Cerca
Close this search box.

Il nostro esperto ci svela come pulire l’ottone ossidato: ecco il trucco

L’ottone sporco e ossidato è davvero un problema che può portare qualche preoccupazione. Proprio per questo oggi andremo a vedere assieme come pulire l’ottone ossidato tramite i metodi dell’esperto. L’ottone va ad ossidarsi, osservandolo puoi poiscegliere se pulirlo con ingredienti naturali, o anche affidarti a diversi prodotti specifico, come un pulitore veloce per rame e ottone.

In ciascun caso i tuoi oggetti in ottone ritorneranno poi a brillare grazie anche alla luce della tua contentezza. L’ottone è una lega color oro fatta da rame e zinco. Col passare del tempo può ossidarsi ovvero, come tutti i metalli, può divenire più scuro e perdere lucentezza. A livello pratico l’ossidazione non è nulla di brutto, difatti si tratta di un processo naturale a cui vanno alla volta tutti i metalli che entrano in contatto con l’aria. Per colpa della prolungata esposizione all’aria, sul metallo si andrà a creare uno strato esterno di “ruggine”, che farà perdere alla lega diverse proprietà estetiche.

Il nostro esperto ci svela come pulire l’ottone ossidato: ecco il trucco

Salvaguardare un oggetto in ottone perché si ossidi più comodamente non è una grande idea. Nel caso di un gioiello in ottone, per esempio, usarlo mentre si fa la doccia potrebbe servire a ridurre l’ossidazione, grazie all’azione ottimale dell’acqua. La privazione di lucentezza, con l’apparizione di una patina scura, è un processo reversibile, a cui si può porre rimedio. Benché in commercio si possano trovare tanti prodotti validi per pulire per bene qualunque oggetto in ottone sporco, ossidato e annerito, il nostro suggerimento è quello di provare per prima cosa con prodotti naturali.

Per attuarlo vi serviranno limone e bicarbonato. Spremi poi mezzo limone in una ciotola e mettici un cucchiaino di bicarbonato di sodio, quello che impieghi per lavare la frutta o ammorbidire la biancheria. Il composto farà delle bollicine per diversi secondi, fino a quando non la rimescolerai. Dopo aver amalgamato la miscela di bicarbonato e limone avrai un liquido pastoso. Facendoti aiutare da un panno in microfibra, vanno bene anche dei vecchi stracci, metti la miscela sull’ottone e inizia a strofinare.

Per avere poi ottimi risultati il nostro suggerimento è quello di strofinare in una direzione. È indispensabile rifare il processo per almeno 2/3 volte. Dopodiché, avvalendoti di un panno umido, sciacqua e asciuga tutto. Che sia un arredo, una maniglia o un gioiello il risultato non cambia, difatti se avrete fatto tutto bene tornerà a brillare come prima. Se poi infine vuoi anche lucidare, basterà con un panno passare uno strato di olio d’oliva sull’area in ottone.

POTREBBE INTERESSARTI