©Marco Gaiotti, Wildlife Photographer of the Year
©Marco Gaiotti, Wildlife Photographer of the Year

WPY#58: IL PUBBLICO PROTAGONISTA

Foto autori come da dida. Testi Museo di Storia Naturale di Londra / Federico Klausner

Foto in apertura: Respiro di una volpe artica di Marco Gaiotti, Italia
Marco stava osservando questa piccola volpe artica che ne chiamava incessantemente un’altra lì vicino. Gradualmente notò che l’alito umido della volpe si stava rapidamente congelando nell’aria dopo ogni richiamo. Era inverno inoltrato a Spitsbergen, nelle Svalbard, e l’aria fredda dell’Artico era -35°C. Fotografare le volpi artiche è spesso frustrante, dato che normalmente corrono velocemente in cerca di cibo, ma questa era molto rilassata e ha lasciato che Marco si avvicinasse abbastanza da poterla mettere a fuoco, con la luce che brillava perfettamente sullo sfondo.
Grandi novità nel Wildlife Photographer of the Year, il più famoso concorso per fotografi naturalisti al mondo, di proprietà del Museo di Storia Naturale di Londra. Per la prima volta il pubblico diventa protagonista. Il WPY invita invita gli appassionati di fotografia naturalistica di tutto il mondo a votare online sul suo sito il vincitore del People’s Choice Award tra 25 scene indimenticabili. Che  includono suricati curiosi, uno sfuggente tapiro, il salvataggio di un delfino del Rio delle Amazzoni e un canguro e il suo joey incorniciati dalla distruzione di un incendio.  La votazione online si concluderà alle 14:00 (GMT) di martedì 2 febbraio 2022. Queste immagini, selezionate tra oltre 50.000 provenienti da 95 Paesi, sono attualmente in mostra al  Natural History Museum di Londra, fino al termine delle votazioni. Il vincitore sarà quindi proclamato alla chiusura della mostra, il 5 giugno 2022. Saranno inoltre pubblicate online le prime cinque immagini del People’s Choice Award, che si uniranno ai vincitori del cinquantasettesimo concorso Wildlife Photographer of the Year scelti dalla giuria che sarà scelta all’inizio dell’anno.

Wildlife Photographer of the Year è una piattaforma globale per fotografi dilettanti e professionisti, con  immagini ammirate da milioni di persone in tutto il mondo. Utilizzando il potere emotivo unico della fotografia, il concorso e la mostra gettano luce sulla bellezza e la diversità del mondo naturale, per chiederne la protezione.
La dott.ssa Natalie Cooper, ricercatrice presso il Museo di Storia Naturale e membro della giuria, afferma: “Il People’s Choice Award offre scorci sorprendenti sulla natura e sul nostro rapporto con essa, accendendo la nostra curiosità e rafforzando la nostra connessione con il mondo naturale. È una sfida incredibile scegliere solo una di queste immagini. Quindi non vediamo l’ora di scoprire la preferita dal pubblico.”

Gli sponsor associati per la mostra Wildlife Photographer of the Year al Natural History Museum di Londra sono la società di energia rinnovabile Ørsted e il marchio di alcolici analcolici Seedlip.

L'orso di ghiaccio arriva... ©Andy Skillen, Wildlife Photographer of the Year
L'orso di ghiaccio arriva... ©Andy Skillen, Wildlife Photographer of the Year È un giro in elicottero di due ore dalla città più vicina a questo punto sul fiume Fishing Branch nello Yukon, in Canada, un luogo in cui il fiume non si congela mai per quanto freddo faccia. La corsa dei salmoni si svolge nel tardo autunno qui e per gli orsi grizzly della zona questo mare aperto offre un'ultima possibilità di banchettare prima di andare in letargo. Faceva una media di circa -30°C (-22°F) e Andy aveva aspettato e sperato che un particolare orso avrebbe usato questo tronco per attraversare il ruscello. Alla fine lei fece proprio questo e lui ottenne l'immagine che aveva immaginato: la sua pelliccia, bagnata dalla pesca, si era congelata in ghiaccioli e "si sentiva tintinnare mentre passava".
©Antonio Liebana Navarro, Wildlife Photographer of the Year
Cucciolo di lince che lecca ©Antonio Liebana Navarro, Wildlife Photographer of the Year La lince iberica è uno dei felini la cui sopravvivenza è più a rischio al mondo a causa della perdita dell'habitat, della diminuzione delle fonti di cibo, degli incidenti stradali e della caccia illegale. Ma grazie agli sforzi di conservazione i numeri stanno crescendo e può essere individuata in piccole aree del Portogallo e della Spagna. Antonio ha catturato questa immagine mentre conduceva un progetto di conservazione basato sulla fotografia a Peñalajo, Castilla La Mancha, in Spagna. Sapeva che una famiglia di linci usava questa pozza d'acqua per bere, quindi si è sistemato un nascondiglio nelle vicinanze. Concentrandosi su questo cucciolo, ha avuto la fortuna di catturare il momento in cui ha alzato la testa dall'acqua, si è leccato le labbra e ha guardato dritto nella telecamera.

