoriuscita di petrolio, mentre esprimono la familiare grande scala dell’opera di Burtynsky, raffigurano anche un evento degno di nota, anche se è alchimizzato nell’arte. Di conseguenza, c’è un notevole grado in cui queste immagini “danno al punto di vista tipicamente generico una carica di attualità”.

© Edward Burtynsky. Dryland Farming #24. Monegros County, Aragon, Spain,2010
© Edward Burtynsky. Dryland Farming #24. Monegros County, Aragon, Spain, 2010
©Edward Burtynsky. Dryland Farming #21. Monegros County, Aragon, Spain, 2010
©Edward Burtynsky. Dryland Farming #21. Monegros County, Aragon, Spain, 2010

SOFFERENZA
Paesaggi in cui l’acqua è scarsa o per sempre compromessa come il Salton Sea, il delta del fiume Colorado, che non vede una goccia d’acqua da quel fiume da oltre quarant’anni, ed è ora un deserto; o il lago Owens, che ha visto le sue acque deviate a Los Angeles nel 1913 ed è ora un fondale secco e tossico.

©Edward Burtynsky. Dryland Farming #2. Monegros County, Aragon, Spain, 2010
©Edward Burtynsky. Dryland Farming #2. Monegros County, Aragon, Spain, 2010

CONTROLLO
Questo capitolo esamina le incursioni su larga scala imposte alla terra per imbrigliare e deviare il potere dell’acqua; dagli antichi Stepwells dell’India, ai moderni canali che alimentano la preziosa acqua di milioni di persone in California, ai giganteschi progetti di dighe idroelettriche della Cina.

Queste immagini sono intese come metafore del dilemma della nostra esistenza moderna; cercano un dialogo tra attrazione e repulsione, seduzione e paura. Siamo attratti dal desiderio – una possibilità di vivere bene, ma siamo consciamente o inconsciamente consapevoli che il mondo sta soffrendo per il nostro successo. La nostra dipendenza dalla natura per fornire i materiali per il nostro consumo e la nostra preoccupazione per la salute del nostro pianeta ci pone in una contraddizione difficile. Per me, queste immagini funzionano come specchi d’acqua dei nostri tempi.

Edward Burtynsky

©Edward Burtynsky. Pivot Irrigation,/Suburb. South of Yuma, Arizona, USA, 2011
©Edward Burtynsky. Pivot Irrigation,/Suburb. South of Yuma, Arizona, USA, 2011
©Edward Burtynsky. Pivot Irrigation,/#1, High Plains, Texas Panhandle, USA 2011
©Edward Burtynsky. Pivot Irrigation #1, High Plains, Texas Panhandle, USA 2011

ACQUACOLTURA
L’acquacoltura offre uno sguardo su questa fonte di cibo in rapida crescita e sempre più importante. L’acquacoltura sembra quei luoghi in cui la terra e il mare sono stati modellati per servire allo scopo di coltivare e raccogliere colture a base d’acqua come sale, pesce, gamberetti, alghe e riso.

FONTE
La fonte proviene dal viaggio di Burtynsky nella Columbia Britannica e in Islanda, luoghi in cui si svolge una fase critica del ciclo idrologico: le montagne, che contengono ghiacciai e neve. Sono i primi paesaggi in oltre trent’anni che Burtynsky ha realizzato concentrandosi specificamente sulla natura incontaminata, invece che sull’imposizione di sistemi umani su di essa.

©Edward Burtynsky. Salt River Pima-Maricopa Indian Reservation / Scottsdale, Arizona, USA, 2011
©Edward Burtynsky. Salt River Pima-Maricopa Indian Reservation / Scottsdale, Arizona, USA, 2011

Esplorare il paesaggio residuo
La natura trasformata attraverso l’industria è un tema predominante nel mio lavoro. Ho impostato la rotta per intersecare una visione contemporanea delle grandi età dell’uomo; dalla pietra, ai minerali, al petrolio, ai trasporti, al silicio e così via. Per rendere visibili queste idee cerco argomenti ricchi di dettagli e di scala ma aperti nel loro significato. I cantieri di riciclaggio, gli scarti delle miniere, le cave e le raffinerie sono tutti luoghi al di fuori della nostra normale esperienza, eppure prendiamo parte alla loro produzione su base giornaliera.

©Edward Burtynsky. Markarfljòt River#2 Iceland, 2012
©Edward Burtynsky. Markarfljòt River#2 Iceland, 2012

Queste immagini sono intese come metafore del dilemma della nostra esistenza moderna; cercano un dialogo tra attrazione e repulsione, seduzione e paura. Siamo attratti dal desiderio – una possibilità di vivere bene, ma siamo consciamente o inconsciamente consapevoli che il mondo sta soffrendo per il nostro successo. La nostra dipendenza dalla natura per fornire i materiali per il nostro consumo e la nostra preoccupazione per la salute del nostro pianeta ci pone in una contraddizione difficile. Per me, queste immagini funzionano come specchi d’acqua dei nostri tempi.

Edward Burtynsky

Edward Burtynsky è considerato uno dei fotografi contemporanei più affermati al mondo. Le sue straordinarie rappresentazioni fotografiche di paesaggi industriali globali rappresentano oltre 40 anni della sua dedizione a testimoniare l’impatto degli esseri umani sul pianeta. Le fotografie di Burtynsky sono incluse nelle collezioni di oltre 60 importanti musei in tutto il mondo, tra cui la National Gallery of Canada, il Museum of Modern Art, il Metropolitan Museum of Art e il Guggenheim Museum di New York, il Reina Sofia Museum di Madrid, la Tate Modern di Londra e il Los Angeles County Museum of Art in California.

