I pinguini di Betty’s Bay: simpatici amici in Sudafrica

DatA

I pinguini di Betty’s Bay: simpatici amici in Sudafrica

image_pdfimage_print

di Francesca Spanò | @francynefertiti

Goffi e curiosi, con la testolina leggermente piegata da un lato a chiedersi chi tu possa essere. Arrivano così, veloci e impettiti, i pinguini della colonia di Betty’s Bay, in Sudafrica e per un attimo non puoi fare a meno di incrociare il loro sguardo. E ti domandi se davvero, a volte, gli esseri umani e gli animali, non possano comunicare con il linguaggio universale del cuore.

Una zona di villeggiatura non troppo affollata dai turisti, nella provincia del Western Cape, in Sudafrica, quella di Betty’s. A soli 96 chilometri da Città del Capo. Si incontra sulla Scenic  Drive R44, che definire scenografica è poco. Copre le zone tra Pringle Bay e Kleinmond, in un tratto di mondo dove un tempo pare si rifugiassero gli schiavi in fuga. Nei primi del Novecento, Betty’s Bay è diventata una stazione balneare, oggi è principalmente conosciuta come sede di una simpatica colonia di pinguini.

Per l’ingresso nella zona in cui abitano, si pagano 10 rand  per il mantenimento del posto e non è consigliato avvicinarsi troppo. Tuttavia, è facile scattare delle foto a minima distanza, perché abituati ai visitatori e se non importunati, non scappano.

Delizioso anche il contesto, inserito all’interno della Riserva della Biosfera Kogelberg, anche se non è immediato trovarlo per via della scarsa segnaletica.

Eppure sembra che le creature che appaiono dolcissime agli occhi di un turista che li nota per la prima volta, siano in realtà discole. Gli abitanti del luogo, più volte, ne hanno denunciato il comportamento. Nella cittadina costiera, infatti, gli uccelli tendono a spostarsi dalla zona di nidificazione e non è raro che invadano i giardini della periferia residenziale cittadina. Di notte, quando cala il silenzio, sarebbero anche piuttosto rumorosi, anche se basta uscire fuori con l’intenzione di sgridarli, per restare ipnotizzati dal loro dolcissimo sguardo.

In verità, però, a chi ha sognato di vederli e arriva da ogni parte del mondo, scoprendo che esistono anche specie che non amano il freddo, questa realtà non fa effetto. Non importa quale storia abbia alle spalle, con quali pesi addosso affronterà un viaggio in Sudafrica, questi teneri amici dagli occhi neri, resteranno nel profondo del cuore come un amico incontrato in viaggio e mai perduto davvero.

© TravelGlobe RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Articoli
Correlati