Cerca
Close this search box.

Come lavare il marmo: ecco il metodo e prodotti adatti per non macchiarlo

Dall’antichità fino ad oggi il marmo si identifica come qualcosa di assolutamente rilevante per la maggior parte dei contesti estetici, dove il pregio viene legato a due fattori, ovviamente la reperibilità di questa forma di roccia di tipo metamorfica ma anche alla forma di lavorazione necessaria per rendere il marmo parte integrante di strutture interne ed esterne. Una delle principali forme di attenzioni è legata anche alla manutenzione. Ma come lavare il marmo nel modo giusto ed evitare di rovinarlo?

Esistono ovviamente prodotti molto specifici per mantenere non solo una buona forma di lucidità ed aspetto “premium” del marmo ma anche prodotti naturali che se sfruttati nel modo giusto si rivelano ugualmente efficaci.

Come si può immaginare conta anche il “come” si pulisce questa forma di roccia mediamente dal pregio medio alto.

Come lavare il marmo senza rovinarlo: ecco tutti i trucchi

come pulire il marmo

Il marmo viene considerata una forma di roccia metamorfica perchè si sviluppa all’interno della crosta terrestre: già nell’antichità varie culture anche in Europa ed in Italia si sono confermate come specialiste del contesto produttivo ed ancora oggi la lavorazione del marmo è appannaggio di pochi.

E’ tra le poche rocce che possono cnfigurarsi come lucide se sottoposte ad una pulizia abbastanza costante, non è un caso che ancora oggi risulti essere scelto come contesto per le stanze di pregio ma anche per gli interni ed in sezioni specifiche come ad esempio in cucina.

Il contesto di pulizia deve essere specifico: per la pulizia quotidiana con sporco non troppo aggressivo è consigliabile l’utilizzo di acqua distillata a temperatura ambiente su un panno umido, l’acqua distillata è preferibile in quanto povera di minerali come il calcare, che può avere un impatto negativo sul materiale che è anch’esso mediamente carico di questo tipo di minerale.

Se è presente dello sporco in quantità eccessive, possiamo scegliere metodi composti da acqua a temperatura ambiente e sapone delicato o neutro , come anche il Sapone di Marsiglia che però deve essere applicato in quantità non eccessive per non rovinare la superficie.

Anche il composto realizzato da acqua e bicarbonato di sodio è efficace, in entrambi i casi bisogna essere attenti a non lasciare la superficie di marmo umida in quanto questo potrebbe compromettere l’aspetto e le condizioni del materiale, ma di utilizzare sempre un panno asciutto per rimuovere l’umidità residua che è uno dei principali “nemici” del marmo ed a lungo andare può effettivamente rovinarlo.

POTREBBE INTERESSARTI