Cosa piantare ad aprile: lista ufficiale del giardiniere

Con l’inizio della primavera tantissime specie vegetali entrano in una fase estremamente prolifica e particolare, in modo specifico nel mese di aprile che è di fatto appena iniziato in questo 2024, le prospettive di una crescita di specie sia legate al giardinaggio ma anche alla produzione di alimenti è iniziata e ricopre una parte importantissima dell’economia di ogni paese dal punto di vista del sostentamento. Ma scegliere e capire cosa piantare in un mese come aprile è fondamentale anche per chi ha un giardino o anche solo un vaso.

Infatti aprile è un mese prolifico che permette la rinascita di varie specie ma anche la possibilità di piantare forme di vita interessantissime.

Identifica anche uno step di crescita di piante che invece erano già attive. Cosa piantare ad aprile?

Cosa si può piantare nel mese di aprile? Ecco tutti gli ortaggi e le verdure adatte a questo periodo

Cosa piantare ad aprile

Discorso diverso se si interpreta aprile come mese di semina o di azione del piantare, in quanto non sempre le cose corrispondono: ad aprile la primavera è nella sua fase di maggior transizione e moltissime piante estive, come quelle da frutto ad esempio iniziano il periodo più delicato del proprio ciclo annuale, per questo risulta essere un mese prolifico ma che necessita di attenzioni specifiche.

La semina delle piante ad aprile può riguardare ad esempio tante varianti di ortaggi come la cicoria, lattuga, rucola, scarola, spinacio, ma anche la carota, il ravanello, il prezzemolo, molte tipologie di fagioli, melanzana, peperone, pisello, pomodoro e zucchine.

Entro la prima parte del mese è anche possibile, si è ancora in tempo, per piantare e seminare i ceci mentre nella seconda parte è possibile iniziare a sviluppare il terreno giusto per le piante a tubero come ad esempio le cipolle estive e le patate, che richiedono un terreno piuttosto ricco e che deve essere sgomberato tempo addietro, quindi prima della semina.

Aprile può essere anche il periodo giusto per la semina di piante e ortaggi più legate all’ambito naturale dell’estate come ad esempio le melanzane, varie forme di cavolo, pomodori e zucca.

In quasi tutti i casi è fondamentale a dir poco concepire una operazione di pulizia del terreno, proprio per sgomberarlo dalle varie forme di residuo che tra le varie stagioni tendono naturalmente a palesarsi soprattutto se si tratta di un terreno che è stato utilizzato per qualche altra coltivazione nel corso dei mesi immediatamente precedenti.

POTREBBE INTERESSARTI