Pianta antizanzare: ecco come preparare il tuo giardino

Se tutti gli animali sono tendenzialmente ben “integrati” nel cosiddetto cerchio della vita, con funzoni in un ambito di equilibrio sicuramente rilevante, le zanzare sono solitamente considerabili “di troppo” anche da parte di chi è profondamente animalista nell’animo, in quanto costituiscono un fastidio che nel corso della storia ha portato anche alla diffusione di malattie endemiche a causa di questi insetti volanti. Naturalmente siamo disposti ad utilizzare naturalmente degli insetticidi naturali ma esistono varie tipologie di vegetali interpretabili come delle forme di pianta con “funzioni” di antizanzare.

Anche se le zanzare sono insetti adattivi, non tutte le sostanze vegetali sono in grado di apparire “appetibili”.

Ed alcune piante lo sono in modo particolare, risultando essere un eccellente deterrente naturale per questi fastidiosi insetti volanti.

Le migliori forme di pianta antizanzare: ecco quali sono le più efficaci

Pianta antizanzare

Le zanzare sono insetti che fanno parte in realtà di un gruppo assolutamente antico e vasto che identifica un gruppo di oltre 3000 sotto categorie, molte di queste sono estreammente diffuse in buona parte del mondo ed hanno un comportamento ematofago, ossia si nutrono di sangue degli animali, soprattutto i mammiferi. Anche gli esseri umani ne sono ovviamente inclusi, anche se non c’è bisogno di specificarlo.

La grande adattabilità hanno portato fin dall’antichità a vari modi per tenere lontane le zanzare. E la conoscenza moderna ci ha portato anche vari metodi per “liberarsi” di questi esseri con semplicità utilizzando piante molto varie.

Molte di queste sono assolutamente innocue anzi gradevoli dal punto di vista dell’aroma ma anche dell’aspetto estetico, per cui utilizzarle sia attivamente ma anche tendendole in un vaso o in giardino può avere una doppia funzione: a partire da una pianta da fiore molto comune come il geranio, fino alla lavanda che ha un aroma impiegabile anche attraverso vari oli essenziali che ne corrispondono l’aroma effettivo.

Anche l’apprezzata menta, fino a specie tendenzialmente meno conosciute ma ancora più efficaci come la Catambra, e la nota Citronella, all’erba gatta, che viene solitamente legata al consumo dei felini, essendo in possesso di proprietà digestive importanti.

Rilevante come pianta antizanzara anche la Calendula, il Basilico ed la Monarda. Con un utilizzo abbastanza specifico e considerato “giusto” di queste piante in vaso è possibile tenere lontane le zanzare, mantenendo anche l’ambiente possibilmente poco umido (ad esempio non lasciando acqua nei sottovasi) che costituisce una condizione ideale per la proliferazione di questi insetti che sono naturalmente attratti dagli ambienti caldi ed umidi.

POTREBBE INTERESSARTI