Info Mostra

Durata: fino al 5/6/22
Apertura: Lunedì-domenica 10-17.50. Affollata durante i weekend.
Biglietti: £ 17,25 ( riduzioni £13,75 – £ 10,25
 

 

©Zhang Qiang, Wildlife Photographer of the Year
Coccole di scimmia ©Zhang Qiang, Wildlife Photographer of the Year. Zhang stava visitando le montagne cinesi di Qinling per osservare il comportamento della scimmia dal naso camuso del Sichuan. Le foreste temperate delle montagne sono l'unico habitat delle scimmie in via di estinzione, anche a causa della distruzione delle foresta. Zhang ama osservare le dinamiche del gruppo familiare: quanto sono vicini e amichevoli l'uno con l'altro. E quando è il momento di riposare, le femmine e i piccoli si stringono insieme per ricevere calore e protezione. Questa immagine cattura perfettamente quel momento di intimità. L'inconfondibile faccia blu della giovane scimmia si annidava tra due femmine, la loro sorprendente pelliccia arancione-dorata screziata di luce.
©Jaime Rojo, Wildlife Photographer of the Year
©Jaime Rojo. Spagna, Wildlife Photographer of the Year. Abbraccio di un delfino. Jaime ha osservato Federico Mosquera, un biologo della Fondazione Omacha, in Colombia, mentre calmava un delfino del Rio delle Amazzoni. Questi delfini sono animali estremamente tattili e il contatto diretto li calma: anche mantenerli idratati quando sono fuori dall'acqua è estremamente importante. Il team di Omacha e del WWF stava trasportando il delfino in una struttura veterinaria temporanea a Puerto Nariño, in Colombia, per installare un tag GPS nella sua pinna dorsale. Il progetto fa parte di un più ampio tentativo scientifico di comprendere la salute dei delfini di fiume e i modelli migratori. L'obiettivo era quello di etichettare cinque individui, ma l'acqua alta ha permesso ai delfini più vie di fuga del solito e l'equipaggio ha lottato, taggandone solo uno durante la spedizione.
©Cristiano Vendramin, Wildlife Photographer of the Year
©Cristiano Vendramin, Italia. Wildlife Photographer of the Year. Lago di ghiaccio Il Lago di Santa Croce è un lago naturale situato nella provincia di Belluno, in Italia. Nell'inverno 2019 Cristiano ha notato che l'acqua era insolitamente alta e le piante di salice erano parzialmente sommerse, creando giochi di luce e riflessi. In attesa di condizioni più fredde, ha catturato la scena in una gelida immobilità. Dopo aver scattato l'immagine, si è ricordato di un caro amico, che aveva amato questo posto e che ora non è più qui: "Voglio pensare che mi abbia fatto provare questa sensazione che non dimenticherò mai. Per questo motivo questa fotografia è a lui dedicato».
©Jan Leßmann, Wildlife Photographer of the Year
Merlo nel cortile. ©Jan Leßmann, Germania. Wildlife Photographer of the Year. Jan ha avuto un grande piacere nel guardare questo merlo dalla sua porta di casa, nella sua città natale di Greifswald, in Germania. Era primavera e il merlo aveva scelto una vecchia capanna da giardino in cui costruire il suo nido. In silenzio e in segreto ha allevato i suoi piccoli in questo giardino idilliaco. Con questa immagine Jan ha voluto sottolineare che non dobbiamo andare lontano per sperimentare la bellezza della natura - a volte è sufficiente qualcosa di semplice come un merlo che la fa tornare a casa in una capanna fatiscente.
©Javier Aznar González de Rueda, Wildlife Photographer of the Year
Femmina di Micrathena clypeata, (ragno tessitore spinoso) mentre costruisce la custodia per le uova di notte. ©Javier Aznar González de Rueda, Spagna. Wildlife Photographer of the Year. Durante una passeggiata notturna nella foresta pluviale amazzonica vicino a Tena, in Ecuador, Javier ha notato questa piccola femmina di ragno tessitore di sfere dal cuore spinoso che costruiva delicatamente la sua custodia per le uova. Appese a un robusto filo di seta, queste femmine di ragno trascorrono ore a racchiudere le loro uova in un bozzolo di seta, che può contenere fino a diverse centinaia di uova. In quella notte buia, la custodia dell'uovo somigliava a una luna piena bianco perla.

