TIME BY THE SEA

Orizzonte triplo esposto dalla barca alla deriva. Alba, mezzogiorno solare e tramonto. Stampa c-print analogica. Ingrandimento da negativo 4x5". Dimensioni di stampa fino a 150 cm x 120 cm. @Ole Brodersen
Orizzonte tripla esposizione dalla barca alla deriva. Alba, mezzogiorno solare e tramonto. Stampa c-print analogica. Ingrandimento da negativo 4×5″. Dimensioni di stampa fino a 150 cm x 120 cm. @Ole Brodersen

TIME BY THE SEA

Foto di Ole Brodersen. Testo di Michele Alassio

Ole Brodersen (42) vive e lavora a Lyngør, una piccola comunità distribuita su quattro isole al largo della costa meridionale norvegese. Da dodici generazioni la sua famiglia vive in questo villaggio senza auto. Suo padre è un velaio, suo nonno era un marinaio e da bambino Ole remava su una piccola barca da un’isola all’altra solo per andare a scuola. Successivamente, da adulto, Ole cercò di nuovo l’oceano, questa volta circumnavigando il Nord Atlantico su una barca a vela del 1894. Il viaggio di un anno fu uno spartiacque per Brodersen, ponendo le basi serie per la sua nuova vita di artista. Come a Venezia, la vita quotidiana a Lyngør è strettamente connessa e influenzata dal mare, ed è in questo contesto che Brodersen trova l’ispirazione e i materiali per i suoi esperimenti pittorici.

Ph.@Ole Brodesen
Ph.@Ole Brodesen
Ph.@Ole Brodesen
Ph.@Ole Brodesen

Ole Brodersen ha studiato direzione artistica, fotografia ed è stato assistente del fotografo d’arte Dag Alveng (rappresentato dal MOMA e dal Metropolitan Museum di New York). Brodersen è stato recentemente acquisito dal Norwegian National Museum of Photography e le sue opere sono state mostrate l’ultima volta all’estero alla Flowers Gallery di Londra. Ha anche esposto a Boston, Parigi, New York, Los Angeles e Vancouver. Ha esposto insieme a Tom Sandberg, Pentti Sammallahti, Pixy Liao, Aapo Huhta e Simen Johan, e The New Yorker e Harper’s Magazine hanno scritto del suo lavoro. All’interno di una vecchia sala per aringhe, trasferita a Lyngør nel 1890, Brodersen ha costruito una delle camere oscure più avanzate della Norvegia. Qui produce grandi stampe a gelatina d’argento con larghezze fino a 170 cm.montate a umido su alluminio e incorniciate in telai di un costruttore di barche locale.

Orizzonte triplo esposto dalla barca alla deriva. Alba, mezzogiorno solare e tramonto. Stampa c-print analogica. Ingrandimento da negativo 4x5". Dimensioni di stampa fino a 150 cm x 120 cm. @Ole Brodersen
Orizzonte. Tripla esposizione dalla barca alla deriva. Alba, mezzogiorno solare e tramonto. Stampa c-print analogica. Ingrandimento da negativo 4×5″. Dimensioni di stampa fino a 150 cm x 120 cm. @Ole Brodersen
Screenshot del 2023-01-11 alle 00-54-58 LAVORO. ©Ole Brodersen

Lyngør era noto tra i marinai come un rifugio sicuro, sebbene disabitato già nel tardo Medioevo. Le isole furono popolate nel 1600, quando la Norvegia meridionale divenne parte di un sistema commerciale marittimo nord-europeo con città come Londra e Amsterdam al centro. Al suo apice, alla fine del 1800, Lyngør era una città marittima con 600 abitanti, la maggior parte dei quali era coinvolta nel commercio marittimo come armatori, armatori di banchine, marinai, navigatori, artigiani marittimi e locandieri.

Screenshot del 2023-01-11 alle 00-52-32 Sconfinamento. Terza Suite. © Ole Brodersen
Screenshot del 2023-01-11 alle 00-52-32 Sconfinamento. Terza Suite. © Ole Brodersen

Le navi con base e equipaggio di Lyngør hanno navigato in tutto il mondo. L’introduzione dei motori a vapore portò alla caduta di Lyngør, ma ciò significò anche che Lyngør si modernizzò solo lentamente, mantenendo gran parte della sua forma e struttura di villaggio marittimo del XVIII o XIX secolo.
Per questo motivo, nel 1991 Lyngør ha ricevuto il premio di villaggio meglio conservato d’Europa dall’UE.

