Sognare il Natale nei mercatini più belli d’Italia

di Maddalena De Bernardi

Intrise di calde fragranze, molte città italiane vivranno le prossime settimane nella magica atmosfera dei [b]mercatini di Natale[/b], dove luci, antiche tradizioni e pezzi d’autore si susseguono sulle bancarelle cariche di colori e bravura artigiana.

[b]ARTIGIANATO DA TUTTO IL MONDO[/b]

Ormai da anni al tradizionale mercatino milanese degli [i]O bej! O bej![/i]si affianca la fiera dell’artigianato: [b]L’artigiano in fiera[/b], che nel 2014 giunge alla sua 19esima edizione, aprirà al pubblico dal 29 novembre al giorno 8 dicembre presso il quartiere fieristico di Rho, facilmente raggiungibile in treno dalla stazione di Milano Porta Garibaldi. Qui scoprirete manufatti e oggetti provenienti da ogni parte del mondo: un tuffo tra i colori capace di far viaggiare con l’immaginazione verso Paesi lontanissimi, da cui riportare deliziose idee e regali originali per il Natale.

[b]Se il nome vi incuriosisce[/b] sappiate che O bej! O bej! è semplicemente la traslitterazione italiana dal lombardo “O belli! O belli!”, esclamazione felice dei bambini di Milano di fronte ai doni portati in città dell’inviato papale Giannetto Castiglione, incaricato da Pio IV. Le origini di questo antico mercatino di Natale risalgono, infatti, al 1510, ma già agli albori del 1200 emergono tracce di una festa in onore di Sant’Ambrogio che ancora oggi permette di scoprire oggetti fatti a mano, ma anche pezzi vintage, dolciumi, antiquariato e naturalmente vin brulé caldo, ottimo per combattere i freddi pomeriggi dicembrini.

[b]TRA FIABE E NEVE AD ALTA QUOTA[/b]

L’Alto Adige si illumina per le festività natalizie con l'[b]Avvento Alpino Val Sarentino[/b], dal 28 novembre al 21 dicembre, mentre a Bolzano il celebre mercatino di Natale, che da anni rende effervescente l’atmosfera cittadina, aprirà al pubblico dal 28 novembre al 6 gennaio (chiusura il 24 e 25 dicembre).
Circa 60 casette per il mercatino fra le mura merlate di Trento, dove è possibile incontrare le tradizioni alpine del Natale ladino fra presepi, palline decorative Biedermeier e gnomi in terracotta.

In montagna sconti e occasioni per lo [b]shopping natalizio tax free a Livigno[/b], che accoglie il mercatini di Natale fra le magie del paesaggio innevato. Il centro storico di Santa Cristina di [b]Val Gardena[/b] dal 5 al 30 dicembre ospiterà bancarelle con accessori natalizi, angioletti decorativi, candele e dolci. Qui potrete visitare l’esposizione del più grande presepe in legno della Val Gardena, intagliato a mano dai maestri artigiani.

[b]TRA BORGHI E COLLINE ROMAGNOLE[/b]

Le strade si trasformano nella scenografia di un tempo misticamente originario passo dopo passo alla scoperta di Riolo [url”Terme”]http://travelglobe.it/Detail_News_Display?ID=73768&typeb=0&terme-gratis-in-Italia-Il-benessere-che-fa-bene-al-portafoglio[/url], Casola Valsenio, Brisighella, Castel Bolognese. Le [b]Terre di Faenza[/b], ricche di fascino nella bruma autunnale che avvolge colli dalla storia secolare, insieme alle ceramiche tipiche di questi luoghi accenderanno il sapore della festa con la Sagra del Torrone, che ogni anno si ripete in occasione della festa dell’Immacolata Concezione, l’8 dicembre. Allestimenti e animazioni che culmineranno il 5 gennaio durante la [b]Nott de Bisò[/b], che ricorda una giostra fra cavalieri e in cui il simbolico nemico Niballo, Annibale, viene bruciato come augurio di nuova vita e addio alla malasorte.

Nella rocca trecentesca di [b]Riolo Terme[/b] il Natale è a misura di bambino: il 7 dicembre si inizia con il laboratorio creativo Lettera a Babbo Natale dedicato ai più piccoli, mentre attività ludiche proseguiranno per tutte le feste natalizie. Piazza Trento Trieste a Ferrara ospiterà la [b]Festa del Regalo[/b] dal 30 novembre al 6 gennaio, mentre a Bologna l’antica Fiera di Santa Lucia torna a animare il portico di Santa Maria dei Servi per tutto l’Avvento.

[b]CITTÀ FRA LUCI E COLORE[/b]

[b]Verona[/b], illuminata da decorazioni a basso consumo energetico, affascina con la Rassegna Internazionale del Presepio nell’Arte e nella Tradizione: grazie al gemellaggio con Norimberga il mercatino di Natale in piazza dei Signori trasporta in un mondo altro fra zuppe e gulash, grappe tipiche, addobbi e dolci alla cannella. Anche a [b]Firenze[/b] il gemellaggio con la città di Heidelberg porta in città l’aroma delle tradizioni nordiche da ritrovare fra gastronomia, concerti live e artigianato. Se siete di passaggio nella capitale, non perdete l’occasione di visitare il mercatino di Natale di Piazza Navona, ricco di decorazioni per l’albero di Natale e giocattoli.

Se [b]a Torino il mercatino di Borgo Dora[/b] stuzzica gli amanti della casa con sculture, composizioni floreali e oggetti in ceramica provenienti da ogni angolo del globo, a Napoli si coglie il sapore del Natale fra le statuette ormai celebri del presepe caricaturale e l’atmosfera intensa delle botteghe artigiane: una passeggiata fra nobiltà e miseria, storia e cultura dell’Italia che fu e che, rievocando le tradizioni più antiche, riporta alla luce il mistero luminoso dei giorni di festa.

© TravelGlobe RIPRODUZIONE RISERVATA

POTREBBE INTERESSARTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *