image_pdfimage_print

Machu Picchu e gli imperi d’oro del Perù

Date

Machu Picchu e gli imperi d’oro del Perù

di Redazione

Da sabato 8 ottobre 2022 MUDEC accompagna il visitatore nel meraviglioso racconto di una civiltà plurimillenaria attraverso la grande mostra MACHU PICCHU E GLI IMPERI D’ORO DEL PERÙ, che ripercorre 3.000 anni di civiltà dalle origini agli Inca. Non perdetevela: per importanza dei pezzi esposti e per il curatissimo allestimento è una delle più belle degli ultimi anni.

Una storia plurimillenaria

Una mostra che attraverso manufatti plurimillenari, video, ricostruzioni immersive 3D e un allestimento per immagini che rende l’idea di un vero e proprio viaggio nel tempo, traghetterà il pubblico indietro nei millenni raccontando la storia di una civiltà tanto gloriosa quanto antica e remota e di cui spesso si conosce solo l’ultimo tassello, quello più recente e universalmente reso famoso dal ritrovamento dei resti della grande città sacra di Machu Picchu.

Civetta. Bottiglia in ceramica.Cultura mochica (100-800 d.C). Costa settentrionale. Museo Larco, Lima-Perù. Ph. F.Klausner©
Civetta. Bottiglia in ceramica.Cultura mochica (100-800 d.C). Costa settentrionale. Museo Larco, Lima-Perù. Ph. F.Klausner©

Oltre 170 manufatti

La storia del Perù inizia da molto, molto più lontano. Il progetto attraversa la storia artistica e la biodiversità andina in tutta la sua ampia dimensione geografica e profondità cronologica, per culminare con un viaggio ideale nella città inca di Machu Picchu. La mostra presenta una selezione di più di 170 manufatti di sorprendente bellezza: opere in terracotta dalla grande espressività e perfezione tecnica, ma anche ori, argenti e tessuti. Una parte del percorso è dedicata all’avventuroso viaggio al fianco del mitico eroe della Cultura moche Ai Apaec attraverso il quale il pubblico scoprirà i misteri della cosmologia andina, muovendosi trasversalmente attraverso i tre piani dell’universo: il sopra, il qui e il sotto. “Machu-Picchu e gli Imperi d’oro del Perù” a Milano è l’esclusiva tappa italiana di un tour internazionale.

A sinistra: Giaguaro a caccia di cervi. Cultura cupisnica (250-100 a.C). Costa settentrionale. A destra: Felino. Bottiglia in ceramica e conchiglia Conus fergusoni. Cultura mochica (100-800d.C) Costa settentrionale. Entrambe Museo Lanca, Lima-Perù. Ph. F.Klausner©
A sinistra: Giaguaro a caccia di cervi. Cultura cupisnica (250-100 a.C). Costa settentrionale. A destra: Felino. Bottiglia in ceramica e conchiglia Conus fergusoni. Cultura mochica (100-800d.C) Costa settentrionale. Entrambe Museo Lanca, Lima-Perù. Ph. F.Klausner©

Una mostra-racconto.

In mostra vi sono 3000 anni di civiltà, dalle origini agli Inca. La narrazione di una storia nella Storia, uno storytelling che si dipana tra video immersivi, ricostruzioni 3D degli ambienti e delle biodiversità e soprattutto manufatti, che prima di essere reperti archeologici furono monili, tessuti e capi d’abbigliamento indossati da uomini e donne che vissero pienamente nel loro mondo e nella loro società, fatta di leggi e costumi, di conoscenze e riti, di simboli e tradizioni, di miti e leggende. La mostra racconta al pubblico questo mondo scomparso, eppure ancora così contemporaneo. Il percorso conduce il pubblico all’interno della culla di una delle più grandi civiltà antiche dell’Emisfero Meridionale.

