WILDLIFE PHOTOGRAPHER OF THE YEAR 2022

IL GRANDE RONZIO. ©Karine Aigner, USA. / Wildlife Photographer of the year/Vincitore, Comportamento: Invertebrati. VINCITORE ASSOLUTO WILDLIFE PHOTOGRAPHER OF THE YEAR 2022. Karine Aigner si avvicina all'azione mentre un gruppo di api compete per accoppiarsi. Usando un obiettivo macro, Karine ha catturato il culmine dell' attività di una palla ronzante di api cactus che rotolava sulla sabbia calda. Dopo pochi minuti, la coppia al centro – un maschio aggrappato all'unica femmina nella mischia – volò via per accoppiarsi. Le api nel mondo sono minacciate dalla perdita di habitat, dai pesticidi e dai cambiamenti climatici. Con il 70% delle specie di api che nidificano sottoterra, è sempre più importante che le aree di suolo naturale siano lasciate intatte. Località: South Texas, USA Dettagli tecnici: Sony α7R III + Laowa 24mm f14 2x obiettivo sonda macro; 1/1000 sec; ISO 6400; Profoto strobo + trigger wireless
IL GRANDE RONZIO. ©Karine Aigner, USA. / Wildlife Photographer of the year/Vincitore, Comportamento: Invertebrati. VINCITORE ASSOLUTO WILDLIFE PHOTOGRAPHER OF THE YEAR 2022. Karine Aigner si avvicina all’azione mentre un gruppo di api compete per accoppiarsi. Usando un obiettivo macro, Karine ha catturato il culmine dell’ attività di una palla ronzante di api cactus che rotolava sulla sabbia calda. Dopo pochi minuti, la coppia al centro – un maschio aggrappato all’unica femmina nella mischia – volò via per accoppiarsi.
Le api nel mondo sono minacciate dalla perdita di habitat, dai pesticidi e dai cambiamenti climatici. Con il 70% delle specie di api che nidificano sottoterra, è sempre più importante che le aree di suolo naturale siano lasciate intatte. Località: South Texas, USA
Dettagli tecnici: Sony α7R III + Laowa 24mm f14 2x obiettivo sonda macro; 1/1000 sec; ISO 6400; Profoto strobo + trigger wireless

WILDLIFE PHOTOGRAPHER OF THE YEAR 2022

Foto e testi degli autori. Traduzione Federico Klausner

Il 59°concorso Wildlife Photographer of the Year del Museo di Storia Naturale di Londra apre le iscrizioni

Per il 59° anno, il prestigioso concorso  Wildlife Photographer of the Year del Museo di Storia Naturale apre alle iscrizioni di fotografi di tutte le età, nazionalità e livelli.  Saranno esentati dalle quote di iscrizione  per  il secondo anno 50 paesi  per incoraggiare ulteriormente le candidature da regioni che sono attualmente sottorappresentate nella competizione annuale.

LA BELLEZZA DELLA BALENA ©Katanyou Wuttichaitanakorn, Thailandia/Wildlife Photographer of the year. Vincitore, 15-17 anni. VINCITORE YOUNG WILDLIFE PHOTOGRAPHER OF THE YEAR 2022. Katanyou Wuttichaitanakorn è incuriosito dai colori contrastanti e dalle trame di una balena di Bryde, che affiora nelle vicinanze. Seguendo le linee guida turistiche del governo, la barca su cui viaggiava Katanyou ha spento il motore mentre la balena emergeva nelle vicinanze. Katanyou ha dovuto tenere ferme le mani per catturare questa composizione ravvicinata mentre la barca oscillava per il moto ondoso. Le balene di Bryde hanno fino a 370 paia di placche di fanoni di colore grigio, che crescono all'interno delle loro mascelle superiori. Le piastre sono fatte di cheratina - una proteina che forma anche capelli e unghie umane - e vengono utilizzate per filtrare piccole prede dall'oceano. Località: Alto Golfo del Thailandia, Phetchaburi, Thailandia Dettagli tecnici: Canon EOS 90D + Sigma 150–600mm f5–6.3 obiettivo; 1/6400 sec a f6,3 (-1 e/v); ISO 640
LA BELLEZZA DELLA BALENA ©Katanyou Wuttichaitanakorn, Thailandia/Wildlife Photographer of the year. Vincitore, 15-17 anni. VINCITORE YOUNG WILDLIFE PHOTOGRAPHER OF THE YEAR 2022.
Katanyou Wuttichaitanakorn è incuriosito dai colori contrastanti e dalle trame di una balena di Bryde, che affiora nelle vicinanze. Seguendo le linee guida turistiche del governo, la barca su cui viaggiava Katanyou ha spento il motore mentre la balena emergeva nelle vicinanze. Katanyou ha dovuto tenere ferme le mani per catturare questa composizione ravvicinata mentre la barca oscillava per il moto ondoso. Le balene di Bryde hanno fino a 370 paia di placche di fanoni di colore grigio, che crescono all’interno delle loro mascelle superiori. Le piastre sono fatte di cheratina – una proteina che forma anche capelli e unghie umane – e vengono utilizzate per filtrare piccole prede dall’oceano. Località: Alto Golfo della Thailandia, Phetchaburi, Thailandia. Dettagli tecnici: Canon EOS 90D + Sigma 150–600mm f5–6.3 obiettivo; 1/6400 sec a f6,3 (-1 e/v); ISO 640

