image_pdfimage_print

Autunno a Lisbona: turismo fluviale e birdwatching

Date

Autunno a Lisbona: turismo fluviale e birdwatching

di Francesca Spanò |@francynefertiti

Non solo mitici tram, monumenti e passeggiate nel centro storico: Lisbona, finita la bella stagione, si può vivere anche in modo originale e alternativo. Un viaggio lento nella Riserva Naturale dell’Estuario del fiume Tejo, può riservare delle sorprese inaspettate. Da queste parti, infatti, buona idea può essere quella di dedicarsi al birdwatching, alle passeggiate a cavallo o a un giro tra le saline.

saline

Il legame di Lisbona con l’acqua

Da sempre è un elemento che la caratterizza, ma non tutti sanno che l’acqua è protagonista anche della regione del Tejo. Quest’ultima circonda l’estuario del fiume da cui prende il nome, una delle dieci zone umide più importanti d’Europa composta da paludi salmastre, canneti e saline, che costituiscono l’habitat ideale per circa 250 specie faunistiche, specialmente per gli uccelli. La Estação Sul Sueste, vicino a Terreiro do Paço, è un vero simbolo tra le due sponde del Tejo e rappresenta il molo più famoso del luogo. Integrato a Sul Sueste è il Centro Tejo, in grado di offrire esperienze multimediali per l’interpretazione, la valorizzazione e la consapevolezza ambientale delle due sponde del fiume.

turismo fluviale

Gite in barca e fenicotteri rosa

Cosa c’è di più romantico di un giro in barca sul Tejo, per avvistare aironi, anatre, avocette, piovanelli, pivieri dorati, otarde, galline prataiole, gheppi che si alternano ai rari grifoni di Rupelli o alla garza delle scogliere. I veri protagonisti, però, restano i fenicotteri rosa, che si alzano sulle acque del fiume offrendo uno spettacolo magico. Sia per gli appassionati di birdwatching che per chi si avvicina per la prima volta a questa alternativa, l’indirizzo al quale rivolgersi è quello di EVOA – Espaço de Visitação e Observação de Aves, che, oltre a fornire un calendario che indica la probabilità di avvistamento delle specie presenti, organizza tour e attività di ogni tipo, dai classici itinerari guidati giornalieri a vere e proprie esperienze, come il Grand Tour che abbina birdwatching, passeggiate tra i campi e degustazioni di vino, fino alla sessione di avvistamento delle civette e ai workshop di fotografia. In più, la Riserva Naturale dell’Estuario del Fiume Tejo si presta benissimo anche a sport acquatici adatti a grandi e piccoli, come vela e canoa, mentre per praticare kite, surf, windsurf e stand up paddle bisogna spingersi fino alla vicina Praia dos Moinhos. Un’ultima opzione, è la passeggiata a cavallo tra verdeggianti distese e piccoli corsi d’acqua oppure raggiungere Alcochete, uno dei maggiori centri di produzione di sale del paese, un’attività ancora oggi importante, tanto che esiste una fondazione creata ad hoc, quella delle Salinas do Samouco. A 40 minuti dal centro di Lisbona, Alcochete è l’opzione perfetta per chi cerca ritmi lenti e desidera respirare la vera anima lusitana.

TRAVELGLOBE Riproduzione Riservata

Articoli
Correlati