Orecchini con mosaico di uccello-guerriero. Oro, turchese massiccio, turchese sodalite, madreperla, conchiglia di Spondylus primceps. Cultura mochica (100-800 d.C). Costa settentrionale. Museo Lanca, Lima-Perù. Ph. F.Klausner©
Orecchini con mosaico di uccello-guerriero. Oro, turchese massiccio, turchese sodalite, madreperla, conchiglia di Spondylus primceps. Cultura mochica (100-800 d.C). Costa settentrionale. Museo Lanca, Lima-Perù. Ph. F.Klausner©

Il Perù dell’età antica

Eguagliato solo dall‘Antico Egitto – con cui rivaleggia in longevità – e da Roma per il livello tecnico raggiunto, il Perù dell’età antica ha accolto nel suo alveo società potenti e sofisticate, che prosperarono per cinquemila anni su un territorio geografico decisamente vario. Il Perù e la sua storia si estendono dalle fertili coste bagnate dalle acque dell’Oceano Pacifico, attraverso il deserto roccioso, fino al gelido altipiano andino (Altiplano Andino), per poi tuffarsi nell’area tropicale del Bacino del Rio delle Amazzoni. Adagiata su una cresta montuosa, avvolta dalla foresta nebulosa e al di sopra della foresta pluviale, la città di Machu Picchu è il simbolo, che tuttora sopravvive, del grande Impero degli Inca, la cui fine improvvisa e violenta avvenne con la Conquista spagnola del 1572.

Copricapo frontale con piume. Oro e sodalite. Cultura Chimu (1100-1470 d.C). Costa settentrionale. Orecchini decorati. Cultura chimu (1100-1470 d.C). Costa settentrionale. Entrambe Museo Lanca, Lima-Perù. Ph. F.Klausner©
Copricapo frontale con piume. Oro e sodalite. Cultura Chimu (1100-1470 d.C). Costa settentrionale. Orecchini decorati. Cultura chimu (1100-1470 d.C). Costa settentrionale. Entrambe Museo Lanca, Lima-Perù. Ph. F.Klausner©

Machu Picchu

Il percorso della mostra parte proprio da Machu Picchu, raccontando la fine della storia dei grandi regni andini, e inizia con un video immersivo che introduce il lussureggiante paesaggio andino, dove le riprese aeree individuano Machu Picchu, la cittadella di pietra patrimonio culturale e naturale UNESCO, costruita nel 1450 all’apice dell’Impero Inca, e con essa i suoi dintorni straordinari. Invisibile dal basso, Machu Picchu è una fortezza nascosta nella foresta nebulosa, protetta da due montagne sacre gemelle che affondano alla base nella foresta pluviale amazzonica. Centro religioso, osservatorio astronomico e luogo di ingegnosità e produzione agricola, Machu Picchu è un complesso formato da più di 200 strutture in pietra – templi, palazzi, “plazas” (spazi aperti), abitazioni. Protetta dall’invasione spagnola, Machu Picchu venne inglobata dalla foresta pluviale, fino a quando lo storico di Yale Hiram Bingham la rivelò al mondo nel 1911.

La città sacra di Machu Picchu (1450 – 1572) Veduta del sito archeologico Valle dell’Urubamba, altopiano meridionale Cultura Inca (1438 – 1532 ca d.C). Ph. ©Tomas Sobek
La città sacra di Machu Picchu (1450 – 1572) Veduta del sito archeologico Valle dell’Urubamba, altopiano meridionale Cultura Inca (1438 – 1532 ca d.C). Ph. ©Tomas Sobek

Leggere gli oggetti

In un ambiente che ricostruisce la foresta pluviale amazzonica, con le sue voci e i suoi colori, la mostra prosegue e aiuta a interpretare, o “leggere”, gli oggetti che incontreremo nell’esposizione. Pur non avendo una lingua scritta, uomini e donne delle società andine rendevano testimonianza delle storie delle collettività cui appartenevano attraverso immagini simboliche visibili sulle pareti dei templi o attraverso sculture di pietra, incisioni lignee, recipienti di ceramica, tessuti e oggetti d’oro e d’argento di incomparabile fattura. Gli oggetti sono raggruppati secondo il loro significato simbolico, ed erano questi i ‘libri’ nei quali venivano documentate le credenze, i rituali, la visione del mondo, le strutture di potere e la vita delle comunità.

Vicino all’uscita, un’impressionante maschera funeraria in rame, con artigli di felino fatti di conchiglie e ornamenti per le orecchie a forma di serpente, introduce la figura dell’eroe mitologico, il capo Ai Apaec.

