Patagonia: Ty Te Caerdydd, la sala da tè che amava Lady D

DatA

Patagonia: Ty Te Caerdydd, la sala da tè che amava Lady D

image_pdfimage_print

Lady D

di Francesca Spanò | @francynefertiti

L’aveva visitata solo in una occasione, nel corso di una vacanza in Patagonia ed era stato subito amore. Lady D si era trovata molto bene con i proprietari e aveva gustato le ottime miscele della casa da tè. Per loro era stata un onore accoglierla e insieme agli abitanti della zona, avevano deciso di immortalare quegli attimi e poi di riempire le pareti con le foto dell’evento. Nessuno sospettava che la principessa sarebbe morta in modo tragico poco tempo dopo. Oggi, quello stesso luogo è diventato un piccolo “museo” con uno speciale tributo a questa donna che in pochi dimenticheranno e che resta tra le più amate del secolo.

Diana Spencer, il 25 novembre del 1995  è arrivata in elicottero e si è fermata proprio qui, a Gaiman, perché aveva sentito parlare della struttura. Veniva dall’Argentina e da un giro di whale watching e voleva in qualche modo provare l’esperienza del rito del fuori da Londra. Del resto anche qui, si tratta di una vera tradizione che segue precisi dettami. Da allora la tazza dove ha bevuto, non è stata più nemmeno lavata ed è stata poi inserita in una vetrina insieme all’intero servizio, a disposizione dei turisti di passaggio che vogliono osservarla.

Non è l’unica casa da tè da queste parti, dove se ne possono visitare almeno sei, ma di sicuro ha questa storia tanto affascinante che continua ad attirare viaggiatori. In più, all’esterno ci si può anche rilassare all’aria aperta, con i tre ettari di parco circostanti. Lady D ha provato pasticcini, focaccine, diversi tipi di marmellate, panini e torte della casa ed è rimasta a chiacchierare  prima di andare a scoprire le splendide rose che crescono nel giardino.

Sono molte le persone che decidono di ritrovarsi qui addirittura, ogni anno, per l’anniversario della morte, avvenuto il 31 agosto del 1997 per un incidente stradale nel tunnel Alma, di Parigi. L’evento è spontaneo e non c’è alcun tipo di commercializzazione dietro. Solo tanto amore per questa donna bella, gentile e sfortunata.

© TravelGlobe RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

Articoli
Correlati