Sydney, cosa vedere nella città più frizzante d’Australia

DatA

Sydney, cosa vedere nella città più frizzante d’Australia

di Redazione | @travelglobemag

L’Australia è un mondo da scoprire che richiede un impegno economico e fisico non indifferente. I costi per raggiungerla e le tante ore di aereo mettono a dura prova i viaggiatori che, comunque, non rinunciano a viverne il sogno. E Sydney è la città più nota e rappresentativa del Paese, oltre che la più popolosa. Dalla sua, ha un clima mite tutto l’anno, tanto divertimento ed eventi culturali adatti a tutti i gusti.

Cosa vedere a Sydney

  • Sydney Opera House: fu realizzato dal danese Jorn Utzon ed è un vero capolavoro dell’espressionismo moderno. Ha un design futuristico “a gusci” e la sua inaugurazione risale al 1973. Non ha una facciata principale in modo da attrarre da ogni angolazione della baia, può ospitare 2.700 persone e presenta oltre mille sale concerti e stanze e almeno 2.000 performance all’anno.
  • Sydney Tower: l’edificio più alto della città è alto 309 metri e alla base è stato aperto un centro commerciale. Sulla sommità, ci sono due piani girevoli a vetrata detti Sydney Tower Eye e ristorante panoramico.
  • Hyde Park: è il giardino pubblico cittadino e al suo interno si trova il Barrack’s Museum (Patrimonio Unesco e tesoro archeologico facente parte delle strutture utilizzate tra il 18° e il 19 secolo per ospitare uomini condannati a morte e provenienti dalla Gran Bretagna). Nel più antico spazio pubblico botanico d’Australia si può andare qualunque giorno ed è stato inaugurato nel 1878.
  • Harbour Bridge: il porto di Sydney è considerato tra i più belli al mondo per via del suo ponte e collega il CBD (Central Business District) all’area settentrionale della città (North Shore).
  • Cattedrale di St.Mary: per la patrona australiana è stato realizzato nel 1928 questo tempio religioso in stile neogotico. Si tratta del primo edificio del culto cristiano costruito nel Paese e presenta vetrate policrome e opere d’arte di incredibile bellezza.
  • Blue Mountain National Park: il parco è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità e comprende diversi ettari di foreste, cascate e formazioni rocciose naturali dove si incontra la fauna locale.
  • Quartiere Newtown: è frizzante e alternativo e, in ogni angolo, si possono notare diverse opere d’arte.
  • Bondi Beach: è la spiaggia più famosa di Sydney, di circa un chilometro, e prende il nome da una antica parola aborigena che significa “rumore dell’acqua che si frange sulle rocce“.
  • Royal Botanic Gardens: offre una bella vista sull’Opera House e la baia ed è un luogo perfetto per una rilassante passeggiata o un pic nic.

© TravelGlobe RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter

Articoli
Correlati

SEI PRONTO AD ANDARE OLTRE?

Abbonati a TravelglobeOLTRE e accedi ai nostri contenuti speciali: contest fotografici, monografie, interviste e approfondimenti.