Il concorso di fotografia naturalistica più antico e prestigioso del mondo

  • Una vetrina globale per la fotografia naturalistica e il fotogiornalismo ambientale
  • Il concorso 2022 segna il suo cinquantanovesimo anno
  • Aperto a fotografi di tutte le età, nazionalità e livelli
  • Annunciata la prestigiosa giuria internazionale
  • Aperto le iscrizioni lunedì 17 ottobre 2022
  • Chiusura giovedì 8 dicembre 2022 alle 11.30 GMT
NUOVA VITA PER IL TOHORĀ ©Richard Robinson, Nuova Zelanda / Wildlife Photographer of the year. Vincitore, Oceani: quadro generale. Richard Robinson cattura un momento di speranza per una popolazione di balene che è sopravvissuta contro ogni previsione. Ostacolato dalla scarsa visibilità, Richard ha usato una polecam per fotografare le balene che si muovevano lentamente verso la sua barca. Spingendo la macchina fotografica ai suoi limiti nell'acqua scura, fu felice di trovare un'immagine nitida e il momento della copulazione cristallizzato nel tempo. Quando è pronta per l'accoppiamento, la femmina di balena franca australe ruota sul dorso, per favorire l’accesso del pene del maschio. Conosciuta dai Māori come tohorā, la popolazione neozelandese è stata cacciata fino quasi all'estinzione nel 1800, quindi ogni piccolo offre nuove speranze. Girato sotto il permesso del Dipartimento di Conservazione della Nuova Zelanda #84845-MAR. Luogo: Deas Head, Isole Auckland, Nuova Zelanda. Dettagli tecnici: obiettivo Canon EOS 5DS R + 8–15mm f4 a 15mm; 1/640 sec a f4; ISO 1600; Alloggiamento: Aquatica
NUOVA VITA PER IL TOHORĀ ©Richard Robinson, Nuova Zelanda / Wildlife Photographer of the year. Vincitore, Oceani: quadro generale. Richard Robinson cattura un momento di speranza per una popolazione di balene che è sopravvissuta contro ogni previsione. Ostacolato dalla scarsa visibilità, Richard ha usato una polecam per fotografare le balene che si muovevano lentamente verso la sua barca. Spingendo la macchina fotografica ai suoi limiti nell’acqua scura, fu felice di trovare un’immagine nitida e il momento della copulazione cristallizzato nel tempo. Quando è pronta per l’accoppiamento, la femmina di balena franca australe ruota sul dorso, per favorire l’accesso del pene del maschio. Conosciuta dai Māori come tohorā, la popolazione neozelandese è stata cacciata fino quasi all’estinzione nel 1800, quindi ogni piccolo offre nuove speranze. Girato sotto il permesso del Dipartimento di Conservazione della Nuova Zelanda #84845-MAR. Luogo: Deas Head, Isole Auckland, Nuova Zelanda. Dettagli tecnici: obiettivo Canon EOS 5DS R + 8–15mm f4 a 15mm; 1/640 sec a f4; ISO 1600; Alloggiamento: Aquatica
