Cerca
Close this search box.
Bludiprussia: a Roma apre un nuovo spazio culturale che unisce design, colore e creatività

DatA

Bludiprussia: a Roma apre un nuovo spazio culturale che unisce design, colore e creatività

_MG_7376 (2)

di Francesca Spanò | @francynefertiti

Un filo lega la passione per il viaggio al design, l’architettura al gusto per un ambiente raffinato. Seguendolo si giunge a Roma, in uno speciale “spazio del colore” che è un mondo di possibilità dischiuse proprio grazie all’amore di Sabina Guidotti per l’Europa, da Londra all’Ungheria. Questo spazio è Bludiprussia, uno showroom e centro culturale nella Capitale, a pochi passi dal Vaticano, dove a farla da padrona è la cultura del bello.Un luogo di incontro per professionisti e amanti dell’interior in cerca di un posto in cui scegliere le migliori pitture di design ma anche esplorare il rapporto con il colore, alla presenza di esperti, storici, restauratori e architetti.

L’inaugurazione dei nuovi locali nella Città Eterna

Bludiprussia apre i suoi nuovi locali nel quartiere Prati l’8 giugno. Un passo importante per lo storico showroom di vernici, cementi e resine nato nel 2003 e da allora punto di riferimento per le principali e più raffinate marche europee. 200 metri quadrati di ambienti che, come dice la stessa padrona di casa: “sono uno spazio creativo in cui il colore è libertà e dove scoprire eccellenze di prodotto e talenti che della pittura hanno fatto la propria cifra progettuale. Uno spazio in cui la scelta del colore identifica non soltanto uno stile, ma anche la personalità, e diventa una forma di condivisione di sé”.

Un rapporto stretto tra design, colore e viaggio

Un legame particolare nella storia di Bludiprussia quello col viaggio. Durante un tour di lavoro alla fine degli anni Ottanta, nella Berlino che assiste alla caduta del muro, Guidotti, all’epoca imprenditrice della moda, scopre casualmente la pittura a rullo, utilizzata nel Novecento per decorare le pareti delle case mitteleuropee. “Mi colpì questa tecnica nata per decorare le pareti in alternativa alla carta da parati. Uno stile povero, quasi contadino, ma che aveva grandi potenzialità estetiche. Tornai in Italia con duecento rulli comprati nei mercatini dalla Germania all’Ungheria”. Fu l’evento che fece scattare in lei la voglia di studiare l’arte della decorazione con i maestri fiorentini e riprendere a viaggiare in tutta Europa alla scoperta delle tinte più originali e preziose da indicare nel suo lavoro di interior. “Mi stupiva come i professionisti e i loro clienti fossero disponibili a fare grandi investimenti anche sull’arredamento, trascurando completamente la scelta del colore. Pensai così che il mio ruolo poteva essere quello di andare a caccia in Europa delle tinte migliori per portarle in Italia”.

La nascita di Bludiprussia

Il momento decisivo è a Londra nel 1998, quando Guidotti incontra David Oliver, titolare del marchio Paint Library, di cui l’imprenditrice diventerà più avanti brand ambassador italiana. “In quello spazio raffinatissimo a Chelsea, David aveva iniziato a costruire la sua fama. Iniziammo a collaborare organizzando i suoi allestimenti per le fiere. Capii allora che era arrivato il momento di aprire il mio spazio da dedicare al colore e alla sua progettazione. Uno spazio dove il colore fosse il centro intorno al quale progettare”. Dal 2003, Bludiprussia è il luogo perfetto per chi cerca i migliori marchi di pitture, parati, cementi, resine e tessuti, ma anche il riferimento di una rete professionale che confeziona soluzioni su misura e in cui è valorizzato ed esaltato il ruolo di architetti, designer e artigiani. Bludiprussia fornisce materiali, crea, progetta e fa da consulente. A questo, si aggiunge l’attività incessante di talent scout di Sabina Guidotti,  che prosegue da vent’anni in giro per il mondo come sul web e che fa di Bludiprussia e della sua titolare gli ambasciatori italiani del colore.

© TravelGlobe RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli
Correlati