Thailandia. Un massaggio al fresco

di Federico Klausner

Quando ci si prepara per un massaggio rilassante in un Paese esotico si predilige un ambiente fresco, magari in riva al mare accarezzati dalla brezza e all’ombra di palme. Ecco: scordatevi mare e palme, ma non il Paese esotico e il fresco. La curiosa notizia viene dalla Thailandia, precisamente da Chiang Mai, antica capitale imperiale del nord dove, nel braccio femminile del locale carcere, è in funzione un centro massaggi aperto al pubblico.

Programma di recupero

Questa attività fa parte di un programma governativo di utilità sociale ed economica per le detenute, che permette loro un contatto controllato con il pubblico, e ai turisti un’alternativa di qualità a equivoche sale di Thai massage che a volte altro non sono che il paravento per postriboli.
Il centro dispone oltre ai massaggi, di una spa, un ristorante, un caffè e un negozio di artigianato, tutti gestiti da detenute, il cui guadagno viene trattenuto e consegnato interamente a fine pena.

Ambiente di qualità

L’ambiente è tranquillo, pulito e non vi si respira l’aria pesante di una prigione, anche se le secondine controllano discretamente l’attività delle detenute, scelte ovviamente tra le non pericolose, nessuna che si sia macchiata di crimini violenti, ma più che altro provenienti da classi sociali disagiate e processate per reati minori.

Un massaggio economico

Un massaggio di un’ora costa tra 150 e 180 Bath (4-5 €) leggermente più economici della media, come pure il caffè e il ristorante che propongono un menu a base di piatti thai e stranieri.
Il massaggio in prigione, che offre un concreto aiuto al percorso di riabilitazione delle detenute, sta diventando molto popolare tra i turisti. Per questo motivo meglio prenotare, tutti i giorni entro le 16.30
Dove si trova? Chiang Mai Women’s Correctional Institution, vicino al Chiang Mai City Arts and Cultural Heritage Center su Ratvithi Road, nella città vecchia ed è aperto dalle 8,00 alle 16,30.

TRAVELGLOBE.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

POTREBBE INTERESSARTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *