Filippine: le esperienze imperdibili per un viaggio ecosostenibile

Date

Filippine: le esperienze imperdibili per un viaggio ecosostenibile

di Francesca Spanò | @francynefertiti

Un soggiorno rilassante ma ricco di stimoli, a diretto contatto con la natura e nel pieno rispetto dell’ambiente. Le Filippine sono il luogo giusto per un giro di questo tipo, in grado di garantire anche il benessere individuale e cancellare lo stress quotidiano, accumulato nel tempo, a tutto vantaggio del proprio sistema immunitario.

delfini avvistamento
delfini avvistamento

Divertimento, avventura, ecosostenibilità

Una vacanza nelle Filippine può essere declinata secondo i propri gusti ed esigenze, valutando sempre quanto sia importante tutelare la sua natura rigogliosa. Un compito preso molto sul serio anche dal Dipartimento del Turismo locale e, nel periodo post pandemico, l’idea è quella di puntare su viaggi eco-sostenibili per garantire uno sviluppo inclusivo e proteggere il patrimonio naturale e culturale. Come in tutto il resto del mondo, è fondamentale salvaguardare l’integrità e le diversità delle risorse dell’intero Paese.

Foresta di mangrovie
Foresta di mangrovie

Focus sul turismo sostenibile

La tutela di queste aree permetterà di mantenere a lungo le loro bellezze e di poterle rendere fruibili anche ai futuri visitatori. Nelle Filippine di certo non mancano le possibilità di viaggio a tema natura ed ecco, a tal proposito, sei luoghi che bisognerebbe assolutamente conoscere e visitare almeno una volta nella vita:

Avventure nelle Filippine
Avventure nelle Filippine
  1. Passeggiare attraverso la georiserva di Masungi, Rizal

Si tratta di un’area di conservazione che ospita centinaia di specie selvatiche native. Tra le attività consigliate non manca la possibilità di dedicarsi a tre ore di trekking sul Discovery Trail, attraverso i sentieri con vegetazione lussureggiante e formazioni calcaree. Si può, poi, camminare su ponti sospesi per scattare incredibili foto, godersi la vista spettacolare del parco naturale e la distesa del lago più grande del paese, il Laguna de Bay. Ancora, prendendo il Legacy Trail, si ha inoltre la possibilità di apprezzare maggiormente gli sforzi di conservazione della natura da parte della comunità locale attraverso la partecipazione alla semina e alla cura degli alberi per il rimboschimento della zona.  

2-Vedere i delfini a Bohol 

Durante un viaggio nelle Filippine, impossibile non prevedere una giornata in mare per osservare la vita marina nelle acque cristalline dell’isola di Pamilacan a Bohol. Facile è vedere  varie specie di delfini e balene come i delfini di Risso, delfini Spinner, delfini Bottlenose, delfini macchiati, balene di Bryde, capodogli, globicefali, balenottere assassine pigmeo, e anche balenottere blu che nuotano nel loro habitat naturale. Difesi ormai dalla pesca commerciale, anche grazie alla comunità, sono ora salvaguardati e in loco le baleniere sono utilizzate a scopo turistico per l’avvistamento di balene e delfini.

  1. Nuotare alle cascate di Campawan Curtain, Davao Oriental

Sono maestose e si possono raggiungere attraverso una passeggiata che percorre l’area boschiva della città di Baganga a Davao Oriental. Questa sorta di “sipario” lungo circa 6 metri, è la location ideale per rinfrescarsi con un tuffo.

kayak nelle Filippine
Kayak nelle Filippine
  1. Andare in Kayak a El Nido, Palawan

 Palawan è il paradiso del kayak per le sue acque tranquille. L’esperienza di muoversi tra le formazioni calcaree della Piccola Laguna e della Grande Laguna sull’isola di Miniloc è indimenticabile. Per contribuire a proteggere l’equilibrio ecologico delle sue destinazioni più popolari, il governo locale ha introdotto diverse misure, come ad esempio una regolamentazione speciale che permette di accedere o meno via acqua nelle lagune; l’ancoraggio delle barche motorizzate è stato vietato all’ingresso della Piccola e della Grande Laguna, con poche eccezioni.

  1. Fare trekking a La Union tra natura e sentieri ecologici

 Nella Provincia di La Union ci si può dedicare al un trekking di 20 minuti attraverso una vegetazione lussureggiante che conduce alle cascate Tangadan. Si può trovare ristoro anche presso l’Arosip Ecotrail a Bacnotan, i cui alberi torreggianti proteggono dal sole e dal caldo la passeggiata di 45 minuti che conduce alla vetta. Le cascate di Tuddingan a Naguilian sono accessibili attraverso un sentiero cementato, adatto anche ai principianti. Bello anche un viaggio a Mt. Puraw a Bauang per godersi il sorgere del sole all’alba tra un mare di nuvole. Il nome delle cascate di Balay Anito a Santol si traduce in “Casa degli Spiriti”, ed è facile essere incantati dalla vista delle acque che si infrangono sulle formazioni rocciose.

  1. Visitare la foresta di mangrovie a Siargao

Conosciuto dagli amanti del surf per via delle onde, è anche la più grande sede di mangrovie contigue del Paese. Il Del Carmen Mangrove Forest propone un tour in barca che porta i viaggiatori lungo le acque salmastre che coprono circa 4.871 ettari e ospitano ben 27 delle 70 diverse specie di mangrovie nel mondo. Questo è l’habitat di flora e fauna rare e in pericolo di estinzione, tra cui, in particolare, il Crocodylus Porosus (coccodrillo marino).

TRAVELGLOBE Riproduzione Riservata

Articoli
Correlati