Maschera funeraria che rappresenta il volto di Ai Apaec. Rame, conchiglia di strombo Cultura Moche (100 – 800 d.C). Costa settentrionale. Museo Larco, Lima, Perù. Ph F.Klausner©
Maschera funeraria che rappresenta il volto di Ai Apaec. Rame, conchiglia di strombo Cultura Moche (100 – 800 d.C). Costa settentrionale. Museo Larco, Lima, Perù. Ph F.Klausner©

Il viaggio eroico di Ai Apaec

Il viaggio dell’eroe mitologico della Cultura Moche Ai Apaec è al centro di questa parte della mostra. Capo di una comunità rurale, Ai Apaec fu capace di imbrigliare le forze della natura e di affrontare una serie di trasformazioni che gli permetteranno di attraversare mondi diversi, fino all’estrema trasformazione, la sua stessa morte. Dopo essere rinato, l’eroe si unirà alla Madre Terra, la Pachamama, assicurando così la continuità dei cicli naturali che procurano sole e pioggia, elementi necessari per la vita. Le immagini proiettate lungo le pareti di questa sezione della mostra danno vita a una vera e propria ‘storia illustrata’, un percorso che racconta al pubblico con l’immediatezza delle immagini non solo la storia di Ai Apaec, ma attraverso le sue gesta eroiche anche i miti e il mondo simbolico che rappresenta il substrato su cui è stato costruito nei secoli l’universo culturale dell’antico Perù, e di cui è fortemente intriso ancora oggi l’immaginario religioso, simbolico e misterico del Perù contemporaneo. Vengono raccontati con il linguaggio delle immagini anche i tre mondi che coesistono simultaneamente nella cosmologia andina: Il Mondo di Sopra; il Mondo del Qui e Ora, o Mondo di Mezzo, il luogo dove le persone vivono e lavorano nelle comunità accanto agli animali, alle piante, ai fiumi e alle montagne, e infine il Mondo Basso, il mondo dell’oceano, il mondo sotterraneo, la terra che sta sotto i nostri piedi, su cui cade la pioggia e dove maturano i semi e la terra degli antenati, ovvero il luogo dove vanno le persone quando muoiono. Gli incontri che fa Ai Apaec e le sue esperienze simboleggiano le sfide del mondo naturale che uomini e donne andini si trovano a fronteggiare nel Qui e Ora. La storia mette in evidenza i cardini della cosmologia andina: come sia necessario dare per ricevere e quanto sia importante onorare gli antenati, ringraziare gli Dei e lavorare, fare sacrifici e offerte per mantenere l’equilibrio dei cicli naturali che rendono possibile la vita.

A sinistra: figura felino-uccello-serpente. Brocca in ceramica cultura viru (500-300 a.C). Costa settentrionale. In centro: Dio gufo. Brocca in ceramica . Cultura mochica (100-800 d.C). Costa settentrionale. A destra: figura con poteri di felino, uccello e serpente. Brocca in ceramica cultura viru (500-300 a.C). Costa settentrionale. Tutti i reperti dal Museo Larco, Lima, Perù. Ph F.Klausner©

Rituali: la caccia al cervo e il Sacrificio

Il mondo andino si fonda sulla reciprocità: è necessario dare per ricevere. Affinché i cicli naturali abbiano continuità e si mantenga l’equilibrio tra i tre mondi, si devono compiere rituali, fare sacrifici e portare offerte agli Dei. Un rituale comune era rappresentato dalla caccia al cervo. L’uccisione di questi animali, cui veniva attribuito un grande valore e la cerimonia che ne conseguiva venivano eseguiti unicamente dai membri dell’élite della società, che assumevano il ruolo di predatori canalizzando il potere dei felini. La storia viene narrata con la proiezione di immagini del rituale, che sono state prese da un vaso a staffa, che riveste un’importanza fondamentale. I rituali che si eseguivano nei templi erano strettamente riservati agli sciamani e ai capi delle comunità e venivano compiuti in spazi lontani dalla vista del pubblico. Gli oggetti in esposizione raffigurano musicisti e strumenti musicali. Un ampio tamburo Nazca a forma di sciamano ha dei grandi occhi che indicano uno stato di allucinazione. Un video spiega come, similmente a quanto accadeva in molte culture antiche – come quella azteca, celta, greca e romana, tra le altre – le comunità andine praticassero sacrifici umani. Lungo la mostra ci si muove dentro uno spazio che ricrea l’interno di un tempio, dove i prigionieri venivano preparati per il sacrificio e dove erano collocati gli altari. Nel corso del rituale i guerrieri che erano stati sconfitti venivano legati con corde e, similmente ad Ai Apaec, compivano il sacrificio estremo. Nel momento in cui veniva loro tagliata la gola, essi venivano trasformati in esseri sacri. Il loro sangue – il sangue che dà la vita – veniva raccolto in coppe ed offerto ai sommi sacerdoti, cioè ai rappresentanti degli Dei.