LE SPUGNOLE MAGICHE ©Agorastos Papatsanis, Grecia/ Wildlife Photographer of the year. Vincitore, Piante e funghi. Agorastos Papatsanis compone una scena fiabesca nelle foreste del Monte Olimpo. Sfruttando l'interazione tra funghi e fiabe, Agorastos ha voluto creare una scena magica. Ha aspettato che il sole filtrasse tra gli alberi e illuminasse l'acqua sullo sfondo, poi ha usato un obiettivo grandangolare e flash per evidenziare le forme labirintiche delle spugnole. Le spugnole sono considerate tesori gastronomici in molte parti del mondo perché sono difficili da coltivare, eppure in alcune foreste prosperano naturalmente. Luogo: Mount Olympus, Pieria, Grecia. Dettagli tecnici: Nikon D810 + obiettivo Laowa 15mm f4 + filtro polarizzatore; 0,8 sec a F20; ISO 200; 2x lampeggia Godox V1-N; Trigger wireless Godox XPro-N; Treppiede Leofoto
LE SPUGNOLE MAGICHE ©Agorastos Papatsanis, Grecia/ Wildlife Photographer of the year. Vincitore, Piante e funghi. Agorastos Papatsanis compone una scena fiabesca nelle foreste del Monte Olimpo. Sfruttando l’interazione tra funghi e fiabe, Agorastos ha voluto creare una scena magica. Ha aspettato che il sole filtrasse tra gli alberi e illuminasse l’acqua sullo sfondo, poi ha usato un obiettivo grandangolare e flash per evidenziare le forme labirintiche delle spugnole. Le spugnole sono considerate tesori gastronomici in molte parti del mondo perché sono difficili da coltivare, eppure in alcune foreste prosperano naturalmente. Luogo: Mount Olympus, Pieria, Grecia. Dettagli tecnici: Nikon D810 + obiettivo Laowa 15mm f4 + filtro polarizzatore; 0,8 sec a F20; ISO 200; 2x lampeggia Godox V1-N; Trigger wireless Godox XPro-N; Treppiede Leofoto
FENICOTTERI CELESTI © di Junji Takasago, Giappone/ Wildlife Photographer of the year. Vincitore, Natural Artistry. Junji Takasago strisciò verso il gruppo di fenicotteri cileni. Inquadrando la loro coreografia tra le nuvole riflesse, combattendo mal di montagna per catturare questa scena onirica. Ad alta quota nelle Ande, Salar de Uyuni è la salina più grande del mondo. È anche una delle più grandi miniere di litio della Bolivia, che minaccia il futuro di questi fenicotteri. Il litio viene utilizzato nelle batterie per telefoni e laptop. Insieme possiamo contribuire a ridurre la domanda riciclando i vecchi dispositivi elettronici. Località: Salar de Uyuni, Provincia di Daniel Campos, Bolivia. Dettagli tecnici: Nikon Z7 + obiettivo 80–400mm f4–5.6 a 400mm; 1/3200 sec a f10 (+0,7 e/v); ISO 800
FENICOTTERI CELESTI © di Junji Takasago, Giappone/ Wildlife Photographer of the year. Vincitore, Natural Artistry. Junji Takasago strisciò verso il gruppo di fenicotteri cileni. Inquadrando la loro coreografia tra le nuvole riflesse, combattendo mal di montagna per catturare questa scena onirica. Ad alta quota nelle Ande, Salar de Uyuni è la salina più grande del mondo. È anche una delle più grandi miniere di litio della Bolivia, che minaccia il futuro di questi fenicotteri. Il litio viene utilizzato nelle batterie per telefoni e laptop. Insieme possiamo contribuire a ridurre la domanda riciclando i vecchi dispositivi elettronici. Località: Salar de Uyuni, Provincia di Daniel Campos, Bolivia. Dettagli tecnici: Nikon Z7 + obiettivo 80–400mm f4–5.6 a 400mm; 1/3200 sec a f10 (+0,7 e/v); ISO 800