Cliccare sulle immagini per ingrandirle

Da sinistra: Riparo dalla pioggia. ©Ashleigh McCord, USA. Wildlife Photographer of the Year. Durante una visita al Maasai Mara, in Kenya, Ashleigh ha catturato questo tenero momento tra una coppia di leoni maschi. All’inizio, aveva fotografato solo uno dei leoni, e la pioggia era solo una leggera spruzzata, anche se il secondo si era avvicinato brevemente e aveva salutato il suo compagno prima di scegliere di andarsene. Ma mentre la pioggia si trasformava in un forte acquazzone, il secondo maschio tornò e si sedette, posizionando il corpo come per proteggere l’altro. Poco dopo si strofinarono il viso e continuarono a sedersi a strofinarsi il naso per un po’. Ashleigh rimase a guardarli finché la pioggia non cadde così forte che furono a malapena visibili. Tutti insieme. ©Li Dang, USA. Wildlife Photographer of the Year. Gli svassi di Clark sul lago vicino a Ly a San Diego, California, USA, non nidificavano da alcuni anni, e non era sicuro che la colpa fosse del clima insolitamente caldo e secco che stavano vivendo. Poi nel 2017 la California ha avuto il doppio delle normali precipitazioni annue. Con i laghi pieni, gli svassi hanno ricominciato a costruire nidi e a deporre le uova. Costruiscono nidi galleggianti sul bordo dell’acqua bassa tra le canne o i giunchi. I pulcini fanno un giro sulla accogliente schiena di un genitore subito dopo la schiusa. Questa foto è stata scattata pochi giorni dopo un temporale che purtroppo ha spazzato via quasi tutti i nidi di svassi. Ly era stato su una barca per ore, scrutando la superficie, alla ricerca di svassi e, proprio mentre la luce stava svanendo, individuò i sopravvissuti. Il futuro nelle sue mani ©Joan de la Malla, Wildlife Photographer of the Year. A causa dell’eccessivo sfruttamento e disboscamento industriale e per lo sviluppo delle piantagioni. le foreste pluviali del Borneo stanno scomparendo rapidamente. Per questo motivo, specie endemiche come l’orango stanno soffrendo e muoiono a causa della perdita dell’habitat e sono seriamente minacciate. International Animal Rescue svolge il lodevole compito di riabilitare gli oranghi orfani o feriti. Danno loro l’assistenza sanitaria di cui hanno bisogno e li preparano per la reintroduzione, quando possibile. Qui, in un recinto di foresta, un custode si prende cura dei piccoli incoraggiandoli a mescolarsi con altri della stessa età, a fare nidi e a procurarsi il cibo. Vivere insieme. ©Dhritiman Mukherjee, Wildlife Photographer of the Year. Per Dhritiman, il Bhutan è un posto fantastico. Ama il modo in cui la maggior parte delle persone cerca di vivere con la natura. I tragopani satiro, una specie rara di fagiano asiatico, sono ampiamente cacciati per il cibo e il piumaggio e sono normalmente ombrosi e molto timidi. Ma in questo villaggio vicino a Punakha, gli uccelli appaiono a loro agio e perfettamente rilassati in presenza delle persone che vi abitano. Prima di catturare questa immagine, Dhritiman aveva cercato di fotografare il tragopano satiro in India dal 2008, ma gli uccelli scappavano sempre nel momento in cui lo individuavano. Dopo aver sentito di comunità in Bhutan che coesistono armoniosamente con la specie, sapeva che doveva testimoniarlo di persona.

