Come pulire l’oro senza compromettere il valore: ecco i consigli del gioielliere

E’ l’oro la valuta che “significa” ricchezza nella maggior parte dei casi ed in specifiche occasioni questa risorsa viene ancora oggi liberamente impiegata come bene di lusso ma anche come oggetto di scambio, anche se sono lontani i tempi dove i pezzi di oro avevano un valore assoluto. Oggi però resta una risorsa di investimento ma anche esteticamente in grado di suscitare forti emozioni come pochi altri metalli, e tra i vantaggi principali dell’oro, anche in ambito fisico, subentra una grande duttilità che viene espressa anche dalle ottime doti di resistenza. Però anche l’oro ogni tanto ha bisogno di una manutenzione per permettere di restare impattante, e ricordarsi e capire come pulire l’oro senza modificarne la struttura.

L’oro è infatti molto resistente alla maggior parte degli agenti chimici ma allo stesso tempo resta delicato e molto specifico.

Per questo è essenziale comprendere come pulire l’oro senza rovinarlo, fattore che sarebbe imperdonabile anche per una questione di concetto, essendo l’oro simbolo di purezza.

Sai come pulire l’oro nel modo giusto? Utilizza questo trucco

come pulire l'oro

Elemento chimico tra i più importanti e riconoscibili anche sulla tavola periodica degli elementi dal simbolo “Au” che sta per Aureo, antico termine che i romani utilizzavano per definire questo metallo dalla diffusione assoluta ed al centro di numerose leggende. L’oro resta il materiale di riferimento.

La duttilità dell’oro viene compensata da una quasi indistruttibilità dalla maggior parte degli agenti naturali essendo molto affidabile e indissolubile, ma anche l’oro di maggior pregio tende a rovinarsi se non conservato bene o ancora peggio se viene pulito “male”.

Soprattutto sui gioielli se viene effettuata una pulizia scorretta o magari si fa ricorso a makeup, creme o altre soluzioni, queste possono intaccare la superficie o renderla meno lucida.

Esistono tantissimi modi per pulire i gioielli in oro e l’oro in generale, alcuni però sono più aggressivi, uno invece sicuro porta l’impiego di semplice sapone neutro (va bene anche uno di buona qualità, per piatti, magari biologico) mischiato ad acqua tiepida.

E’ sufficiente impiegare una comune ciotola con questi ingredienti mescolati, i gioielli vanno immersi per almeno un quarto d’ora e se sono molto sporchi una volta terminata questa attesa è importante fare ricorso ad uno spazzolino a setole morbide. Bisogna fare attenzione all’acqua che non deve essere troppo calda, inoltre è ben avere una mano molto leggera con lo spazzolino.

Dopo aver risciacquato il tutto, andrà lasciato asciugare su un panno.

POTREBBE INTERESSARTI