Da Salisburgo a Vienna sulla strada più romantica d’Austria

DatA

Da Salisburgo a Vienna sulla strada più romantica d’Austria

image_pdfimage_print
Salisburgo | © Tourismus Salzburg

di redazione | @travelglobemag

Un itinerario tra i più poetici d’Europa, che attraversa borghi, luoghi storici e città d’arte. È la Romantikstrasse, o Strada Romantica, che in Austria collega Salisburgo a Vienna, lungo un percorso di 380 chilometri pieno di fascino e natura. Il territorio interessato, infatti, è ricco di laghi e montagne oltre a musei, monasteri, castelli, fortezze e parchi nazionali. Un’occasione per conoscere il lato più romantico dell’Austria.

Salisburgo

La Strada Romantica inizia a Salisburgo, città dichiarata dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità. Vi nacque il talentoso Mozart e tanti sono gli edifici barocchi che meritano una visita. Le passeggiate lungo le rive della Salzach e la vista della città dalla fortezza Hohensalzburg, inoltre, rendono Salisburgo una delle città più romantiche d’Europa. C’è tanto da vedere in questa sorprendente città:

  • Il DomQuartier coniuga il centro del potere dei principi arcivescovi d’un tempo – il Duomo e la Residenza – con il Monastero dei Benedettini di S. Pietro.
  • Il Castello di Hellbrunn che da oltre 400 anni incanta e sorprende i visitatori con i suoi famosi giochi d’acqua.
  • La Fortezza Hohensalzburg, simbolo di Salisburgo, che troneggia in alto sul monte Festungsberg, sopra i tetti della città storica barocca.
  • Il Castello Mirabell che fu fatto costruire nel 1606 dal principe arcivescovo Wolf Dietrich per la sua amante Salome Alt. Oggi ospita alcuni dei matrimoni più romantici.

Riprendendo la Romantikstrasse, si raggiunge Mondsee, uno dei laghi del Salzkammergut, dove la gente di città si rifugia durante l’estate in cerca di relax o per praticare alcuni sport, sia d’acqua che di montagna.

Laghi e castelli

Bad Ischl | ©Oberoesterreich Tourismus

Una breve deviazione verso sud conduce a St. Wolfgang, dove si possono scoprire gli antichi luoghi di villeggiatura, i cammini di pellegrinaggio e i paesaggi imperiali. Riprendendo il percorso principale, si prosegue verso Bad Ischl, il più antico centro termale d’acqua salina dell’Austria risalente al 1823. Da vedere anche la villa dell’imperatore, dove Franz Josef e la sua sposa trascorrevano le vacanze estive. Nell’immenso parco della dimora, inoltre, si può ammirare anche il Marmorschlössl, la ricostruzione di un cottage inglese realizzato appositamente per l’imperatrice.

Un’altra deviazione dal tracciato principale, permette di ammirare Hallstatt, un villaggio immerso in una natura incantevole. Il sale è l’oro bianco di Hallstatt: la sua estrazione risale alla media età del bronzo e la popolazione deve la sua ricchezza di allora a queste attività. Qui c’è la miniera di salgemma più antica del mondo ed è ancora in funzione.

Traunsee | ©brainpark.traunsee

Tornando sul tracciato classico della Strada Romantica, si può fare una sosta a Obertraun, per vedere la Grotta ghiacciata del Dachstein, a Traunkirchen, dove si trova la Chiesa in stile barocco di Maria Krönung, e infine a Gmunden, città nota per la lavorazione della ceramica.

Proseguendo per Scharnstein si arriva in un piccolo villaggio immerso nel bosco, dove è possibile percorrere una serie di sentieri che conducono all’omonimo castello dove è possibile visitare il museo di arte contemporanea. Proseguendo verso est, la Strada Romantica attraversa Grünau, nel Parco nazionale di Almsee e arriva a Kremsmünster dove sorge l’antico monastero fondato dal duca di Baviera, Tassilo III nel 777 d.C.

Una volta giunti alla confluenza tra i fiumi Krems ed Enns, il paesaggio si caratterizza grazie a sorgenti e corsi d’acqua. Lo stesso borgo di Steyr è circondato dai fiumi e vale la pena trascorrere un po’ di tempo a esplorare ponti, fontane e la piazza principale i cui edifici sono splendidamente affrescati: simbolo della città stessa è la gotica Bummerlhaus.

Vienna

Vienna | © Wien Tourismus/Christian Stemper

Si prosegue verso Seitenstetten, dove vi aspettano l’abbazia benedettina con la chiesa barocca e una collezione di opere d’arte. Da qui il paesaggio inizia a cambiare accompagnando il viaggiatore fino alla località sacra di Maria Taferl per giungere poi a Schallaburg dove si erge l’omonimo castello. Il castello di Schallaburg rappresenta il fulcro culturale di tutta la regione; si tratta di un’opera architettonica prestigiosa che conserva una collezione di ornamenti e decori d’arte davvero eccezionale. Il giardino è invece costruito in stile manieristico ed è in grado di incantare chiunque con le sue rose storiche, gli arbusti profumati e le erbe, e i due boschetti di meli, tipici del periodo rinascimentale.

Nella vicina abbazia benedettina di Melk risalente si trova invece una delle più importanti biblioteche austriache dove sono conservati manoscritti preziosi sia dal punto di vista della manifattura che per la loro importanza storica.

L’ultima tappa conduce a Vienna, una delle città più cosmopolite d’Europa che offre continui spunti e luoghi d’arte di enorme pregio. Qui, tra architetture, design, modernismo e splendide aree verdi potrete immergervi nella più elegante e autentica atmosfera asburgica.

Per maggiori informazioniAustria Turismo

© TravelGlobe RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Articoli
Correlati