Come Venezia, il significato storico di Lyngør come reliquia o finestra su un passato marittimo è messo sotto pressione dal turismo moderno e dagli investitori che vogliono sfruttare il suo status molto apprezzato. Situato al livello del mare, anche il paese è, come Venezia, minacciato dai cambiamenti climatici. Il lavoro fotografico di Ole Brodersen si concentra sui paesaggi marini e sulle forze della natura che li influenzano. Con ciò, cerca di rivelare qualcosa di più della visione puramente ottica: catturare la sensazione di essere presenti in questi paesaggi marini, creando impressioni nel, con o attraverso il movimento e il tempo. Molte delle opere di Brodersen sono marittime: cioè fotografate da una barca. La mostra a Venice Photography sarà composta anche da paesaggi marini in cui sono stati presentati vari oggetti, come: luci, aquiloni e pezzi di vela, e il loro movimento registrato durante una lunga esposizione.


@Ole Brodersen


@Ole Brodersen


@Ole Brodersen


@Ole Brodersen

Quando l’ultima mostra personale di Brodersen è stata inaugurata a Oslo, è stato Dag O. Hessen, professore di biologia e scrittore, a tenere il discorso di apertura. In esso, il dibattito sull’ambiente e sul clima era un filo conduttore e Hessen ha sottolineato che è del mare di cui vivremo dopo la fine del breve intermezzo petrolifero della Norvegia. Per creare maggiore consapevolezza e coinvolgimento attorno ai dibattiti, ha ritenuto che il ruolo dell’arte sia essenziale: «L’arte deve essere legittimata dalla sua utilità?Non voglio dire questo, allo stesso modo in cui la ricerca non deve legittimarsi per il suo valore di utilità immediato e concreto. Tuttavia, è chiaro che arte e scienza possono essere unite, forse dovrebbero anche essere unite, ora che è in gioco il nostro futuro. La ricerca può coinvolgere una metà del cervello, ma l’arte è necessaria per coinvolgere l’altra. L’uomo è un animale visivo e le grandi battaglie ambientali possono essere vinte solo coinvolgendo entrambe le metà del cervello”.


Horizontal+Displacement-3. ©Ole Brodersen


Horizontal+Displacement-6. ©Ole Brodersen


Horizontal+Displacement-7. @Ole Brodersen

Anche se il livello del mare si alza, l’orizzonte continuerà ad avere lo stesso aspetto di sempre. Il tempo continuerà a caratterizzare il paesaggio, e quindi anche l’esperienza di essere un dato luogo cambierà nel tempo. Il nostro sistema sensoriale è troppo poco sintonizzato per registrare i cambiamenti della natura e può essere troppo astratto per essere assorbito da molti. Forse la fotografia di paesaggio può essere utilizzata per aprire una consapevolezza attorno a ciò che non vediamo? Speriamo che questa interazione tra l’ottica umana e quella meccanica possa aiutare a rendere visibili i cambiamenti, e allo stesso tempo far luce sulle carenze umane e sulle loro conseguenze. Benvenuti in una mostra marittima, composta da paesaggi marini non solo fotografati in un luogo che condivide la storia del commercio marittimo e dei velieri di Venezia, ma anche sull’oceano stesso che li collega entrambi.


@Ole Brodersen


Screenshot del 2023-01-11 alle 00-53-25. Sconfinamento. Terza Suite. ©Ole Brodersen


Screenshot del 2023-01-11 alle 00-54-02 Sconfinando a Træna. ©Ole Brodersen


@Ole Brodersen

Ole Brodersen

Venicephotography, spazio espositivo dedicato principalmente alla esposizione delle opere di Michele Alassio, inizia dal 2023, a un anno esatto dalla sua inaugurazione, una sua stagione espositiva dedicata ad altri autori, selezionati fra le moltissime richieste ricevute. D’ora in poi ogni anno verranno riservati a questi autori esordienti o affermati 4 mesi di esposizioni, diversamente distribuiti.
Le tre esposizioni di quest’anno si vantano del patrocino dell’ Ambasciata Norvegese (per Ole Brodersen) e Svizzera (per Kurt Ammann). L’esposizione «Casa de Retiro Espiritual», presenta inoltre per la prima volta in Italia una selezione delle immagini realizzate da Michele Alassio nel 2004 su commissione della Emilio Ambasz & Associates di New York ed esposte al M.oM.A. New York nel corso della stagione 2005 e, successivamente, ovunque nel mondo.MOSTRA: Ole Brodersen. Time by the Sea

DOVE: Venicephotography. Castello 4745. Venezia

QUANDO: 15/4 – 20/52023

©TRAVELGLOBE Riproduzione riservata

Reportage

Correlati

POTREBBE INTERESSARTI