Cerith_Wyn_Evans_Ph_Lorenzo_Palmieri_001
Cerith Wyn Evans “…the illuminating Gas” al Pirelli HangarBicocca di Milano

DatA

Cerith Wyn Evans “…the illuminating Gas” al Pirelli HangarBicocca di Milano

Cerith Wyn Evans. StarStarStar/Steer (totransversephoton), 2019. Veduta dell’installazione, Pirelli. HangarBicocca, Milano 2019.

Di Federico Klausner |@fekli

Ha aperto il 31/10, pressoil Pirelli HangarBicocca di Milano, la spettacolare mostra di Cerith Wyn Evans “…the illuminating Gas”. Un universo nero in cui corpi luminosi galleggiano nel silenzio. Si tratta della più grande esposizione mai realizzata dall’artista, concepita come una composizione sinestetica in cui gli elementi che caratterizzano le opere, come la luce, il suono, il movimento e il tempo, generano collisioni sensoriali e cortocircuiti percettivi.

Cerith Wyn Evans. Radiant Fold (…the Illuminating Gas), 2017- 2018

La luce soprattutto

Il titolo richiama l’elemento centrale dell’intera esposizione, la luce, e in particolare il neon, ossia il gas che diventa incandescente quando attraversato dall’energia elettrica. È inoltre un omaggio all’ultima opera di Marcel Duchamp, Étant donnés: 1° la chute d’eau, 2° le gaz d’éclairage… (1946-1966), realizzata segretamente nel corso di vent’anni e rivelata solo dopo la scomparsa dell’artista. La parte finale del titolo, infatti, viene tradotta in inglese come “The Illuminating Gas…”.

Cerith Wyn Evans. “….the Illuminating Gas”, veduta della mostra, Pirelli Hangar Bicocca, Milano, 2019

Una lettera d’amore dedicata allo spazio

Considerata dall’artista come una «lettera d’amore dedicata allo spazio», le 24 opere esposte, dalla prima scultura al neon TIX3 alle complesse installazioni e nuove produzioni realizzate appositamente per la mostra, occupano le Navate e il Cubo, in tutta l’altezza e profondità. Un paesaggio luminoso e sonoro in cui le opere si sviluppano secondo una coreografia che alterna ritmi differenti, tra accelerazioni e momenti di sospensione o pausa: il  percorso  è  introdotto  dal  pulsare  lento  e  intermittente  delle  sette  colonne  luminose  di  StarStarStar/Steer (totransversephoton) (2019), che si elevano fino al soffitto, e paiono ricollegarsi ai 7 Palazzi Celesti di Anselm Kiefer, ospitati nella collezione permanente del Pirelli HangarBicocca.

Cerith Wyn Evans. Neon Forms (After Noh I), 2015 (dettaglio)

Le tredici sculture

La mostra prosegue con tredici sculture al neon della serie Neon Forms (after Noh) (2015-2019) che fanno da contrappunto all’imponente Forms in Space… by Light (in Time) (2017), un arabesco di forme e linee che si espande lungo tutta la navata.

Cerith Wyn Evans. Composition for 37 Flutes (in two parts), 2018

Il suono

Il Cubo, infine, accoglie un corpus eterogeneo di opere – fra eteree scritte al neon, mobile sospesi, sculture in movimento – in cui diversi elementi sonori entrano in risonanza e concorrono a generare molteplici armonie.

Cerith Wyn Evans. Neon Forms (After Noh), 2015-2019. Veduta dell’installazione, Pirelli Hangar Bicocca, Milano, 2019.

Crediti 

Dall’alto:

Cerith Wyn Evans. StarStarStar/Steer (totransversephoton), 2019. Veduta dell’installazione, Pirelli. HangarBicocca, Milano 2019. Courtesy dell’artista; White Cube e Pirelli Hangar Bicocca. Prodotto con il supporto tecnico di INELCOM, Madrid. Foto: Agostino Osio.

Cerith Wyn Evans. Radiant Fold (…the Illuminating Gas), 2017- 2018. Veduta dell’installazione, Pirelli HangarBicocca, Milano, 2019. Courtesy dell’artista; Amgueddfa Cymru – National Museum Wales e Pirelli Hangar Bicocca. Foto: Agostino Osio.

Cerith Wyn Evans. “….the Illuminating Gas”, veduta della mostra, Pirelli HangarBicocca, Milano, 2019.Courtesy dell’artista e Pirelli Hangar Bicocca, Milano. Foto: Agostino Osio

Cerith Wyn Evans. Neon Forms (After Noh I), 2015 (dettaglio). Courtesy dell’artista; White Cube e Pirelli HangarBicocca. Foto: Agostino Osio.

Cerith Wyn Evans. Composition for 37 Flutes (in two parts), 2018. Veduta dell’installazione, Pirelli HangarBicocca, Milano, 2019. Courtesy dell’artista; White Cube e Pirelli Hangar Bicocca. Foto: Agostino Osio.

Cerith Wyn Evans. Neon Forms (After Noh), 2015-2019. Veduta dell’installazione, Pirelli HangarBicocca, Milano, 2019. Courtesy dell’artista; White Cube; Marian Goodman Gallery, New York, Parigi e Londra, e Pirelli Hangar Bicocca. Foto: Agostino Osio.

Info

Mostra:  Cerith Wyn Evans “…the illuminating Gas”.

Dove: Pirelli HangarBicocca, Via Chiese 2, 20126 Milano. Tel 02 66111573

Quando: 31/10/19 – 23/2/2020.

Orari: da giovedì a domenica 10.00-22.00.

Ingresso: libero

Info

Nota: 11 gennaio 2020, visita della mostra con Cerith Wyn Evans in conversazione con Roberta Tenconi.

©TRAVELGLOBE Riproduzione riservata

Condividi su facebook
Condividi su twitter

Articoli
Correlati

SEI PRONTO AD ANDARE OLTRE?

Abbonati a TravelglobeOLTRE e accedi ai nostri contenuti speciali: contest fotografici, monografie, interviste e approfondimenti.