La vita in bianco e nero. © Lucas Bustamante, Ecuador. Wildlife Photographer of the Year
La vita in bianco e nero. © Lucas Bustamante, Ecuador. Wildlife Photographer of the Year. Dozzine di zebre delle pianure si sono recate a bere alla pozza d'acqua di Okaukuejo nel Parco nazionale di Etosha, in Namibia, un luogo popolare per gli animali della zona per dissetarsi a causa del caldo torrido del sole. Strettamente ravvicinate e muovendosi simultaneamente le zebre abbassano la testa per abbeverarsi e, quasi immediatamente, l'ha sollevati di nuovo meccanicamente per controllare pericoli. Questo è andato avanti per cinque minuti e le loro strisce hanno ricordato a Lucas un codice a barre vivente. Concentrandosi al massimo, il suo obiettivo era catturarne solo uno a testa alta e, appena prima che la mandria se ne andasse, ha ottenuto l'immagine che secondo lui mostra meglio questi iconici animali a strisce bianche e nere.
©Yung sen Wu, Wildlife Photographer of the Year
Barracuda . ©Yung Sen Wu, Taiwan. Wildlife Photographer of the Year. Sono stati i banchi di barracuda a Blue Corner, Palau, nel Pacifico occidentale, che hanno attirato l'attenzione di Yung mentre si immergeva nel paesaggio marino turchese. Aveva nuotato con loro per quattro giorni, ma la loro formazione cambiava costantemente forma e non riusciva a trovare l'angolazione perfetta. Il quinto giorno la sua fortuna cambiò quando i pesci sembrarono accettarlo nel gruppo. Circondato dai barracuda, iniziò a immaginare come un pesce ne vede un altro mentre nuota, e questa era l'immagine che voleva. I pesci erano veloci e lui doveva nuotare forte per mantenere il suo posto nel banco. Alla fine di 50 estenuanti minuti, ha ottenuto la sua perfetta vista "a occhio di pesce".
©Li Dang, USA. Wildlife Photographer of the Year
Tutti insieme. ©Li Dang, USA. Wildlife Photographer of the Year. Gli svassi di Clark sul lago vicino a Ly a San Diego, California, USA, non nidificavano da alcuni anni, e non era sicuro che la colpa fosse del clima insolitamente caldo e secco che stavano vivendo. Poi nel 2017 la California ha avuto il doppio delle normali precipitazioni annue. Con i laghi pieni, gli svassi hanno ricominciato a costruire nidi e a deporre le uova. Costruiscono nidi galleggianti sul bordo dell'acqua bassa tra le canne o i giunchi. I pulcini fanno un giro sulla accogliente schiena di un genitore subito dopo la schiusa. Questa foto è stata scattata pochi giorni dopo un temporale che purtroppo ha spazzato via quasi tutti i nidi di svassi. Ly era stato su una barca per ore, scrutando la superficie, alla ricerca di svassi e, proprio mentre la luce stava svanendo, individuò i sopravvissuti.
©Ashleigh McCord, USA. Wildlife Photographer of the Year
Riparo dalla pioggia. ©Ashleigh McCord, USA. Wildlife Photographer of the Year. Durante una visita al Maasai Mara, in Kenya, Ashleigh ha catturato questo tenero momento tra una coppia di leoni maschi. All'inizio, aveva fotografato solo uno dei leoni, e la pioggia era solo una leggera spruzzata, anche se il secondo si era avvicinato brevemente e aveva salutato il suo compagno prima di scegliere di andarsene. Ma mentre la pioggia si trasformava in un forte acquazzone, il secondo maschio tornò e si sedette, posizionando il corpo come per proteggere l'altro. Poco dopo si strofinarono il viso e continuarono a sedersi a strofinarsi il naso per un po'. Ashleigh rimase a guardarli finché la pioggia non cadde così forte che furono a malapena visibili.