I vincitori del 58° concorso sono stati recentemente rivelati durante una cerimonia presentata da Chris Packham, esperto di della fauna selvatica, nell’iconica Hintze Hall  del Museo di Storia Naturale . Il concorso ha attirato quasi 40.000 iscrizioni da 93 paesi. La fotografa americana Karine Aigner è stata premiata come fotografa naturalista dell’anno per la sua straordinaria immagine di una palla ronzante di api cactus che girano sulla  sabbia calda in un ranch  del Texas.  Karine è la quinta donna nei cinquantotto anni di storia  della competizione a ricevere il Grand Title Award. Il sedicenne thailandese Katanyou Wuttichaitanakorn è stato premiato come Young Wildlife Photographer of the  Year 2022 per la sua immagine  creativa di  una balena  di Bryde che affiora, The beauty of baleenLe  diciannove categorie del concorso si rivolgono a una vasta gamma di interessi e  livelli, dalla ritrattistica animale e fotogiornalismo alla fauna selvatica urbana e ai mondi sottomarini.

LA MORTE DI NDAKASI ©Brent Stirton, Sudafrica /Wildlife Photographer of the Year. Vincitore, Fotogiornalismo. Brent Stirton condivide il capitolo conclusivo della storia di un gorilla di montagna molto amato. Brent ha fotografato il salvataggio di Ndakasi quando aveva due mesi dopo che il suo gruppo era stato brutalmente ucciso dalla potente mafia del carbone, come minaccia per i ranger del parco. Qui ha ritratto la sua morte mentre giaceva tra le braccia del suo soccorritore e badante da 13 anni, il ranger Andre Bauma. Come risultato degli incessanti sforzi di conservazione incentrati sulla protezione quotidiana dei singoli gorilla, il numero di gorilla di montagna è quadruplicato a oltre 1.000 negli ultimi 40 anni. Località: Senkwekwe Center, Parco nazionale Virunga, Repubblica Democratica del Congo. Dettagli tecnici: Canon EOS R5 + obiettivo 24–70mm 2.8; 1/160 sec a f2.8; ISO 3200
LA MORTE DI NDAKASI ©Brent Stirton, Sudafrica /Wildlife Photographer of the Year. Vincitore, Fotogiornalismo. Brent Stirton condivide il capitolo conclusivo della storia di un gorilla di montagna molto amato. Brent ha fotografato il salvataggio di Ndakasi quando aveva due mesi dopo che il suo gruppo era stato brutalmente ucciso dalla potente mafia del carbone, come minaccia per i ranger del parco. Qui ha ritratto la sua morte mentre giaceva tra le braccia del suo soccorritore e badante da 13 anni, il ranger Andre Bauma. Come risultato degli incessanti sforzi di conservazione incentrati sulla protezione quotidiana dei singoli gorilla, il numero di gorilla di montagna è quadruplicato a oltre 1.000 negli ultimi 40 anni. Località: Senkwekwe Center, Parco nazionale Virunga, Repubblica Democratica del Congo. Dettagli tecnici: Canon EOS R5 + obiettivo 24–70mm 2.8; 1/160 sec a f2.8; ISO 3200
LA CASA DEGLI ORSI © Dmitry Kokh, Russia/Wildlife Photographer of the Year. Vincitore, Urban Wildlife Dmitry Kokh presenta questa scena inquietante di orsi polari avvolti nella nebbia nell'insediamento di Kolyuchin. Su uno yacht, in cerca di riparo da una tempesta, Dmitry ha avvistato gli orsi polari che vagavano tra gli edifici dell'insediamento da lungo tempo deserto. Mentre esploravano ogni finestra e porta, Dmitry ha usato un drone a basso rumore per scattare una foto che evoca un futuro post-apocalittico. Nella regione del Mare dei Chukchi, gli orsi, normalmente solitari, di solito migrano più a nord in estate, seguendo il ritiro del ghiaccio marino da cui dipendono per la caccia alle foche, il loro cibo principale. Se il ghiaccio sciolto rimane vicino alla costa di quest'isola rocciosa, gli orsi a volte vagano incuriositi. Località: Isola di Kolyuchin, Chukotka, Russia. Dettagli tecnici: DJI Mavic 2 Pro + Hasselblad L1D-20c + obiettivo 28mm f2.8; 1/160 sec a f2.8; ISO 640
LA CASA DEGLI ORSI © Dmitry Kokh, Russia/Wildlife Photographer of the Year. Vincitore, Urban Wildlife
Dmitry Kokh presenta questa scena inquietante di orsi polari avvolti nella nebbia nell’insediamento di Kolyuchin. Su uno yacht, in cerca di riparo da una tempesta, Dmitry ha avvistato gli orsi polari che vagavano tra gli edifici dell’insediamento da lungo tempo deserto. Mentre esploravano ogni finestra e porta, Dmitry ha usato un drone a basso rumore per scattare una foto che evoca un futuro post-apocalittico. Nella regione del Mare dei Chukchi, gli orsi, normalmente solitari, di solito migrano più a nord in estate, seguendo il ritiro del ghiaccio marino da cui dipendono per la caccia alle foche, il loro cibo principale. Se il ghiaccio sciolto rimane vicino alla costa di quest’isola rocciosa, gli orsi a volte vagano incuriositi. Località: Isola di Kolyuchin, Chukotka, Russia. Dettagli tecnici: DJI Mavic 2 Pro + Hasselblad L1D-20c + obiettivo 28mm f2.8; 1/160 sec a f2.8; ISO 640

Il  concorso annuale Young Wildlife Photographer of the Year è gratuito  per i fotografi di età pari  o inferiore a  17 anni  e premi in denaro saranno  assegnati a ciascun vincitore delle tre categorie giovanili. La   giuria di esperti internazionali appena annunciata  si riunirà a Londra per selezionare 100 delle immagini più straordinarie della natura e della fauna selvatica. Ogni opera sarà  giudicata in  modo anonimo, in base alla sua originalità, narrativa e pratica etica. Kathy Moran, redattrice recentemente annunciata presidente della  giuria,  afferma: “Le fotografie sono la prova di  ciò che sta accadendo nel  mondo  naturale, sia che si tratti  del piacere di catturare un momento o denunciare l’impatto  della devastazione  e delle soluzioni.  Condividere ciò  che hai vissuto,  sia nel tuo quartiere che sul campo, è un modo per informare e influenzare le opinioni di milioni di persone in tutto il mondo”.

