Cerca
Close this search box.

Migliori piante da balcone perenni e ricadenti: ecco quali sono

Non è un balcone senza piante, concetto applicato da oramai molto tempo e che viene naturale rendere reale e concretamente applicato scegliendo le varianti di piante che maggiormente incontrano il nostro gusto e che possono naturalmente rivelarsi assolutamente interessanti anche dal punto di vista estetico. Ma le piante da balcone più indicate anche per chi non può o non ha l’abilità nel prendersene cura sono senza dubbio quelle perenni, categoria nella quale rientrano anche le ricadenti.

Queste ultime sono note per essere facili da riconoscere in quanto la loro composizione naturale le porta a svillupare la propria forma di crescita verso il basso per naturale effetto della gravità.

Ma quali sono le piante effettivamente più adatte dei due generi, che sono anche le migliori da piazzare in balcone?

Quali sono le piante perenni e ricadenti più adatte a vivere sul balcone: ecco la lista

piante da balcone perenni ricadenti

Numerose selezioni hanno portato progressivamente lo sviluppo del concetto della pianta da balcone, che può essere sia di tipo arbustivo, oppure una pianta succulenta (Detta anche pianta grassa) ma anche quelle che naturalmente fioriscono.

La pianta perenne per definizione è considerata tale quando possiede un ciclo vitale che si estende oltre i due anni e che porta ad un rinnovamento strutturale biologico, che se permesso nel modo giusto può garantire una vita anche di diversi anni.

Particolarmente attinente a questa descrizione si rivela essere il gelsomino che ha un comportamento florido sia nel fogliame così come nel resto dei casi anche in merito alla fioritura che da il massimo in termini estetici che nel profumo.

Ha un comportamento arbustivo che però mantiene una certa facilità di cura ed i suoi rami tendono a scendere verso il basso.

Particolare il comportamento pendente della specie che fiorisce in bei boccoli colorati, nota come Diascia barberae, che riesce ad esere tale anche se coltivata in vaso. E’ una specie abbastanza resistente ai cambi di stagione ma non tollera il caldo torrido e che soprattutto durante la bella stagione ha bisogno di un terreno sempre leggermente inumidito. Nelle stagioni come autunno e primavera in particolare deve essere sottoposta a fertilizzazione.

Rampicante, pendente e perenne la “pianta di vetro” nome volgare della specie Impatiens repens  è spesso molto una variante che viene poco identificata da un nome ma che si rivela essere molto facile da coltivare, in quanto non necessita di “bagni di sole” come per altre specie. Di contro soffre molto i ritsagli idrici.

POTREBBE INTERESSARTI