Burtynsky è nato nel 1955 di origine ucraina a St. Catharines, Ontario. Ha conseguito il BAA in Photography/Media Studies presso la Ryerson University nel 1982 e nel 1985 ha fondato Toronto Image Works, una struttura per il noleggio di camere oscure, un laboratorio fotografico personalizzato, imaging digitale e un centro di formazione informatica sui nuovi media che si rivolge a tutti i livelli della comunità artistica di Toronto.

La prima esposizione ai siti e alle immagini dello stabilimento General Motors nella sua città natale ha contribuito a formulare lo sviluppo del suo lavoro fotografico. Il suo immaginario esplora l’impatto collettivo che noi come specie stiamo avendo sulla superficie del pianeta; un’ispezione dei sistemi umani che abbiamo imposto ai paesaggi naturali.

Le mostre includono Anthropocene (2018) alla Art Gallery of Ontario e alla National Gallery of Canada (mostra itinerante internazionale); Water (2013) al New Orleans Museum of Art & Contemporary Art Center, New Orleans, Louisiana (mostra itinerante internazionale); Oil (2009) alla Corcoran Gallery of Art di Washington D.C. (mostra itinerante internazionale quinquennale), Cina (tournée 2005 – 2008); Manufactured Landscapes presso la National Gallery of Canada (in tournée dal 2003 al 2005); e Breaking Ground prodotti dal Canadian Museum of Contemporary Photography (in tournée dal 1988 al 1992). Le opere visivamente accattivanti di Burtynsky sono attualmente esposte in mostre personali e collettive in tutto il mondo.

In qualità di docente attivo di arte fotografica, gli impegni di discorso di Burtynsky si sono tenuti presso la National Gallery of Canada, Ottawa; la Biblioteca del Congresso a Washington, DC; George Eastman House a Rochester, New York; Il Canadian Centre for Architecture a Montreal; la Art Gallery of Ontario, la conferenza TED; e Idea City e la Ryerson University di Toronto. Le sue immagini compaiono ogni anno in numerosi periodici tra cui Canadian Art, Art in America, The Smithsonian Magazine, Harper’s Magazine, Flash Art, Blind Spot, Art Forum, Saturday Night, National Geographic, The New York Times, The New Yorker, The Walrus, FT Weekend e Vogue. I riconoscimenti di Burtynsky includono il TED Prize, il Governor General’s Awards in Visual and Media Arts, il premio The Outreach ai Rencontres d’Arles, il premio Roloff Beny Book e il Rogers Best Canadian Film Award. Fa parte del consiglio di amministrazione di CONTACT: Toronto’s International Photography Festival e del Ryerson Image Centre. Nel 2006 gli è stato conferito il titolo di Ufficiale dell’Ordine del Canada e nel 2008 l’ICP Infinity Award for Art. Nel 2018 Burtynsky è stato nominato Master of Photography di Photo London e Peace Patron del Mosaic Institute. 

©Edward Burtynsky. Oil Spill #1, REM Forza, Gulf of Mexico, May 11, 2010
©Edward Burtynsky. Oil Spill #1, REM Forza, Gulf of Mexico, May 11, 2010

Nel 2019 ha ricevuto l’Arts & Letters Award all’annuale Maple Leaf Ball della Canadian Association of New York e nel 2019 il Lucie Award for Achievement in Documentary Photography. Più recentemente è stato insignito della Royal Photographic Society Honorary Fellowship (2020) ed è stato insignito dell’Outstanding Contribution to Photography Award (2022) dalla World Photography Organization. Attualmente detiene otto lauree honoris causa.

Burtynsky è stato anche una figura chiave nella produzione della pluripremiata trilogia di documentari, Manufactured Landscapes (2006) di Jennifer Baichwal, Watermark (2013) e ANTHROPOCENE: The Human Epoch (2018), gli ultimi due dei quali ha co-diretto insieme a Baichwal. Tutti e tre i film continuano a essere proiettati nei festival di tutto il mondo. Attualmente detiene otto lauree honoris causa.

Burtynsky è rappresentato da: Nicholas Metivier Gallery, Toronto; Galleria Paul Kuhn, Calgary; Galleria Howard Greenberg e Galleria Bryce Wolkowitz, New York; Galleria Robert Koch, San Francisco; Galleria Sundaram Tagore, Hong Kong e Singapore; Galleria dei fiori, Londra; Admira Fotografia, Milano; Galleria Springer, Berlino; e Weinstein Hammons Gallery, Minneapolis, Minnesota.

©Edward Burtynsky. Öffusá River #1, Iceland,2012
©Edward Burtynsky. Öffusá River #1, Iceland,2012

BIO

Edward Burtynsky è nato a Santa Caterina, Ontario, nel 1955. Formazione scolastica: 1982, Bachelor of Applied Arts – Photographic Arts (Programma di studi sui media), Ryerson University, Toronto, Ontario. 1974–1976:  Arti grafiche, Niagara College, Welland, Ontario. Dal 1985 al presente artista fotografico, imprenditore, educatore, docente. ha fondato Toronto Image Works, una struttura per il noleggio di una camera oscura, un laboratorio personalizzato, un centro di imaging digitale e un centro di formazione sui media informatici.

Per mantenere il più alto livello di qualità e coerenza di stampa per i suoi progetti fotografici, ha lanciato Toronto Image Works nel 1985; un laboratorio fotografico personalizzato con servizio completo e una struttura per il noleggio di una camera oscura.  

Nell’autunno del 2014 ha avviato un’azienda di tecnologia di stampa 3D nel centro di Toronto chiamata Think2Thing che si concentra sull’innovazione e sulla ricerca e sviluppo nelle tecnologie di stampa 3D. 

Edward Burtynsky. Ph© Birgit Kleber 2012

TRAVELGLOBE Riproduzione riservata 

Reportage Correlati