UN TEATRO DI UCCELLI ©Mateusz Piesiak, Polonia / Wildlife Photographer of the Year. Vincitore, Rising Star Portfolio Award. Panorama di piovanelli pancianera. Posizionando la sua telecamera remota sul fango del canneto, Mateusz ha colto l'occasione per catturare il momento in cui un falco pellegrino di passaggio ha fatto volare alcuni dei piovanelli pancianera. Dettagli tecnici: obiettivo Canon EOS R + 14–35mm f4 a 14mm; 1/1000 sec a f10 (+0,7 e/v); ISO 500; Trigger wireless. Storia del portfolio: Mateusz Piesiak ha attentamente considerato le angolazioni della fotocamera per produrre una serie di fotografie intime che esplorano il comportamento degli uccelli. Vincitore del premio Young Wildlife Photographer of the Year quando aveva 14 anni, Mateusz ha esplorato la sua località durante il blocco Covid-19. "Anche un piccolo stagno o parco nel centro della città si è rivelato un ottimo posto per fotografare la fauna selvatica." In tutto questo portfolio Mateusz si concentra sugli uccelli locali, ricercando e preparando le immagini che erano nella sua mente "per giorni, mesi o addirittura anni" prima di riuscire finalmente a realizzarle. Località: Polonia
UN TEATRO DI UCCELLI ©Mateusz Piesiak, Polonia / Wildlife Photographer of the Year. Vincitore, Rising Star Portfolio Award. Panorama di piovanelli pancianera. Posizionando la sua telecamera remota sul fango del canneto, Mateusz ha colto l’occasione per catturare il momento in cui un falco pellegrino di passaggio ha fatto volare alcuni dei piovanelli pancianera. Dettagli tecnici: obiettivo Canon EOS R + 14–35mm f4 a 14mm; 1/1000 sec a f10 (+0,7 e/v); ISO 500; Trigger wireless. Storia del portfolio: Mateusz Piesiak ha attentamente considerato le angolazioni della fotocamera per produrre una serie di fotografie intime che esplorano il comportamento degli uccelli. Vincitore del premio Young Wildlife Photographer of the Year quando aveva 14 anni, Mateusz ha esplorato la sua località durante il blocco Covid-19. “Anche un piccolo stagno o parco nel centro della città si è rivelato un ottimo posto per fotografare la fauna selvatica.” In tutto questo portfolio Mateusz si concentra sugli uccelli locali, ricercando e preparando le immagini che erano nella sua mente “per giorni, mesi o addirittura anni” prima di riuscire finalmente a realizzarle. Località: Polonia

Gemma Ward, responsabile del concorso, dice: “Invito  tutti e chiunque a partecipare al concorso di Fotografo Naturalista dell’Anno. Diamo ai giudici immagini indimenticabili; facciamo vibrare le corde del loro cuore e  saltare giù dai loro posti, con eccitazione nella sala del giudizio.  Adoro quando lo fanno”. I giudici sono ansiosi di incoraggiare più candidature da parte di nazionalità attualmente sottorappresentate nel concorso, nonché ragazze, donne e fotografi non binari.

Scopri come partecipare

Cliccare sulle immagini per ingrandirle


LA GRANDE CACCIA SULLE ROCCE ©Anand Nambiar, India / Wildlife Photographer of the Year
Vincitore, Comportamento: Mammiferi. Anand Nambiar cattura da un’insolita prospettiva un leopardo delle nevi che spinge un branco di stambecchi himalayani verso un bordo ripido. Da un punto panoramico attraverso il burrone, Anand osservò il leopardo delle nevi manovrare in salita dalla mandria. Era perfettamente adatto all’ambiente, a differenza di Anand, che seguiva un training in preparazione all’alta quota e alle temperature fredde. I leopardi delle nevi vivono in alcuni degli habitat più estremi del mondo. Ora sono classificati come vulnerabili. Le minacce includono il cambiamento climatico, l’estrazione mineraria e la caccia sia dei leopardi delle nevi che delle loro prede. Località: Kibber Wildlife Sanctuary, Himachal Pradesh, India. Dettagli tecnici: Nikon D500 + obiettivo 200–500mm f5.6 a 500mm; 1/1600 sec a F18; ISO 400


