Cerca
Close this search box.

I nomi delle piante grasse da interno: ecco la lista

La definizione di pianta grassa porta una variante di piante effettivamente molto diversificate nelle abitudini ma quasi sempre concepite in una diffusione che risulta essere compatibile in particolare nel contesto delle piante da interno, in quanto necessitano almeno in apparenza, di pochissime cure e sono anche esteticamente particolari. Non tutte sono però uguali, sia nell’apparenza ma anche nel fabbisogno nutrizionale che prescinde comunque da acqua, luce ed aria, seppur in quantitativi diversi. Ma quali sono le migliori piante grasse da interno, selezionando alcuni nomi?

Sono realmente numerose, diverse centinaia le piante che sono costituite nel gruppo delle piante “succulente”.

Ma quali sono quelle più adatte da acquistare e da lasciar “vivere” in nostra compagnia, sia in casa che in ufficio?

I nomi delle migliori piante grasse da interno: ecco quali sono

piante grasse da interno nomi

Poche cose identificano l’adattabilità se non addirittura la tenacia di una pianta succulenta che può generalmente considerarsi un esponente di una specie definita che è riuscita con l’evoluzione a fare economia del fabbisogno necessario. Sono “grasse” anche le piante non munite di “spine” o altre forme diverse dalle tradizionali foglie, e molte che magari già abbiamo a casa rientrano in questa categoria.

A partire da una variante della specie Crassula che è la Crassula Tempio di Buddha dalle origini chiaramente asiatiche che ha una forma molto particolare, cresce verso l’alto in foglie che tendono a svilupparsi in sequenza, quasi in una forma ” a scaglie” che richiede pochissime cure, ma ha bisogno di una sezione della casa abbastanza illuminata, anche all’interno di una stanza munita di ampia vetratura di finestre.

Sempre nel contesto della Crassula, l’albero di Giada è anche una buona pianta da interno oltre che da esterno, dalle tipiche foglie rotonde color giada per l’appunto che risulta essere anche facile da gestire e da mantenere.

Famosissima presso gli appassionati di piante grasse l’Echeveria appartiene ad un intero gruppo “a se” e riesce ad essere molto appetita soprattutto presso i contesti miti, essendo una pianta che cresce bene in quasi ogni condizione, ha bisogno però ogni tanto di abbastanza luce ed irrigazioni non troppo frequenti o generose. Risulta essere anche facile da tenere sotto controllo visto che ha una crescita lenta.

Ancora più particolare è la Hoya kerrii, nota anche come pianta a forma di cuore in quanto le foglie hanno esattamente l’iconica forma. Ha bisogno di tanta luce, per il resto può essere favorita da una posizione tranquilla e lontana dalle vibrazioni, ed è sicuramente d’effetto.

POTREBBE INTERESSARTI