Scopri il Santuario Madonna della Corona, sospeso tra cielo e terra e circondato dalla natura

di Melania Bresciani | Instagram

Oggi andiamo alla scoperta della Madonna della Corona, un meraviglioso santuario, in provincia di Verona, costruito a strapiombo sulla parete del Monte Baldo che appare come sospeso tra cielo e terra. Ricorda vagamente la Tana della Tigre, il monastero più famoso del Bhutan.

Il Santuario Madonna della Corona è circondato da una vista panoramica sulla Valle dell’Adige ed è raggiungibile tramite un antico sentiero dei pellegrini.

Mai come in questo momento è importante non lasciarsi prendere dallo sconforto, ma cercare di guardare le cose belle di cui siamo circondati.

E l’Italia ne è piena, tra borghi, cammini nella natura, città d’arte, e chiese sconsacrate pazzesche.

Il Santuario della Madonna della Corona

madonna della corona

Il Santuario della Madonna della Corona è un luogo ricco di spiritualità e misticismo, ideale per meditare nel silenzio o semplicemente godere della sua bellezza e unicità.

Il Santuario della Madonna della Corona sorge in una posizione iper suggestiva, a 774 metri sopra il livello del mare e a strapiombo sulla Valle dell’Adige. Ci troviamo, precisamente, a Ferrara di Monte Baldo, nella località di Spiazzi, in provincia di Verona, non lontano dal Lago di Garda.

Madonna della Corona: cenni storici

Le prime testimonianze medievali risalenti al 1200, attestano che esistesse un monastero dedicato a Santa Maria di Montebaldo, accessibile solo tramite un (allora) pericolosissimo sentiero nella roccia.

La leggenda vuole, invece, che l’origine del santuario risalga al 1522, anno in cui la statua di Santa Maria Addolorata sarebbe sparita da Rodi, dov’era costudita e dov’era in corso l’invasione turca, e che apparve appunto tra questi monti. Divenne così meta di pellegrinaggio in onore della Madonna.

La chiesa è stata ricostruita, modificata e ampliata più volte nel corso dei secoli (anche per garantirne l’accessibilità e la sicurezza) fino all’ultimo progetto recentissimo, concluso nel 1978.

Come raggiungere Madonna della Corona

A piedi, tramite il Sentiero della Speranza

Si tratta dell’antico cammino dei pellegrini che parte dal piccolo paese di Brentino, in provincia di Verona. Il sentiero passa per il bosco, ha un dislivello di circa 600 metri, oltre 1.500 gradini e dura circa un’ora e mezza/due.

Lungo il percorso ci sono varie soste per prendere fiato, come la Croce, meravigliosa terrazza panoramica, la Grotta, piccola cavità dove si trova il libro del pellegrino con le firme delle persone passate di qui, e lo splendido Ponte del Tiglio, interamente costruito in pietra.

Una volta arrivati alla piazzola, dove sono presenti punti ristoro e bagni, non rimane che percorrere la scalinata d’accesso al santuario.

In auto

  • In auto e navetta: è possibile arrivare in auto fino alla località Spiazzi, parcheggiare, e prendere la navetta che porta direttamente al santuario. La cima della chiesa si raggiunge tramite la scalinata, che si può percorrere a piedi o prendendo l’ascensore.
  • In auto e a piedi. Parcheggiando in località Spiazzi, è possibile raggiungere il santuario in venti minuti a piedi tramite una strada asfaltata (e in discesa!). Questa passeggiata si può fare tranquillamente anche in inverno, magari con la neve. Vi immaginate lo spettacolo?

Il Santuario della Madonna della Corona è aperto tutto l’anno con i seguenti orari:

Novembre – Marzo: dalle ore 8.00 alle ore 18.00.

Aprile – Ottobre: dalle ore 7.00 alle ore 19.30.

© TravelGlobe RIPRODUZIONE RISERVATA

POTREBBE INTERESSARTI