Tutti i baci del mondo, che il Coronavirus impedisce di dare

DatA

Tutti i baci del mondo, che il Coronavirus impedisce di dare

image_pdfimage_print
Ph Tim Mossholder da Pexels

di Redazione | @travelglobemag 

Quanto valore ha un bacio in questo periodo di lontananza forzata? Tra qualche mese ci ricorderemo del Covid-19 per averci tolto la libertà di uscire, certo, ma soprattutto per averci impedito di abbracciare e baciare chi amiamo e chi vorremmo consolare. Ma forse non sai che nel mondo le effusioni non sono viste sempre di buon occhio. Vediamo quindi cosa succede negli altri Paesi, un po’ per curiosità ma anche per essere preparati quando sarà possibile partire di nuovo.

Prima di baciare devi sapere che…

Un bacio appassionato comporta uno scambio di decine di milioni di batteri e se accade almeno nove volte al giorno, la composizione della flora batterica salivare dei due partner diventa rapidamente identica.

La Filematologia è la disciplina che studia le funzioni e il ruolo del bacio in un rapporto di coppia. Ci sono, infatti, molti studi dedicati a questa romantica e passionale effusione: lo scienziato inglese Colin Hendrie, ad esempio, sostiene che lo scopo del bacio è trasmettere alcuni tipi di germi, tra cui il Cytomegalovirus, per fortificare il sistema immunitario e preservare la salute e la futura prole. Buono a sapersi di questi tempi.

Tutti i baci del mondo

Nell’antica Grecia e a Roma un bacio valeva una firma. Un cittadino non in grado di scrivere poteva baciare una X, che lo scriba addetto aveva apposto in calce a un documento: in questo modo l’azione e il documento venivano considerati giuridicamente vincolanti.

In Malesia, in India e in Messico le effusioni pubbliche sono vietate e punite con multe salate. Ma accade anche a Dubai, negli Emirati Arabi e persino negli Stati Uniti; in Florida è infatti vietato baciare la propria partner sul seno (anche se non ci sembra una cosa da fare comunque in pubblico), mentre in Colorado accade una cosa più strana: è illegale baciale la propria compagna se sta dormendo. In Niger se ci si bacia in pubblico si è passibili di flagellazione.

In Thailandia, prima di baciare la persona amata, è usanza avvicinare la punta del naso alle sue labbra; gesto che non si fa mai in pubblico.

In Papua Nuova Guinea, in particolare sulle Isole Trobiand, ci si mordicchia un sopracciglio o un ciuffo di capelli, gesto vietato in pubblico.

Il bacio eschimese forse è il più conosciuto e avviene con gli occhi chiusi e il contatto naso-naso.

Presso alcune tribù del Pacifico ci si annusa per stordirsi con l’odore del partner. Ma forse è meglio non sperimentare.

Le labbra, per i Samburu del Kenya, devono essere usate solo per mangiare e per questo motivo rifiutano di baciarsi.

Il 23 maggio è il giorno in cui si celebra il bacio in Giappone. In questo giorno nel 1946, infatti, fu possibile vedere la scena di un bacio in un film. Fino ad allora in baci erano considerati non sono inappropriati in pubblico, ma illegali. Al giorno d’oggi, comunque, i giapponesi continuano a mantenere una certa riservatezza.

Sfoglia il reportage sui baci

Articoli
Correlati