Come pulire la macchinetta del caffè: il trucco è sorprendente

Il caffè è e resta una delle bevande sicuramente più amate anche “culturalmente” integrate nelle abitudini non solo italiane ma di praticamente tutto il mondo e la tradizionale macchinetta, qualunque essa possa risultare, è qualcosa di estremamente utile a tratti indispensabile nei contesti casalinghi ma non solo. Data la funzione tende ad accumulare sporcizia e calcare visto che si tratta di una macchina che viene sottoposta ad umidità e tracce di caffè, quindi imparare come pulire la macchinetta del caffè nel modo giusto allunga la vita della stessa.

La macchina del caffè oggi è molto più diffusa rispetto al passato, esistendone di tantissimi tipi, da quella a cialde, a quella a capsule ma anche quelle professionali che simulano l’azione di quella del bar.

In ogni caso tutte sono soggette ad alcune dinamiche che rendono necessario un ambito di pulizia.

Ecco come pulire la macchinetta del caffè nel modo giusto: ecco la guida completa

come pulire la macchinetta del caffè

Il caffè infatti viene in ogni caso prodotto attraverso una forma di “infusione” o azione simile che può essere determinata da una pressione e dal calore, generalmente causato da una resistenza.

Il primo e spesso principale nemico della macchina del caffè è il calcare, ossia un insieme di minerali che sono presenti nell’acqua, sia quella corrente ma anche quella che beviamo. Molto spesso le macchinette del caffè “consigliano” l’utilizzo di quella naturale che è meno “dura” ossia meno carica, ma in ogni caso è necessario a cadenza regolare procedere con una pulizia.

Mai fare ricorso a prodotti chimici che andrebbero a “guastare” il sapore del caffè, quasi sempre si fa ricorso all’aceto oppure ancora meglio all’azione dell’acido citrico, da diluire ovviamente in acqua, in una misura pari a circa 10 g per un litro d’acqua.

Ogni macchinetta ha delle funzioni decalcificanti che portano esattamente questa forma di funzione, generalmente si riempie la vaschetta adibita all’acqua con questa soluzione e la si lascia scorrere all’interno della macchinetta, anche un paio di volte, prima di procedere ad un risciacquo con acqua tradizionale.

Esistono ovviamente vari liquidi decalcificanti concepiti appositamente che svolgono esattamente la stessa funzione, e con la medesima tipologia.

Con l’aceto possiamo pulire il filtro ed il serbatoio che anche questo tende a caricarsi di calcare. Questi andranno lasciati in ammollo in una soluzione di acqua e aceto e poi lavati con una spugna morbida prima di essere risciacquati ed asciugati.

A seconda dell’utilizzo è conveniente fare una pulizia profonda di questo tipo almeno ogni 4-8 mesi così da evitare che il calcare possa andrare a compromettere il flusso.

POTREBBE INTERESSARTI