Cerca
Close this search box.

Quanto vale la sterlina con Re Carlo? Ecco la risposta

La sterlina è una delle valute più simboliche del continente europeo, e fino a non troppi secoli or sono costituiva molto probabilmente la più influente in assoluto, a causa soprattutto dell’importante quanto vasto impero coloniale britannico, considerato il più vasto della storia. La sterlina è anche una delle valute più famose del contesto monarchico in quanto la corona britannica è una delle più seguite anche nelle vicissitudini che portano al gossip, e con la relativamente recente incoronazione di Re Carlo, quanto vale una sterlina con la sua effige posta sopra?

Già pochissimi giorni dopo la scomparsa di Elisabetta II la zecca reale, nota come Real Mint ha concepito diverse forme di monete commemorative che vanno poi ad affiancare quelle d’oro.

Il valore è ovviamente legato alla quantità, alle condizioni di conservazione ma non solo: quanto può valere una moneta con il volto del re britannico?

Sai quanto vale la sterlina con Re Carlo? Ecco il valore!

quanto vale la sterlina

La sterlina viene idealmente considerata come la valuta del Regno Unito e di tutti i suoi possedimenti, quindi Inghilterra, Scozia e Irlanda del Nord come “realtà principali”. Se le sterline di naturale e comune circolazione non hanno un elevato potere collezionistico, situazione diversa riguarda il concetto di monete d’oro, conosciute come sovrane. Naturalmente dalla reintroduzione di queste valute dagli anni 50, il 20° e 21° secolo hanno visto per oltre 70 anni la presenza su queste emissioni coniate tutti gli anni a cadenza regolare, il volto di Elisabetta II.

Con la scomparsa della sovrana, la Royal Mint ha concepito diverse emissioni d’oro con Re Carlo III anche prima della sua effettiva prima incoronazione.

Esistono infatti forme di emissioni di tipo proof, ossia a fondo specchio con il re munito di corona sul capo che sono state concepite già nel 2023, dove il suo profilo è molto riconoscibile.

Le monete proof sono tradizionalmente quelle non ideate per la circolazione in quanto presentano una superficie o entramte completamente specchiate e quindi lucide, chiamate anche “a fondo specchio” . Generalmente queste sono quelle più ambite e già ora un esemplare di questo tipo che ha meno di un anno di vita, può valere già dai 1000 ai 1500 euro.

Discorso leggermente diverso per gli esemplari che pur essendo realizzati in oro 23 carati (come per tutte le sovrane d’oro) hanno un costo che generalmente non si discosta, almeno per ora, dalla maggior parte di queste monete, e “viaggia” tra i 350 ed i 600 euro a seconda dello stato di conservazione.

POTREBBE INTERESSARTI