Cliccare sulle immagini per ingrandirle

Speranza in una piantagione bruciata. ©Jo-Anne McArthur, Canada. Jo-Anne è volata in Australia all’inizio del 2020 per documentare le storie di animali colpiti dai devastanti incendi boschivi che stavano investendo gli stati del New South Wales e del Victoria. Lavorando allo sfinimento a fianco di Animals Australia (un’organizzazione per la protezione degli animali), le è stato dato accesso a siti di ustioni, salvataggi e missioni veterinarie. Questo canguro grigio orientale e il suo cucciolo nella foto vicino a Mallacoota, Victoria, sono stati tra i fortunati. Il canguro distolse a malapena gli occhi da Jo-Anne mentre camminava con calma verso il punto in cui poteva scattare una bella foto. Ebbe appena il tempo di accucciarsi e premere il pulsante di scatto prima che il canguro saltasse via nella piantagione di eucalipto bruciata. L’aquila e l’orso. ©Jeroen Hoekendijk, Paesi Bassi. Wildlife Photographer of the Year. I cuccioli di orso nero si arrampicano spesso sugli alberi, dove aspettano in sicurezza che la madre torni con il cibo. Qui, nelle profondità della foresta pluviale temperata di Anan in Alaska, questo piccolo cucciolo ha deciso di fare un pisolino pomeridiano su un ramo coperto di muschio sotto l’occhio vigile di una giovane aquila calva. L’aquila era rimasta seduta su questo pino per ore e Jeroen trovava la situazione straordinaria. Ha iniziato rapidamente a catturare la scena dall’altezza degli occhi e, con una certa difficoltà e molta fortuna, è stato in grado di posizionarsi un po’ più in alto sulla collina e prendere questa immagine mentre l’orso dormiva, ignaro. Giaguaro delle ceneri ©Ernane Junior, Brasile. Wildlife Photographer of the Year. L’anno 2020 ha visto gli incendi nelle zone umide del Pantanal in Brasile più del doppio rispetto all’anno precedente: “un anno da non dimenticare” afferma Ernane. Più del 26% dell’area totale è stato colpito e la situazione nel parco statale Encontros das Águas è stata anche peggiore, con circa l’80% bruciato. Il parco è noto per la sua numerosa popolazione di giaguari ed Ernane era lì a documentare gli incendi quando questo giaguaro e suo fratello attraversarono il Rio Três Irmãos (fiume dei tre fratelli) nelle vicinanze. Dopo aver raggiunto la sponda opposta, il giaguaro rotolò nella cenere lasciata dalla desolazione dei giorni prima, lasciando scoperto solo il viso, il corpo ormai nero che rispecchiava l’ambiente carbonizzato. Il salto. ©Karl Samitsch, Austria Wildlife Photographer of the Year. Karl era a Cairngorms, in Scozia, con un amico che lo portò in una foresta dove gli scoiattoli rossi erano abituati a essere nutriti. Hanno posizionato le nocciole sui rami opposti di due alberi e Karl ha quindi posizionato la sua macchina fotografica su un treppiede tra i rami rivolti nella direzione in cui uno scoiattolo avrebbe potuto saltare. Impostando la fotocamera sulla messa a fuoco automatica, ha aspettato in tenuta mimetica dietro un albero, con in mano un telecomando. Dopo meno di un’ora, apparvero due scoiattoli. Mentre saltavano tra i rami, ha usato la modalità burst ad alta velocità sulla sua fotocamera e dei 150 fotogrammi, quattro erano nitidi e questo ha catturato perfettamente il momento.

©Minghui Yuan, Wildlife Photographer of the Year
Lavorare insieme ©Minghui Yuan, Cina. Wildlife Photographer of the Year. C'erano diversi grandi alberi vicino all'hotel di Minghui nel giardino botanico tropicale Xishuangbanna nella provincia dello Yunnan, in Cina, e aveva notato le formiche verdi sui tronchi ed era rimasto affascinato dal loro comportamento. Questa specie di formica costruisce il suo nido nella chioma degli alberi, è feroce per natura e brava a catturare tutti i tipi di insetti. Una mattina Minghui notò un gruppo di formiche che lavoravano insieme in perfetta unità per trattenere una cavalletta verde. Queste straordinarie formiche non sempre uccidono, sono state osservate "coltivare" alcuni tipi di insetti, comprese le cicaline cui offrono protezione da predatori e parassiti in modo che possano nutrirsi della dolce linfa che le cicaline espellono.
©Thomas Peschak, Wildlife Photographer of the Year
Suricati in posa. ©Thomas Peschak, Wildlife Photographer of the Year. Meercats messi in posa da Thomas Peschak, Germania / Sud Africa. Questo gruppo di suricati nella riserva di Tswalu Kalahari in Sudafrica è abituato agli umani da oltre un decennio ed è molto rilassato con le persone. In effetti, per lo più ignoravano completamente la presenza di Thomas, essendo troppo preoccupati di rilassarsi, cacciare, pulirsi e combattere. È stato quindi in grado di avvicinarsi e utilizzare un obiettivo grandangolare per includere l'arida savana e le montagne che chiamano casa. Per catturare le caratteristiche dei suricati, ha applicato le tecniche utilizzate per le persone in una sessione di ritratto e ha usato le luci dello studio per fotografarle.