IL LAGO MORENTE ©Daniel Núñez, Guetamala / Wildlife Photographer of the Year. Vincitore, Wetlands – Quadro generale. Daniel Núñez utilizza un drone per catturare il contrasto tra la foresta e la crescita delle alghe sul lago Amatitlán. Daniel ha scattato questa fotografia per aumentare la consapevolezza dell’impatto della contaminazione del lago Amatitlán, che ogni anno raccoglie circa 75.000 tonnellate di rifiuti provenienti da Città del Guatemala. “Era una giornata di sole con condizioni perfette”, dice, “ma è un momento triste e scioccante”. I cianobatteri prosperano in presenza di sostanze inquinanti come liquami e fertilizzanti agricoli che formano fioriture algali. Gli sforzi per ripristinare la zona umida di Amatitlán sono in corso, ma sono stati ostacolati dalla mancanza di finanziamenti e dalle accuse di corruzione politica. Località: Lago Amatitlán, Villa Canales, Guatemala. Dettagli tecnici: obiettivo DJI Mavic Mini 2 + 24mm f2.8; 1/60 sec a f2.8; ISO 100


IL PREDATORE DI PIPISTRELLI di Fernando Constantino Martínez Belmar, Messico /Wildlife Photographer of the Year. Vincitore, Comportamento: Anfibi e Rettili. Fernando Constantino Martínez Belmar aspetta nell’oscurità mentre un serpente ratto dello Yucatan afferra un pipistrello. Usando una luce rossa a cui sia i pipistrelli che i serpenti sono meno sensibili, Fernando ha tenuto d’occhio questo serpente ratto dello Yucatan che spuntava da una fessura. Aveva pochi secondi per ottenere lo scatto mentre il serpente ratto si ritirava nella sua fessura con il pipistrello, la sua preda. Ogni sera al tramonto nella Grotta dei Serpenti Pendenti, migliaia di pipistrelli si alzano in volo per l’alimentazione notturna. È anche il momento in cui emergono serpenti ratti affamati, che penzolano dal tetto per afferrare la loro preda a mezz’aria.
Località: Kantemo, Quintana Roo, Messico. Dettagli tecnici: Nikon D800 + obiettivo 105mm f2.8; 1/200 a F9; ISO 125; Nikon SB-700 flash; torcia rossa


PUFF PERFETTO ©José Juan Hernández Martinez, Spagna Wildlife Photographer of the Year. Vincitore, Ritratti di animali. José Juan Hernández Martinez assiste alla vertiginosa esibizione di corteggiamento di una ubara delle Canarie. José arrivò sul luogo del corteggiamento dell’ubara di notte. Alla luce della luna, si scavò un nascondiglio basso. Da questo punto di vista ha colto il profilo gonfio completo dell’uccello mentre si prendeva una breve pausa dalla sua frenetica performance. Un maschio ubara delle Canarie ritorna ogni anno al suo sito di corteggiamento per eseguire spettacoli impressionanti. Sollevando i pennacchi dalla parte anteriore del collo e gettando indietro la testa, corre in avanti prima di tornare indietro, riposando pochi secondi prima di ricominciare. Luogo: La Oliva, Fuerteventura, Spagna. Dettagli tecnici: Nikon D3S + Sigma 150–600mm f5–6.3 obiettivo a 600mm; 1/1000 sec a f6,3; ISO 800; Treppiede Manfrotto + testa Benro


SOTTO IL GHIACCIO ANTARTICO ©Laurent Ballesta, Francia /Wildlife Photographer of the Year
Vincitore, Premio Portfolio. “Piramide della vita”. Torri viventi di invertebrati marini punteggiano il fondale marino al largo di Adelie Land, 32 metri (105 piedi) sotto il ghiaccio dell’Antartide orientale. Qui, al centro, una spugna a forma di albero è avvolta di vita, dai vermi a nastro giganti alle stelle marine. Dettagli tecnici: Nikon D810 + obiettivo 13mm f2.8; 1/13 sec a F16; ISO 800; Alloggiamento Seacam; 2x flash Seacam . Storia del portfolio: Laurent Ballesta sopporta immersioni sotto lo zero per rivelare la diversità della vita sotto il ghiaccio dell’Antartide. Fotografo subacqueo e biologo, Laurent ha guidato una serie di importanti spedizioni, tutte con misteri scientifici e sfide subacquee, e tutte con immagini senza precedenti. Ha vinto numerosi premi come fotografo naturalista dell’anno, incluso il gran premio del titolo nel 2021. La sua spedizione in Antartide, esplorando la sua vasta biodiversità sottomarina, ha richiesto due anni di pianificazione, un team di subacquei esperti e un kit appositamente sviluppato. Le sue 32 immersioni nella temperatura dell’acqua fino a -1,7 ° C (29 ° F) includevano l’immersione più profonda e più lunga mai fatta in Antartide. Località: Adélie Land, Antartide


