South Bank, Londra: architettura e arte lungo il Tamigi

DatA

South Bank, Londra: architettura e arte lungo il Tamigi

image_pdfimage_print

di Redazione | @travelglobemag

Immaginate un territorio isolato e paludoso, campi popolati solo da baracche e stabilimenti produttivi. South Bank, un tempo zona inospitale di Londra, è oggi un quartiere dinamico, votato all’arte e all’architettura, dove trovare locali alla moda e spettacoli teatrali innovativi.

È una delle tappe obbligate durante una visita a Londra; qui c’è la Tate Modern, il London Eye, il Millenium Bridge, lo splendido Shakespeare’s Globe e, naturalmente, il frequentatissimo Borough Market, frequentato dai foodies di tutto il mondo. Ma siamo arrivati qui per un altro aspetto interessante, anzi due: la street art e gli edifici brutalisti.

Leake Street Graffiti Tunnel

In quest’area riqualificata e portata a nuovo splendore c’è un luogo che merita più di una visita: il Leake Street Graffiti Tunnel. Ubicato nell’area alle spalle di Waterloo Station è un polo creativo a tutti gli effetti, a cui si accede da Lower Marsh street o York street, dove è facile trovare gli artisti al lavoro; si possono vedere anche le opere di Banksy. Ma il tunnel non è la sola attrattiva; fa infatti parte di un progetto molto più ampio, il complesso Leake Street Arches, che rappresenta una celebrazione dell’arte e dell’intrattenimento in tutte le sue sfaccettature. Quelli che un tempo erano semplicemente archi della ferrovia, sono stati rimessi a nuovo per diventare luoghi di incontro e accoglienza per ogni forma di cultura urbana. Qui si trovano mostre e concerti in ogni periodo dell’anno e, soprattutto, è sede per il celebrato Vault Festival che, tra gennaio e marzo, anima la zona con centinaia di spettacoli e performance audaci e coraggiose.

Il Brutalismo a South Bank

Il Brutalismo è una corrente architettonica che spesso utilizza il cemento a vista per evidenziare la forza espressiva della struttura. Icona di questo movimento a South Bank è la sala per concerti Queen Elizabeth Hall, sede di concerti di musica da camera e spettacoli di danza. Al di sotto del pavimento rialzato c’è uno skatepark ricoperto di graffiti. Altro esempio di edificio brutalista è la Hayward Gallery, punto di riferimento a Londra per l’arte contemporanea.

Si discosta dal classico stile brutalista, invece, la Royal Festival Hall la cui facciata in vetro e pietra risulta più gentile.

Per approfondire la conoscenza dei palazzi brutalisti, abbandonando South Bank, si possono raggiungere il King’s College Macadam Building, la Salters ‘Hall e il Barbican Centre and Estate.

© TravelGlobe RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Articoli
Correlati