Scopri la natura incredibile della Lombardia: tra Lago Maggiore e Lago di Como

DatA

Scopri la natura incredibile della Lombardia: tra Lago Maggiore e Lago di Como

di Melania Bresciani | Instagram

Scopriamo cosa vedere in Lombardia tra natura selvaggia e borghi medievali: Nesso, Valsassina e Lago Maggiore.

Perchè organizzare un viaggio in Lombardia? Non è una domanda facile, la Lombardia è una delle regioni italiane più grandi e con un’incredibile varietà di paesaggi, tra montagne, colline, laghi, borghi medievali, castelli e città moderne. Un insieme variegato di storia, natura e cultura in grado di attirare ogni tipo di viaggiatore e in ogni periodo dell’anno.

L’area tra il Lago di Como e il Lago Maggiore è una delle più belle d’Italia. Perfetta per chi ama vivere a stretto contatto con la natura, fare attività all’aperto, passeggiare nelle viuzze dei borghi o rilassarsi nel verde.

Il clima in Lombardia

La Lombardia ha un clima continentale, è bello caldo in estate (soprattutto nelle zone pianeggianti e collinari) e freddo in inverno (ma con poche precipitazioni). Durante l’autunno e la primavera le temperature sono miti: un clima piacevole ma con piogge più frequenti, in grado però di creare atmosfere da fiaba, che possono interessare molto gli appassionati di fotografia, soprattutto quando le foglie si tingono di infiniti colori.

Cosa vedere in Lombardia: scopri le bellezze del Lago Maggiore

Racchiuso tra Lombardia, Piemonte e Svizzera, il Lago Maggiore è uno dei laghi più belli e ricchi di storia d’Italia, con i suoi paesaggi mozzafiato, la natura lussureggiante e le piccole perle d’arte. Ecco cosa non perdere sulla sponda lombarda del Lago Maggiore.

Il Borgo medievale di Angera

Angera è un luogo dal fascino millenario, un museo diffuso con splendide fortezze e oltre quaranta monumenti storici. Il borgo si affaccia sul lago ed è circondato da colline, prati, boschi e corsi d’acqua.

Il borgo varesino è dominato dall’alto dalla Rocca di Angera, fortificazione della famiglia Borromeo, che si erge su uno sperone roccioso sulla sponda del lago.

Laveno

Laveno, in provincia di Varese, è la cittadina più turistica della sponda orientale ed è ben collegata a quella piemontese con il traghetto. Oltre a fare un giro sul lago, è piacevole perdersi tra le vie del centro storico, ammirare le ville e gli edifici religiosi, come il campanile di origine romanica e la chiesa di Sant’Ambrogio. Oppure visitare il Museo Internazionale Design Ceramico (MIDeC), ospitato all’interno del Palazzo Perabò.

Sopra Laveno Mombello si erge il monte Sasso del Ferro, meraviglioso punto panoramico frequentato sia dai turisti che dagli appassionati di parapendio e deltaplano. Il luogo perfetto anche per un week end gourmet.

L’Eremo di Santa Caterina del Sasso

Un balcone proteso sull’acqua, l’Eremo di Santa Caterina del Sasso, in provincia di Varese, è stato fondato tra il XIII e il XIV secolo, ed è composto da tre edifici (il convento meridionale, il conventino e la chiesa). Per raggiungerlo si possono fare le lunghe scale o prendere l’ascensore. Questo monastero è un luogo magico, di una bellezza sorprendente, che infonde pace e tranquillità a chiunque lo visiti.

Dove dormire sulla sponda lombarda del Lago Maggiore

Casanellanatura propone soggiorni in agriturismi e aziende agricole famigliari, in contesti rurali ma con appartamenti ristrutturati finemente. Qui si può dormire all’interno di una fattoria a 1000 metri di altitudine, circondati solo da montagne e campi, si può assaggiare il latte appena munto e formaggi particolari. Sono luoghi ideali per gli appassionati di flora e fauna: non è difficile fare incontri ravvicinati con caprioli, cervi, volpi, scoiattoli e ghiri.

Cosa vedere in Lombardia: alla scoperta di Nesso

Spostiamoci adesso sul Lago di Como e andiamo alla scoperta del panoramico borgo di Nesso, circondato da tanto verde e con una vista invidiabile. L’incontro di due torrenti forma una bellissima cascata e una gola naturale: l’Orrido di Nesso, luogo molto suggestivo.

Il borgo merita una visita per il ponte della Civera (di origine romana, utilizzato nel 1925 come sfondo del film “Il labirinto delle passioni” di Alfred Hitchcock) e per le torri superstiti di un castello perduto, che ne testimoniano le origini antiche.

Nesso è inoltre un’ottima base per chi ama esplorare la natura e perdersi in tranquille passeggiate. Il paese è attraversato da un’antica via, la Strada Regia: pista ciclabile e pedonale lunga oltre 30 km che attraversa i paesi e la natura del Lario.

Per dormire, casenellanatura offre soluzioni particolari che garantiscono un’esperienza immersiva nel verde: ville con viste da sogno, giardini lussuosi con stradine private che portano al lago, case romantiche affacciate a picco sul lago e isolate dal mondo intero.

Cosa vedere in Lombardia: la Valsassina

La Valsassina è una valle verdissima e un po’ selvatica con una vista privilegiata sul Lago di Como. Si trova in provincia di Lecco, tra le Alpi Orobiche e il complesso montuoso delle Grigne e si raggiunge in poco tempo da Milano.

La Valsassina offre tesori artistici, storici e naturalistici, e in ogni stagione dell’anno offre attività diverse da fare, ecco qualche idea:

  • Visitare Lecco, la città manzoniana, il suo lungolago e fare un giro in battello.
  • Arrivare in cima senza fatica con la funivia: un giro al Pian delle Betulle, ai Piani d’Erna, o ai Piani di Artavaggio (con partenza da Moggio si arriva a quota 1649 m).
  • In inverno, per gli appassionati di sport invernali, imperdibili l’Alpe Giumello e i Piani di Bobbio.
  • Visitare il borgo di Morterone, il comune meno popolato d’Italia, immerso nelle montagne verdi delle Alpi.
  • Visitare la Villa Migliavacca nel borgo di Introbio, uno dei più grandi della Valsassina.
  • Cercare di vedere le aquile al Rifugio Riva o godersi il panorama.
  • Esplorare una miniera, come quella di Cortabbio.
  • Scoprire i sapori della tradizione culinaria, come il Taleggio e il Quartirolo.
  • Visitare gli agriturismi e le aziende agricole, con possibilità di acquistare prodotti a km 0.
  • Pedalare lungo la ciclopedonale che parte da Barzio e arriva a Tartavalle Terme.

Dove dormire in Valsassina

Immaginatevi di svegliarvi, aprire la finestra e ritrovarvi davanti il paesaggio frastagliato delle Alpi, campi sconfinati, frutteti e orti. Immaginatevi di fare colazione con lamponi appena raccolti, con una crostata fatta in casa e con uova freschissime. Le Nature House di Casanellanatura garantiscono esperienze divertenti e rigeneranti.

© TravelGlobe RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi su facebook
Condividi su twitter

Articoli
Correlati

SEI PRONTO AD ANDARE OLTRE?

Abbonati a TravelglobeOLTRE e accedi ai nostri contenuti speciali: contest fotografici, monografie, interviste e approfondimenti.