L’UCCELLO CHE ASCOLTA ©Nick Kanakis, USA/ Wildlife Photographer of the Year. Vincitore, Comportamento: Uccelli. Nick Kanakis dà un’occhiata alla vita segreta degli scriccioli. Nick vide il giovane scricciolo dal petto grigio che si nutriva. Sapendo che sarebbe scomparso nella foresta se avvicinato, trovò una macchia chiara di lettiera di foglie e attese. Abbastanza sicuro, l’uccellino saltò nell’inquadratura, premendo l’orecchio a terra per ascoltare piccoli insetti. Questa tecnica di rilevamento delle prede è utilizzata da altri uccelli, tra cui il merlo eurasiatico. Gli scriccioli del legno dal petto grigio sono uccelli terrestri, spesso sentiti ma non visti. Emettono canti forti e melodiosi e richiami rochi mentre sono nascosti nel sottobosco. Località: Parco Nazionale di Tatamá, Risaralda, Colombia. Dettagli tecnici: Nikon D850 + obiettivo 500mm f5.6; 1/160 sec a f5,6; ISO 5000

Il Museo di Storia Naturale è sia un centro di ricerca scientifica leader a livello mondiale che l’attrazione al coperto più visitata nel Regno Unito lo scorso anno. Con una visione di un futuro in cui prosperano sia le persone che il pianeta, è in una posizione unica per essere un potente strumento per bilanciare i bisogni dell’umanità con quelli del mondo naturale.

È custode di una delle collezioni scientifiche più importanti del mondo, che comprende oltre 80 milioni di esemplari, a cui hanno accesso ricercatori di tutto il mondo, sia di persona che tramite gli oltre 50 miliardi di download di dati digitali fino ad oggi. I 350 scienziati del Museo ricercano soluzioni all’emergenza planetaria: dalla perdita di biodiversità fino all’estrazione sostenibile delle risorse naturali.

STELLA CADENTE ©Tony Wu, USA/Giappone / Wildlifa Photographer of the Year. Vincitore, Subacqueo. Tony Wu osserva l'elettrizzante danza riproduttiva di una gigantesca stella marina. Mentre l'acqua circostante si riempiva di sperma e uova provenienti dalla deposizione delle stelle marine, Tony ha affrontato diverse sfide. Bloccato in una piccola baia chiusa con solo un obiettivo macro per fotografare piccoli soggetti, ha fatto marcia indietro per costringere la stella marina ondulata nel suo campo visivo, in questa scena simile a una galassia. La postura "danzante" delle stelle marine che depongono le uova, che si alzano e ondeggiano, può aiutare a rilasciare uova e spermatozoi, o può aiutare a spargere le uova e lo sperma nelle correnti dove si fecondano insieme nell'acqua. Località: Kinko Bay, Prefettura di Kagoshima, Giappone. Dettagli tecnici: Nikon D850 + obiettivo 105mm f2.8; 1/250 sec a F18; ISO 320; Alloggiamento Nauticam; Backscatter Mini Flash 1 + Inon S2000 + Z240 strobo; Treppiede compatto RGBlue
STELLA CADENTE ©Tony Wu, USA/Giappone / Wildlifa Photographer of the Year. Vincitore, Subacqueo. Tony Wu osserva l’elettrizzante danza riproduttiva di una gigantesca stella marina. Mentre l’acqua circostante si riempiva di sperma e uova provenienti dalla deposizione delle stelle marine, Tony ha affrontato diverse sfide. Bloccato in una piccola baia chiusa con solo un obiettivo macro per fotografare piccoli soggetti, ha fatto marcia indietro per costringere la stella marina ondulata nel suo campo visivo, in questa scena simile a una galassia. La postura “danzante” delle stelle marine che depongono le uova, che si alzano e ondeggiano, può aiutare a rilasciare uova e spermatozoi, o può aiutare a spargere le uova e lo sperma nelle correnti dove si fecondano insieme nell’acqua. Località: Kinko Bay, Prefettura di Kagoshima, Giappone. Dettagli tecnici: Nikon D850 + obiettivo 105mm f2.8; 1/250 sec a F18; ISO 320; Alloggiamento Nauticam; Backscatter Mini Flash 1 + Inon S2000 + Z240 strobo; Treppiede compatto RGBlue

Il Museo usa la sua autorevolezza e influenza globali per soddisfare la sua missione di creare sostenitori per il pianeta, per informare, ispirare e autorizzare tutti a fare una differenza per la natura. Ogni anno diamo il benvenuto a milioni di visitatori. Il nostro sito web ha avuto 17 milioni di visite nell’ultimo anno e le nostre mostre itineranti sono state viste da circa 20 milioni di persone negli ultimi 10 anni.