Dea con vagina dentata Stele in pietra Cultura Chavin (1250 a. C. – 100 d.C.) Pacopampa, Altipiani settentrionali. Museo Larco, Lima, Perù. Ph F.Klausner©
Dea con vagina dentata Stele in pietra Cultura Chavin (1250 a. C. – 100 d.C.) Pacopampa, Altipiani settentrionali. Museo Larco, Lima, Perù. Ph F.Klausner©

L’incontro con gli antenati

Passando sotto un arco a forma di serpente, si entra in una galleria buia, illuminata da un bagliore radiante. Una sontuosa esposizione di manufatti d’oro, d’argento, di rame e di pietre preziose, culmine di maestria e talento, è collocata sullo sfondo di una lussureggiante foresta pluviale, verde e rigogliosa. È il momento dedicato agli antenati, che si presentano al visitatore nell’abbigliamento col quale furono seppelliti. I signori, le signore, i re, le regine e gli imperatori del mondo andino incarnavano gli Dei. Gli abiti preziosi ed i gioielli che indossavano simboleggiavano ciò che erano su questa terra e quello che potevano diventare dopo la morte. I capi politici e religiosi delle comunità, i governanti, personificavano le forze che rendono possibile la vita in questo luogo di acque gelide, deserti aridi e foreste pluviali tropicali. Essi erano in grado di canalizzare il potere del Sole, della Luna e delle stelle con l’oro e l’argento. I metalli preziosi che indossavano non venivano scelti per il valore monetario, bensì per ciò che rappresentavano per l’intera comunità: l’oro era il sudore del Sole e l’argento le lacrime della Luna. I metalli erano il simbolo dei poteri divini che legittimavano il potere dei governanti. Splendenti come corpi celesti, i capi davano la possibilità alla vita di prosperare per il bene dell’intera comunità. Quando morivano venivano sepolti indossando tutto lo splendore dei metalli e si trasformavano in esseri soprannaturali.

Trasformazione sciamanica. Bottiglia in ceramica. Cultura cupisnica (1250-100 a.C) . Museo Larco, Lima, Perù. Ph. F.Klausner©

Machu Picchu oggi

Al di là della Porta del Sole, un murale di Machu Picchu incombe attraverso la foresta nebulosa. Siamo tornati alla cittadella di pietra degli Inca e siamo rientrati nel ventunesimo secolo. Alcune persone impegnate in un progetto di conservazione, che ha avuto inizio nel 1975, descrivono il loro ruolo e l’impatto della riforestazione in quest’area. Testimonianze video di sciamani e di membri delle comunità andine contemporanee spiegano al pubblico l’importanza e il potere della natura nella vita sulle Ande, il valore del Rito e del suo perpetuarsi nelle celebrazioni e nei cerimoniali, ancora oggi.

Immagini dell’allestimento. Cliccare per ingrandirle 

L’esperienza immersiva

La mostra offre infine l’opportunità di sperimentare – attraverso una sala immersiva a parte rispetto al percorso espositivo – una vera e propria simulazione di volo sopra la città sacra di Machu Picchu che stimolerà i sensi della vista, dell’udito e il senso del movimento attraverso una postazione integrata di realtà virtuale a movimento VR visivo e sonoro. Si potrà così provare la sensazione reale, ‘fisica’ di volare sopra i resti del Monumento Patrimonio Unesco e sopra le montagne sacre e la foresta amazzonica, in compagnia di una guida virtuale che ‘volerà’ con noi raccontando la storia di questo magico sito, accompagnandoci in un vero e proprio viaggio emozionale. Il libro edito in occasione della mostra “Machu Picchu e gli Imperi d’oro del Perù” è disponibile in vendita presso il bookshop.

Info

MOSTRA: Machu Picchu e gli imperi d’oro del Perù

DOVE: MUDEC, Museo delle Culture, via Tortona 56, tel. 02/54917.

QUANDO: 08/10 – 19/02/2023.

ORARI: Lun 14.30 ‐19.30 | Mar, Mer, Ven, Dom 09.30 ‐ 19.30 | Gio, Sab 9.30‐22.30.

BIGLIETTI Intero € 16,5 | Ridotto € 14 (esperienza immersiva VR: € 15) .

Sul sito del MUDEC si può consultare anche il palinsesto dell’anno dedicato al Perù.

Articoli
Correlati