CROWNS DI SANDRO MILLER

Prefazione Angela Bassett e una poesia di Patricia Smith. A cura di Anne Morin

Bellezza e libertà di espressione attraverso le incredibili acconciature scultoree, simbolo di emancipazione delle donne afroamericane.

I capelli sono il mio fiore all’occhiello.
L’espressione di me stessa
e la mia connessione con l’universo.
Chloe

Sandro Miller è un fotografo americano noto al pubblico di tutto il mondo per le sue immagini espressive e per il lavoro fotografico fatto con John Malkovich. Le radici di Miller affondano in Italia, Germania e America, mentre quelle di sua moglie, Claude-Aline Nazaire, sono ad Haiti, nella Repubblica Dominicana, e in America. L’incontro tra l’ispirazione artistica e la capacità ritrattistica di Miller unite alla bellezza della moglie, ha dato vita a un monumento fotografico che raccoglie e rinnova la tradizione nera, mostrandone la realtà creativa, orgogliosa e individualmente espressiva. In Crowns, Miller ha documentato come le donne afroamericane dichiarino la propria libertà gestendo e lavorando sui propri capelli, creando vere e proprie sculture. Ogni ritratto di questo straordinario progetto fotografico riconosce e onora il potere inventivo e la bellezza delle donne celebrandone, allo stesso tempo, la resistenza sociale e la memoria culturale.

Sono un maschio caucasico di 60 anni con radici ancestrali in Italia, Germania e America. Sono sposato con una bellissima donna nera di 47 anni, Claude-Aline Nazaire, le cui radici ancestrali sono in Haiti, Repubblica Dominicana e America. Mia moglie è stata l’ispirazione per il Progetto fotografico CROWNS, la documentazione della realtà creativa, orgogliosa e individualmente espressiva che comunica l’eredità e la tradizione nera. CROWNS è un modo in cui posso condividere un punto di vista ideale e ottimista di auto-espressione e idealizzazione del nero. In questo tranquillo, studiato e celebrativo progetto documento la body art e sono testimone dei molti modi non detti in cui le donne nere dichiarano la loro libertà – per scelta e sensibilità – scolpendo i loro capelli curati e strutturati. Ogni ritratto in questo progetto riconosce e onora l’inventiva femminile, il potere e la bellezza mentre si celebra, allo stesso tempo, la loro resistenza sociale e la memoria culturale: il trionfo di biologia e genetica. Vedo donne che raccontano in silenzio – nelle parole e nei gesti – le loro storie di trasformazione attraverso la scultura sulla loro testa. Le donne nere annunciano così la loro nuova normalità, indipendentemente dallo stile o dalla trama; sia che portino trecce, serrature o trame; sia che i loro capelli siano naturali o stirati. Quali bersaglio dell’odio razziale, dell’oppressione sociale e dello sfruttamento sessuale, le donne nere afroamericane e africane storicamente non avevano la libertà di portare i capelli come preferivano o di vestirsi come desideravano. I capelli sono ora, per le donne nere, forse il loro più tangibile, duraturo e naturale mezzo per ricordare Il dott. Pumla Gobodo-Madikizela, un membro centrale della leggendaria Commissione sudafricana per la verità e la riconciliazione, ha scritto saggiamente sulla tensione tra ricordare e dimenticare.

Ha detto: “Possiamo chiederci se ricordare aiuti le società che hanno subito traumi più che dimenticare. Questa non è una domanda facile a cui rispondere, ma penso che dipenda da come il passato è ricordato. Se un ricordo è mantenuto vivo per accendere e coltivare vecchi odi e risentimenti, allora è probabile che culmini nella vendetta. Ma se un ricordo è mantenuto in vita per superare emozioni odiose, per liberare se stessi o la propria società dal peso dell’odio, allora ricordare ha il potere di guarire.”

Fino ad oggi, le donne nere, nelle culture occidentali, sono state controllate e represse in tanti modi: l’antica pratica disumanizzante di radere i capelli di una schiava africana, cancellando i significanti della loro cultura e identità. Una legge dello stato della Louisiana del 1786 richiedeva alle donne nere, sia schiave che libere, di coprire i capelli in pubblico. Lo scopo era quello di convincere le donne nere a desiderare di adeguarsi agli standard bianchi europei di bellezza raddrizzando i capelli.  O per far loro comprendere che era stato negato il lavoro, o lo avevano perso, perché i loro capelli naturali erano troppo poco “professionali” per gli ambienti aziendali di quei tempi. Anche in anni molto recenti le ragazze nere sono state rimandate a casa da scuola a causa delle politiche che ritengono le loro trecce “inappropriate”. Sono queste ragioni, e tante altre, che mi hanno spinto a realizzare questo progetto.

Io sono, come lo sono i soggetti ritratti di CROWNS, erede delle conquiste dei loro anziani. Tutti noi siamo guidati e plasmati dagli atti, dalla cultura, dalla tecnologia, dall’attivismo politico, dalla premura e dagli eventi negativi dei principali esponenti visionari della cultura nera globale. CROWNS favorisce la comprensione, l’affetto, un abbraccio storico, l’ottimismo, il rispetto e il perdono. Le donne di CROWNS e io stesso condividiamo la fede che i sogni gentili e buoni di Martin Luther King Jr diventino la nostra nuova realtà. Quando ho sentito per la prima volta Patricia Smith recitare la poesia “NAP UNLEASHED” che ha creato per questo progetto, ho versato lacrime. Ho sentito qualcosa di acutamente doloroso perché così tanti di noi hanno dimenticato troppe parole pronunciate e scritte da James Baldwin, Martin Luther King Jr, Malcolm X, Toni Morrison e altri su ciò che le donne nere hanno sopportato sulla loro via verso la libertà e la loro gloria. Sono grato per le parole di Patricia; ha dato un significato nuovo e ampliato a questo progetto. Questo libro è un modo gentile per tutti noi per invitarci ad andare avanti attraverso l’educazione, la poesia e la fotografia.

Sandro Miller

Cliccare sulle immagini per ingrandirle

Tutte le immagini sono state tratte dallo splendido volume:

Crowns
My Hair, My Soul, My Freedom

Fotografie di Sandro Miller, con una prefazione di Angela Bassett e una poesia di Patricia Smith. a cura di Anne Morin.

Skira editore spa, novembre 2021

Edizione inglese
30,5 × 35,1 cm, 168 pagine
140 colori, cartonato
ISBN 978-88-572-4558-4
€ 65,00

TRAVELGLOBE Riproduzione riservata

Reportage
Correlati