Vincitore – Subacquee
Creazione. Vincitore Wildlife Photographer of the Year. Laurent Ballesta (Francia) sbircia negli abissi mentre un trio di cernie marmorizzate libera una nuvola di uova e sperma.
Per cinque anni Lauren e il suo team sono ritornati in questo atollo, immergendosi notte e giorno per vedere l’annuale riproduzione delle cernie marmorizzate. Dopo il tramonto, si aggiungevano anche gli squali a caccia di questi pesci.
La riproduzione avviene con l’arrivo della luna piena di luglio, quando fino a 20.000 pesci si radunano a Fakarava, in un passaggio meridionale stretto che collega la laguna all’oceano. La sovrappesca minaccia questa specie, ma qui i pesci sono protetti in una riserva.
Nikon D5 + 17–35mm f2.8 a 17mm; 1/200 sec a f11; ISO 1600; custodia Seacam con flash Seacam
Fakarava, Tuamotu Archipelago, Polinesia francese


Vincitore – Giovani fotografi (sotto i 10 anni) / Wildlife Photographer of the Year
Casa a cupola
Vidyun R Hebbar (India) osserva un ragno mentre un rickshaw passa nelle vicinanze.
Esplorando un parco locale, Vidyun ha trovato una tela di ragno che occupava la fessura di muro. Il passaggio di un rickshaw motorizzato ha fornito uno sfondo di colori arcobaleno, per esaltare la creazione di seta del ragno.
Questi ragni sono piccoli, quello in foto aveva un’apertura delle zampe di meno di 15 mm! La loro tela non è appiccicosa e crea delle cupole squadrate, circondate da un intreccio di fili che rende difficile la fuga delle prede. Invece che crearne una nuova ogni giorno, il ragno ripara quella esistente.
Nikon D5000 + 85mm f3.5, 1/250 sec a f5, ISO 200; cavalletto Manfrotto
Bengaluru, Karnataka, India


Vincitore – Fotogiornalismo
L’elefante nella stanza /Wildlife Photographer of the Year. Adam Oswell (Australia) porta l’attenzione sui visitatori dello zoo mentre guardano un giovane elefante esibirsi sott’acqua
Anche se questa esibizione è stata pubblicizzata come educativa e come esercizio per gli elefanti, Adam era disturbato dalla scena. Le organizzazioni che si occupano di benessere animale infatti ritengono che si tratti di sfruttamento, in quanto incoraggia comportamenti innaturali.
Il turismo legato agli elefanti è aumentato in Asia e in Thailandia ora ci sono più elefanti in cattività che in natura. La pandemia ha portato al collasso del turismo, con i santuari che non avevano più fondi per poter curare i propri animali.
Nikon D810 + 24–70mm; 1/640 sec a f2.8; ISO 1250
Khao Kheow Open Zoo, Chonburi Province, Thailandia


Vincitore – Natura urbana/ Wildlife Photographer of the Year. La stanza del ragno. Gil Wizen (Israele/Canada) trova un velenosissimo ragno vagabondo brasiliano nascosto sotto il letto. Dopo aver notato molti piccoli ragni in giro per la camera, Gil ha guardato sotto il letto, dove ha trovato uno dei ragni più velenosi al mondo, a guardia della sua prole. Prima di portarlo fuori, ha fotografato questo ragno vagabondo brasiliano (grande come una mano) con una prospettiva esagerata per farlo sembrare ancora più grande.
Questa specie si muove sul suolo della foresta di notte, alla ricerca di prede come rane e blatte. Il suo veleno è letale anche per i mammiferi, uomo incluso, ma ha anche applicazioni mediche.
Canon EOS 7D + 14mm f2.8; 1/250 sec a f11; ISO 400; Macro Twin Lite flash Puerto Misahuallí, Napo, Ecuador

A Milano il 57° concorso Wildlife Photographer of the Year, cui si riferiscono le foto qui sopra, parte del servizio pubblicato da TravelGlobe nel 2021, è ospitata negli spazi di Palazzo Francesco Turati, dal 30 settembre al 31 dicembre 2022. Decima edizione nel capoluogo lombardo, organizzata dall’Associazione culturale Radicediunopercento, con il patrocinio del Comune di Milano.

TRAVELGLOBE Riproduzione riservata

Reportage

Correlati

POTREBBE INTERESSARTI