Australia: perdersi all’interno di un castello di cristallo

DatA

Australia: perdersi all’interno di un castello di cristallo

image_pdfimage_print

di Francesca Spanò | @francynefertiti

Un castello di cristallo, come nelle favole, dove restare incantati a guardare la bellezza di colori e sfumature che il vetro proietta in ogni dove. Si trova in Australia, l’Australia’s Crystal Castle, per la precisione nell’entroterra di Byron Bay nel New South Wales. Oltre all’innegabile meraviglia, al suo interno anche un interessante primato: la caverna più grande di ametiste (e di cristalli appunto) del mondo. In più, si tratta di un angolo di mondo molto particolare, che aiuta ogni individuo a trovare una connessione spirituale più profonda.

Il passato e il presente

La storia del castello è altrettanto affascinante. L’edificio fu acquistato nel 1986 da Naren King e le sue linee architettoniche colpivano già allora. I locali, per questo, lo chiamano da sempre “The castle”. Il proprietario, però, lo ha trasformato in un luogo da sogno, creando Crystalight, diventando in breve tempo il primo importatore diretto nel Paese di cristalli naturali di qualità. Non esiste nel globo uno che lavora su grande scala come lui, ma come è nata questa avventura trasformata in un remunerativo mestiere? Byron Bay, in realtà ha una natura hippy e da piccolo commercio per un pubblico limitato, quello di King è cambiato nel tempo, dopo oltre trenta anni di viaggi per il mondo per portare in Australia il meglio.

La Grotta incantata

Si è formata oltre 120 milioni di anni fa nel nord dell’Uruguay. L’ametista nasce in modo particolare ed ha origine da una bolla gigante che cresce dentro un flusso di lava fusa. Con la pressione e il calore, il ferro permette la formazione di diversi cristalli di ametista. Dell’esistenza del massiccio venne a conoscenza lo stesso Naren che volle per sé questa roccia di 5,5 metri e un peso di almeno venti tonnellate.

I cristalli più grandi del mondo

Non solo ametiste ma anche cristalli: dentro il Crystal Castle spiccano due geodi di quarzo fumé di 5,5 metri (18 piedi), acquistati anche da un agricoltore uruguaiano. Includono elementi di ametista e calcite.

Il tour

Esplorare la grotta incantata è possibile per non più di quattro persone alla volta, per meditare e rilassarsi. Gli esperti, infatti, guidano i partecipanti verso un “profondo viaggio interiore”. Ci si può poi dedicare alla Daily Peace Experience, la Crystal Experience – un seminario introduttivo sull’utilizzo di cristalli, foto di aura e letture di tarocchi e il tour di Shambhala Gardens.

I Giardini Shambala

Al loro interno si trova l’unico unico Stupa della pace mondiale di Kalachakra nell’emisfero australe, che è stato benedetto da Sua Santità il Dalai Lama. Non manca una passeggiata del Buddha, con la presenza di una statua di quattro metri e altre intagliate a mano. Tra i sentieri ci sono, infine, il Labirinto, la Spirale Damanhur, il Sentiero Riflessologia, la Foresta degli Amici e della Famiglia e la Passeggiata della Foresta Pluviale.

© TravelGlobe RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli
Correlati