Cliccare sulle immagini per ingrandirle

Da sinistra: Legami d’amore. © Peter Delaney, Irlanda / Sud Africa. Wildlife Photographer of the Year. Peter guardava come un branco di elefanti serrava i ranghi, spingendo i loro piccoli in mezzo al gruppo per proteggerli. Un elefante maschio aveva cercato di separare un elefantino appena nato da sua madre. Peter stava fotografando la mandria nella riserva degli elefanti di Addo, in Sudafrica, quando il neonato ha emesso un grido. La mandria ha reagito all’istante – lanciando forti richiami, sbattendo le orecchie e poi circondando i giovani e allungando la proboscide per rassicurarli. Gli elefanti creano legami che durano una vita e possono mostrare emozioni dall’amore alla rabbia. Peter sente: “C’è qualcosa di magico e bello quando osservi gli elefanti: tocca la tua anima e tira le corde del tuo cuore”. Fare l’autostop ©Wim van den Heever, Sud Africa. Wildlife Photographer of the Year. Un formichiere gigante femmina stava andando a caccia di cibo in un’enorme pianura aperta molto tardi un pomeriggio nel Pantanal, in Brasile, quando Wim si accorse improvvisamente che aveva un giovane sulla schiena. Istintivamente afferrò la sua macchina fotografica e lentamente si avvicinò a un termitaio in lontananza, che era nella direzione generale in cui si stava muovendo. Seduto in silenzio, aspettò che lei si facesse strada. Ma la luce stava svanendo rapidamente e iniziò a chiedersi se avrebbe avuto il tempo di catturare la scena. Dopo una lunga attesa – i formichieri camminano lentamente – e tenendo in mano un’attrezzatura fotografica molto pesante, Wim è stato ricompensato per la sua pazienza. Stammi vicino ©Maxime Aliaga, Francia. Wildlife Photographer of the Year. Prendersi cura di un giovane orango richiede molta energia. Maxime ha trascorso più di un’ora osservando questa madre nella Riserva Naturale Pinus Jantho di Sumatra, in Indonesia, merntre cercava di tenere il suo piccolo sfegatato con sé nel nido. Dal 2011 il Sumatran Orangutan Conservation Program ha rilasciato nella riserva più di 120 scimmie confiscate. Il loro obiettivo è stabilire nuove popolazioni selvatiche come rete di sicurezza contro il declino. Questa madre, Marconi, una volta era tenuta prigioniera come animale domestico illegale, ma è stata curata e rilasciata nel 2011. Nel 2017 è stata avvistata con un cucciolo nato selvaggio, Masen, un simbolo di speranza per la futura popolazione. Nascondino ©Michiel Van Noppen, Paesi Bassi. Wildlife Photographer of the Year. Michiel ha scattato questa foto di Dantita, come è affettuosamente conosciuta, ai piedi del Parco Nazionale Braulio Carrillo, vicino a San José, nel centro della Costa Rica. Il tapiro di Baird o “giardiniere della foresta” è estremamente importante per il loro habitat naturale, con alcuni semi che germinano solo dopo essere passati attraverso il tapiro. Ma a causa delle minacce della deforestazione e della caccia, si stima che siano rimasti solo 6.000 individui allo stato brado. Gruppi di conservazione come Proyecto Tapir Nicaragua e Nai Conservation sono stati istituiti per lavorare a stretto contatto con le comunità locali per promuovere l’importanza di preservare la terra e proteggere una specie in via di estinzione.

©Qian Guo, Wildlife Photographer of the Year
Ballando nella neve ©Qiang Guo, Cina. Wildlife Photographer of the Year. Nella riserva naturale di Lishan nella provincia dello Shanxi, in Cina, Qiang ha osservato due fagiani dorati che si scambiavano continuamente di posto su questo tronco, i loro movimenti erano simili a una danza silenziosa nella neve. Gli uccelli sono originari della Cina, dove abitano fitte foreste nelle regioni montuose. Sebbene di colore brillante, sono timidi e difficili da individuare. Passano la maggior parte del loro tempo a cercare cibo sul suolo scuro della foresta, volando solo per sfuggire ai predatori o per appollaiarsi su alberi molto alti durante la notte.

TRAVELGLOBE Riproduzione riservata

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Reportage
Correlati

SEI PRONTO AD ANDARE OLTRE?

Abbonati a TravelglobeOLTRE e accedi ai nostri contenuti speciali: contest fotografici, monografie, interviste e approfondimenti.