Seychelles, la bellezza sostenibile

Date

Seychelles, la bellezza sostenibile

a cura di seychelles.travel

Chi decide di volare alle Seychelles è senza ombra di dubbio un amante del mare. L’arcipelago dell’Oceano Indiano infatti ospita alcune tra le spiagge più belle del mondo; lo splendore di queste isole però sta nella soffice sabbia bianca e nel mare cristallino, tanto quanto nella forza di una natura incontaminata. Coralli, tartarughe marine e piante esotiche non sono solo la cornice di uno splendido viaggio sostenibile, ma protagonisti di una terra che sa sedurre con la natura che regna sovrana. Un luogo esclusivo, meta ideale per chi è in cerca di relax, ma anche per chi sogna invece un soggiorno all’insegna dell’avventura e dello sport, sempre nel pieno rispetto della natura, delle specie viventi che abitano queste terre ma anche delle tradizioni e della cultura locale. La bellezza del paesaggio e la rarità delle specie protette fanno di questa ambita meta turistica uno dei luoghi più unici al mondo in cui dimenticare il presente e vivere la propria favola in simbiosi con il territorio e l’ambiente naturale.

Attività a contatto con la natura

Un must imperdibile per chi vuole toccare con mano la vicinanza con la natura delle Seychelles è lo snorkeling fra le tartarughe e i coralli: a St. Anne si trova il Parco Marino Nazionale che ha una delle più vaste aree coralline, popolata dalle tartarughe marine ma anche dai delfini. Altro luogo ideale per il nuoto, lo snorkeling ma anche i tramonti spettacolari è St. Pierre. Gli amanti della natura non potranno perdere inoltre una visita alla Vallée de Mai, dichiarata patrimonio mondiale dell’UNESCO: gioiello raro e unico del parco è la foresta di ammaliante bellezza che conta 6000 palme di coco-de-mer, unico luogo dove cresce allo stato naturale insieme all’isola di Curieuse. Nella Riserva Naturale di Curieuse Island invece si trova un allevamento di tartarughe giganti e tartarughe marine, queste ultime anche abitanti del Coco Island Marine National Park e dell’Aride Nature Reserve. Cousin Island infine, è diventata la prima riserva naturale al mondo carbon free e grazie ai progetti di conservazione naturale sono tornati sull’isola importanti specie di uccelli sull’orlo dell’estinzione e si è ricreato l’habitat per molte altre specie endemiche. Per preservare ambiente e fauna, si è vietato l’uso si tutta la plastica e si utilizzano le alghe come fertilizzante per l’agricoltura.

Trekking alle Seychelles

Anche per gli amanti del trekking le Seychelles sono la destinazione perfetta: numerosi sentieri e percorsi sono disponibili nelle varie riserve naturali: 15 percorsi nelle 4 isole, con belvedere con viste mozzafiato a 360 gradi, antiche rovine, distese e spiagge di granito, caverne, corsi d’acqua, antiche piantagioni di tè, specie faunistiche e botaniche endemiche. Paradiso per gli escursionisti è senza ombra di dubbio l’isola di La Digue, dove si praticano trekking e cicloturismo e sono disponibili vari sentieri oltre a viste panoramiche a 360 gradi, dove camminare tra tartarughe giganti, un’antica piantagione coloniale, il primo cimitero dei primi coloni francesi, e una grande casa coloniale.

In fondo al mar…

Ma le Seychelles ospitano anche riserve naturali, giardini botanici e fauna protetta, di cui un ottimo esempio sono i maestosi squali balena! Da ottobre ad aprile è possibile incontrare questi animali meravigliosi. Lo Shark Research Institute dirige proprio un progetto di sorveglianza degli squali balena alle Seychelles: i visitatori possono aiutare la ricerca costante sugli squali balena partecipando alle attività di sorveglianza, agli incontri con lo squalo balena, a immersioni con maschera e boccaglio e a nuotate con i giganti, safari fotografici, e infine partecipando al programma di marchiatura e adozione di uno squalo balena.

Non dimentichiamo poi il corallo. Grazie ad un innovativo processo di piantagione, Reef Rescuers, l’associazione Nature Seychelles ha “allevato” 50mila frammenti di corallo in una nursery subacquea. Le Seychelles da quel momento sono diventate il paese guida nei progetti di allevamento del corallo, minacciato dall’aumento della temperatura del mare. In otto anni ha già dato vita al ripristino di 6.000 mq di nuovo corallo nell’area protetta della Cousin Island Special Reserve, ed è il più grande piano di recupero della barriera corallina che utilizza la tecnica del coral gardening. Le nursery subacque sono realizzate in acque aperte, anche alcuni hotel delle Seychelles partecipano al progetto con il ripristino della barriera corallina nelle acque limitrofe alle proprie strutture.

Ogni isola, ogni spiaggia ha una caratteristica differente, perché ognuna delle 115 isole è un ambiente a sé stante. Quale modo migliore di scoprire tutte le unicità può esserci che visitarne più di una? Dixi Bird Tour Operator propone la formula dell’Island Hopping, che offre la garanzia della conoscenza approfondita delle strutture, della logistica e delle combinazioni più adatte cucite su misura per i clienti. Tutto sempre nel rispetto della specificità della cultura locale e delle sue caratteristiche più eccezionali. Due sono le combinazioni offerte dal tour operator: Fun ed Enjoy, entrambe toccano le tre isole principali con volo aereo, pernottamento, trasferimenti e assicurazione sempre inclusi nei pacchetti.

© TravelGlobe RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli
Correlati